23 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/01/2017, 08.53

    COREA DEL SUD

    Seoul avverte Pyongyang: Un altro test missilistico porterà sanzioni più dure



    Nel discorso d’inizio anno Kim Jong-un ha annunciato che è quasi pronto un missile intercontinentale  in grado, quindi, di colpire gli Usa.

     

     

    Seoul (AsiaNews) – Il ministro della Difesa sudcoreano ha annunciato che se la Corea del Nord svolgerà un altro test del missile balistico intercontinentale (Icbm), incorrerà in sanzioni ancora più pesanti. Inoltre il ministro ha comunicato che in caso di provocazioni da parte del nord, il governo sudcoreano si rivarrà in modo forte e austero. 

    L’avvertimento risale al giorno dopo che il ministro degli Esteri nordcoreano aveva comunicato che Pyongyang era pronta a effettuare il test missilistico in un momento e in un luogo deciso dal leader nordcoreano Kim Jong-un.

    Kim, nel suo discorso di inizio anno, aveva già comunicato che il Paese è nelle fasi finali per ultimare un prototipo di missile a lungo raggio dalla portata di più di 13mila chilometri, in grado, quindi, di colpire gli Usa.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/01/2015 COREA
    Corea, Seoul propone una "road map" pratica per la (futura) riunificazione
    L'atteggiamento oltranzista della presidente Park non convince i sudcoreani, e nei sondaggi la sua popolarità cala. Dall'inizio del 2015 il suo governo sembra aver cambiato rotta nei rapporti con il Nord: presentato un piano tecnico per unire i due Paesi con una ferrovia; centri culturali nelle due capitali e soprattutto una legge identica per quando si riuniranno.

    02/01/2017 12:24:00 COREA DEL NORD
    Kim Jong-un: Vicini al test finale del missile balistico intercontinentale

    Nel 2016 il Paese ha svolto più di 20 test missilistici, due dei quali con testate atomiche. Secondo esperti il 2017 è il “momento opportuno” per completare l’arsenale nucleare.



    13/10/2006 COREA DEL SUD – COREA DEL NORD
    Card. Cheong: "Aspettiamo con pazienza, la crisi nucleare va risolta in maniera pacifica"

    Il porporato, arcivescovo di Seoul ed amministratore apostolico di Pyongyang, sottolinea ad AsiaNews che il test è stato annunciato ma che nessuno lo può confermare. Il presidente della Caritas sudcoreana, mons. Lazzaro You, aggiunge che non si deve pensare ad un blocco degli aiuti: la prossima settimana, incontro a Roma della Caritas internazionale per decidere come procedere con il Nord.



    10/10/2006 COREA DEL SUD – COREA DEL NORD
    Seoul, vescovi coreani riuniti per gestire gli aiuti al Nord dopo l'esperimento atomico

    I presuli della Corea del Sud, impegnati nei lavori dell'assemblea generale della Conferenza episcopale, hanno riunito tutti coloro che operano nel campo degli aiuti umanitari alla popolazione nordcoreana. Domani parte per il nord il direttore della Caritas locale.



    13/06/2005 COREA DEL SUD – COREA DEL NORD
    Corea del Sud, Rooh "sicuro" della ripresa dei colloqui sul nucleare

    Nel recente incontro con Bush ha sostenuto la necessità di fare "proposte concrete" a Pyongyang piuttosto che chiedere sanzioni alla comunità internazionale





    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®