24/01/2006, 00.00
corea del sud - corea del nord
Invia ad un amico

Seoul: nel 2005 accolti quasi 1400 rifugiati dal Nord

Il numero totale dei rifugiati dalla fine della Guerra di Corea sale così ad 8 mila.

Seoul (AsiaNews/Agenzie) – Sono poco meno di 1.400 le persone che nel 2005 sono scappate dal regime comunista nordcoreano per cercare rifugio nella parte sud della penisola coreana. Il numero totale di coloro che ha passato il confine dalla fine della Guerra di Corea sale così ad 8 mila.

Lo ha reso noto ieri il ministero sudcoreano dell'Unificazione, che ha pubblicato i dati ufficiali sul fenomeno per lo scorso anno.

I rappresentanti ufficiali del governo sottolineano che i 1.387 rifugiati rappresentano un calo rispetto ai 1.894 del 2004, ma sono comunque "moltissimi" se confrontati con i 583 del 2001 ed i mille del 2002.

Un anno fa la Commissione di aiuto per i rifugiati nordcoreani, un gruppo per i diritti umani di Seoul, aveva dichiarato che Pyongyang aveva messo a morte 70 cittadini trovati nascosti e catturati in Cina, rispedendo alle proprie case i cadaveri.

La pratica è stata definita "comune" dagli osservatori internazionali ed ha lo scopo di scoraggiare i cittadini a lasciare il Paese.

La Commissione stima che più di 300 mila nordcoreani siano al momento nascosti in Cina, anche se Pechino, di norma, tende a rimpatriarli.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
La Corea del Sud discute se rimpatriare nel Nord 29 ex prigionieri di guerra
27/09/2005
Chiesa coreana: nasce una nuova cattedrale sul confine con il Nord
12/04/2006
Almeno 8 morti e 30 intrappolati in due miniere cinesi
25/04/2005
Seoul ripensa l'unificazione, Pyongyang ruba i beni umanitari
25/10/2006
Corea: Pyongyang chiede altri aiuti umanitari
24/04/2006