30/01/2019, 11.16
COREA – GIAPPONE
Invia ad un amico

Seoul si ferma per onorare la “madre” delle donne conforto

Kim Bok-dong, schiava sessuale dei giapponesi durante la II Guerra mondiale, è stata una delle prime coreane a denunciare i maltrattamenti e gli abusi subiti. La sua scelta coraggiosa ha rotto il muro del silenzio. Il suo feretro sfilerà accanto all'ambasciata di Tokyo. Il presidente Moon: “Spezza il cuore che sia morta senza vedere la soluzione di questo terribile problema”.

Seoul (AsiaNews/Agenzie) – Migliaia di sudcoreani sono scesi oggi in piazza a Seoul per onorare la memoria di Kim Bok-dong, schiava sessuale dei giapponesi durante la II Guerra mondiale. La Kim, 92 anni, si è spenta dopo una lunga battaglia contro il cancro. Nel 1992 è stata una delle prime coreane a denunciare i maltrattamenti e gli abusi subiti rompendo il muro del silenzio eretto dalla fine del secondo conflitto mondiale.

Yoon Mee-hyang, che guida un agguerrito gruppo che lavora per i diritti delle donne, racconta: “Bok-dong ha pensato fino all'ultimo alla sua battaglia. Poco prima di morire ha aperto gli occhi all'improvviso e ha raccontato una lunga storia. Non ho capito tutto quello che diceva, ma ho sentito chiaramente l'invito a continuare a combattere fino alla fine”.

Il presidente sudcoreano Moon Jae-in ha visitato la camera ardente dell'attivista e ha dichiarato ai giornalisti presenti: “Spezza il cuore sapere che sia morta senza vedere la soluzione di questo terribile problema”.

La Kim aveva 14 anni quando, catturata dagli invasori giapponesi, è stata mandata in un bordello militare e costretta a subire abusi sessuali. Il suo calvario l'ha portata in Cina, Indonesia, Malaysia e Singapore, al seguito delle truppe imperiali. Per decenni ha condannato l'atteggiamento nipponico, che ha definito le “donne conforto” delle “volontarie in cerca di una vita migliore”. Verrà sepolta domani, e il suo feretro sfilerà accanto all'ambasciata di Tokyo prima di essere interrato.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Accordo storico con Seoul: Tokyo si scusa per le “donne conforto”
28/12/2015
Monito di Lee Myung-bak a Tokyo: risolvere il dramma delle donne conforto
03/03/2012
Vescovi sudcoreani chiedono giustizia per le “donne-conforto”
16/12/2011
Il governo di Tokyo "si scuserà in maniera ufficiale" con le donne conforto coreane
24/07/2014
Seoul, proteste all’apertura della fondazione per le “donne conforto”
28/07/2016 13:09