18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 31/10/2017, 08.57

    COREA DEL SUD - CINA

    Seoul e Pechino riprendono le relazioni ‘normali’



    I rapporti si erano deteriorati a causa dello spiegamento del sistema anti-missilistico Thaad. Pechino aveva boicottato voli, turismo, vendita al dettaglio di prodotti sudcoreani. La ripresa delle comunicazioni avviene alla vigilia del viaggio di Trump in Asia.

    Seoul (AsiaNews/Agenzie) - Seoul e Pechino hanno deciso di riprendere in pieno il loro rapporto e far tornare scambi e cooperazione “al loro passo normale”. L’annuncio è stato dato da un comunicato congiunto dopo un incontro fra Nam Gwan-pyo, direttore dell’Ufficio della sicurezza nazionale a Seoul e Kong Xuanyou, del ministero degli esteri di Pechino.

    L’accordo viene dopo quasi un anno di difficili relazioni in seguito allo spiegamento di alcune batterie del sistema anti-missilistico Thaad.

    Lo scorso luglio 2016, davanti alla minaccia dei missili nordcoreani, la Corea del Sud ha deciso di istallare il sistema anti-missilistico di difesa creato dagli Usa. Ma la Cina si è subito dichiarata contraria perché i potenti radar del Thaad possono mettere in pericolo la sua sicurezza strategica.

    Temendo di essere spiata, la Cina ha reagito con misure punitive verso il business sudcoreano: proibendo visite di cinesi in Corea del Sud, boicottando catene di negozi sudcoreani in Cina, ecc…

    L’industria sudcoreana del turismo, dell’intrattenimento e della vendita al dettaglio, che dipende molto dai clienti cinesi, ha subito un duro colpo, tanto che due catene di negozi in Cina, E-Mark e Lotte Mart hanno deciso di uscire dal mercato cinese.

    I due Paesi non hanno ancora risolto la disputa sul sistema anti-missilistico, ma entrambi hanno dichiarato che terranno presente la posizione dell’altro alla ricerca di una soluzione.

    La Corea del Sud ha confermato che “il proposito originale dello spiegamento non è diretto a una terza nazione” e la Cina ha preso nota “della posizione della parte coreana” e che “sono d’accordo nell’impegnarsi a comunicazioni legate al tema del Thaad”.
    Il cambiamento del clima teso è avvenuto da quando il presidente Moon Jae-in, vincitore delle elezioni dello scorso maggio, ha frenato l’istallazione completa del Thaad e continua a proporre, insieme alle sanzioni verso Pyongyang, anche finestre di dialogo, evitando ogni scontro armato. La sua posizione, mettendo insieme sanzioni e dialogo con la Nordcorea, si distacca da quella degli Stati Uniti che - soprattutto con il suo presidente - minaccia azioni belliche e distruttive.

    L’accordo annunciato apre a nuovi incontri diplomatici ad alto livello: Moon incontrerà il suo omologo cinese Xi Jinping al margine dell’incontro Apec (Asia Pacific Economic Cooperation) che si terrà in Vietnam il 10 e l’11 novembre. Per la fine dell’anno è prevista una visita di Moon a Pechino e per febbraio una visita di Xi a Seoul in occasione delle Olimpiadi invernali a Pyeongchang.

    Il raffreddamento delle tensioni fra Pechino e Seoul avviene poco prima del primo viaggio del presidente Usa Donald Trump in Asia. Dal 3 al 14 novembre egli toccherà Giappone, Corea del Sud, Cina, Vietnam e Filippine. Si prevede che Trump spinga Seoul e Tokyo a impegnarsi per bloccare il programma nucleare di Pyongyang e la sua minaccia missilistica.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/09/2017 08:57:00 CINA-USA-COREA
    Xi Jinping e Trump condannano insieme il test nucleare di Pyongyang

    Il test nucleare è “un’azione provocatoria e destabilizzante”, “pericolosa per il mondo” e che non fa gli interessi di Pyongyang. Ambasciatore del Nord all’Onu: Il test è “un pacco-regalo agli Usa”. Istallate altre quattro rampe del sistema antimissilistico Thaad, inviso a Pechino e Mosca.



    03/02/2017 10:22:00 COREA-USA
    Seoul e Washington per lo scudo spaziale che non piace a Pechino, Mosca e alla Chiesa coreana

    Mattis e il presidente coreano ad interim hanno ribadito la necessità del sistema anti-missilistico Thaad. Per i cinesi, Trump sta potenziando la presenza Usa nel Nordest dell’Asia. Chiesa cattolica: No alla penisola coreana come al centro di una nuova guerra fredda.



    05/09/2017 09:12:00 ONU-COREA
    Consiglio di sicurezza Onu sulla Corea del Nord: Guerra, sanzioni, dialogo

    Ambasciatrice Usa: Pyongyang sta supplicando per una guerra. La pazienza degli Usa “non è senza limiti”. Per Cina e Russia occorre frenare che fanno crescere la tensione. Stop alle esercitazioni militari congiunte in cambio di dialogo con il Nord. Putin al telefono con Moon Jae-in. Trump propone vendita di armi alla Corea del Sud.



    08/06/2017 08:37:00 COREA
    Pyongyang lancia nuovi missili. Moon frena lo sviluppo del Thaad

    I missili lanciati oggi non sono sottoposti al divieto Onu. Essi potrebbero colpire delle “grandi navi”. Bloccato ogni ulteriore spiegamento del sistema anti-missilistico Usa per motivi ecologici. Manifestazioni anti-Thaad a Seongju. Seoul è disposto a continuare i rapporti intercoreani con le ong e le organizzazioni caritative e religiose, ma Pyongyang le rifiuta.



    07/08/2017 09:00:00 COREA
    Manila, i ministri degli esteri di Sudcorea, Usa e Giappone valutano la posizione di Pyongyang

    La proposta di mediazione del presidente sudcoreano Moon Jae-in è sostenuta dalla Cina e in parte dagli Usa. Prima stretta di mano fra i ministri degli esteri del Nord e del Sud nell'epoca Moon. La risoluzione Onu dà fiato alle diplomazie nel tentativo di scongiurare la guerra. Moon e Trump a colloquio telefonico.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®