06/11/2006, 00.00
COREA DEL SUD – COREA DEL NORD
Invia ad un amico

Seoul, industria e politica intendono mantenere vivo il dialogo con il Nord

di Theresa Kim Hwa-young
Oltre il 70 % delle aziende che lavorano a progetti economici intercoreani vuole continuare il rapporto con il regime. Nel frattempo, il presidente Roh conclude il rimpasto di governo con la nomina di 4 colombe sgradite agli Stati Uniti.

Seoul (AsiaNews) – Oltre il 70 % delle aziende del sud che lavorano a progetti economici intercoreani non intendono interrompere i contatti con il nord della penisola in seguito al test nucleare del 9 ottobre scorso. Lo rivela un recente sondaggio condotto dalla Camera di commercio coreana.

Secondo l'indagine, condotta fra le 200 aziende che intrattengono in qualche modo rapporti commerciali con la Corea del Nord, l'88 % degli industriali che opera presso il Complesso industriale inter-coreano di Gaesong "non ha alcuna intenzione di fermare la produzione".

Di questi, il 46 % chiede "un approccio più cauto nei confronti della controparte, sempre nell'ambito della produzione congiunta", mentre il 42 % "non intende parlare di alcuna limitazione".

I dati di questo sondaggio sono molto importanti, date le accuse rivolte dagli Stati Uniti a quelle industrie che "con la loro cooperazione economica aiutano i disegni bellici del regime guidato da Kim Jong-il". Esso dimostra infatti che la maggioranza degli investitori e della popolazione sudcoreana mantiene intatto il desiderio di non tagliare le comunicazioni, e l'invio degli aiuti umanitari, con la parte nord del confine.

Un altro segnale di questo desiderio di dialogo fra Seoul e Pyongyang viene dal rimpasto ministeriale voluto dal presidente Roh Moo-hyun. Il 1° novembre, infatti, egli ha nominato 4 "colombe" al vertice di sezioni-chiave del governo: difesa, unificazione, servizi segreti ed esteri.

Secondo diversi analisti, queste nomine rappresentano la riaffermazione della politica "del sole splendente" lanciata dal predecessore di Roh, Kim Dae-jung, che predica cooperazione e dialogo con il regime stalinista guidato dal "Caro Leader" Kim jong-il. Per altri studiosi, esse sono una sorta di "sfida diplomatica" alla politica estera americana.

In modo particolare, Washington sembra non aver gradito la nomina di Song Min-soon al vertice del ministero degli Esteri. Ad un incontro pubblico del 18 ottobre scorso, parlando della crisi nucleare e dell'intervento Usa, Song ha dichiarato: "Gli Stati Uniti sono la nazione che ha combattuto più guerre nella storia dell'umanità, considerati gli anni trascorsi dalla sua creazione come Stato".

Per Park Jin-hyun, ricercatore presso la Scuola di studi internazionali dell'Università di Seoul, "questo modo di pensare non è passato inosservato. Molti speravano che l'esperimento atomico potesse cambiare la politica estera del Sud, ma queste nomine dimostrano che Roh non ne ha alcuna intenzione".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Ex leader di Pyongyang: "Solo la caduta di Kim può fermare la crisi nucleare coreana"
09/11/2006
Nucleare, dopo un anno a Pechino torna il negoziatore di Kim Jong-il
28/11/2006
Pyongyang torna al tavolo del disarmo ma detta le sue condizioni
02/11/2006
Pyongyang minaccia l'Onu: sanzioni dure significano guerra
11/10/2006
Per la Cina Kim Jong-il "vuole tornare al tavolo del disarmo nucleare"
20/10/2006