20 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/10/2017, 15.51

    COREA DEL SUD

    Seoul riprenderà la costruzione di due impianti nucleari



    Rese pubbliche le raccomandazioni della commissione ufficiale. Inaspettato consenso del pubblico per il programma energetico nucleare. L’interruzione dei lavori era una promessa elettorale di Moon. Prospettata riduzione graduale del nucleare, da cui il Paese dipende per un terzo della propria energia elettrica. Occorrono almeno 60 anni per l'eliminazione totale.

    Seoul (AsiaNews/Agenzie) – La Corea del Sud riprenderà la costruzione di due impianti nucleari. La decisione è stata presa quest’oggi, dopo che un sondaggio ufficiale ha rivelato un inaspettato consenso per la ripresa del programma energetico nucleare. L’interruzione dei lavori era stato un punto fondamentale della campagna elettorale del presidente Moon Jae-in.

    La commissione statale era stata istituita per valutare l’opinione pubblica sui reattori Shin Kori-5 e Shin Kori-6, in costruzione nella città sud-orientale di Ulsan. Secondo il sondaggio, il 59.5% di una giuria composta da 471 membri si è espressa a favore della ripresa dei lavori.

    In campagna elettorale Moon aveva promesso di interrompere la costruzione dei reattori. Dopo essere stato eletto ha deciso di adeguare le decisioni alla volontà dell’opinione pubblica, ordinando l’istituzione di una commissione indipendente incaricata di condurre sondaggi e produrre raccomandazioni. Il neoeletto presidente ha promesso di rispettare le indicazioni, e dovrebbe annunciare la loro applicazione all’incontro di gabinetto previsto per la settimana prossima.

    Gli impianti erano completi al 30% quando la costruzione dei due reattori è stata sospesa a luglio. Al tempo, il progetto era già costato 1.6mila miliardi di won [circa 1.2 miliardi di euro]. La proposta di abbandonare i reattori nucleari aveva scatenato accesi dibattiti nel Paese, che si affida all’energia atomica per un terzo della propria fornitura elettrica.

    Moon sostiene che la Corea del Sud dovrebbe ridurre la propria dipendenza dal nucleare in modo graduale, aumentando l’uso di risorse rinnovabili. La proposta è di chiudere i reattori quando la loro autonomia giungerà al termine, senza correre alla totale chiusura prima del tempo. Un programma che potrebbe richiedere anche 60 anni per eliminare l’energia nucleare dalla Sudcorea.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/02/2007 GIAPPONE – NORDCOREA
    Ultimatum di Tokyo a Pyongyang: denuclearizzare o niente aiuti
    Il governo nipponico sottolinea che senza passi concreti verso la denuclearizzazione della penisola coreana, cesserà l’invio di energia ed aiuti umanitari alla popolazione del nord.

    26/10/2016 08:56:00 GIAPPONE
    Enormi costi per smantellare l’impianto nucleare di Fukushima

    Governo e Tepco (la compagnia che gestiva l’impianto) calcolano che occorreranno circa 30 anni e 2mila miliardi di yen. Lo smantellamento include la rimozione delle scorie nucleari, la costruzione di strutture per rendere stabile il reattore; la decontaminazione dell’area con la rimozione del suolo, degli edifici e degli alberi contaminati.



    19/09/2005 COREA DEL NORD
    La Corea del Nord abbandona il programma nucleare
    Dopo 2 anni di colloqui il regime comunista accetta di smantellare i reattori atomici in cambio di petrolio, energia elettrica ed aiuti umanitari.

    19/03/2007 NORDCOREA – USA
    Washington scongela i fondi nordcoreani fermi a Macao
    Con questa decisione si apre la strada allo smantellamento dei reattori nucleari della Corea del Nord. Cauto ottimismo da Tokyo e Pechino.

    01/07/2005 COREA DEL NORD
    Corea del Nord, ripresa la costruzione di 2 reattori nucleari
    Sembra un "avvertimento" alla comunità internazionale, possono produrre il plutonio per costruire 6 atomiche.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®