21 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 08/02/2018, 11.40

    CINA

    Shaanxi: bambina di 12 anni vende i suoi capelli per comprare uno smartphone e contattare la madre migrante



    La piccola He Jingling è una dei 61 milioni di bambini “lasciati indietro” dai genitori, che vanno nelle città a lavorare. I nonni riescono a guadagnare 921 euro all’anno. Almeno 40 milioni di bambini segnati dalla “relativa povertà”. Xi Jinping ha promesso di debellarla entro il 2020.

    Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) – He Jingling, 12 anni, è diventata un’eroina dopo la televisione del Jiangsu ha raccontato la sua storia. La bambina ha venduto i suoi capelli per comprare uno smartphone e poter contattare la madre, una migrante che lavora nelle grandi città.

    “I miei capelli – racconta la bambina alla televisione – erano lunghi fino alla vita. Questo è stato il più grande ricavo con cui ho contribuito per la mia famiglia”.

    La bambina ha venduto i suoi capelli per 300 yuan (circa 40 euro) per comprare il telefonino e poter vedere sua madre via video.

    “Mia mamma è molto lontana. E non ha molti soldi da spendere in telefonate, così non possiamo parlare molto al telefono”. “Non potevo vedere la sua faccia durante le chiamate e così era meglio non chiamare”.

    La mamma di He Jingling, dopo il divorzio, ha cercato lavoro emigrando; la piccola sta con i nonni nelle campagne dello Shaanxi. Essi vivono con un piccolo allevamento di polli e un fazzoletto di terra dove coltivano erbe medicinali. Tutti insieme, i ricavi dal lavoro si aggirano sui 7mila yuan all’anno (circa 921 euro).

    Secondo il governo, vi sono in Cina almeno 61 milioni di bambini “lasciati indietro” dai genitori che emigrano per motivi di lavoro.

    Uno studio dell’Università Normale di Pechino afferma che circa 40 milioni di bambini (il 16,7% di tutti i bambini cinesi) vivono nella stessa situazione di He Jingling, nella “relativa povertà”.

    La “relativa povertà” nelle zone rurali è definita quando il reddito annuale di una famiglia è minore di 4213 yuan a persona (550 euro); in città, quando è meno di 9659 yuan (1270 euro).

    Il presidente Xi Jinping ha promesso che sradicherà la povertà nelle campagne entro il 2020.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/01/2018 11:25:00 CINA
    Il ‘bambino di ghiaccio’, il volto della povertà

    Un bambino di otto anni percorre ogni mattina quasi 5 km per andare a scuola nel freddo dello Yunnan. È uno degli oltre 60 milioni di “bambini lasciati indietro” dai genitori migrati in città per trovare lavoro. La storia di Wang ha commosso la Cina.



    21/10/2016 12:23:00 CINA
    Cina, 61 milioni di bambini abbandonati in campagna: i genitori sono lavoratori migranti in città

    Le condizioni di vita dei parenti e i veti delle autorità locali non garantiscono ai bambini la scuola e le cure mediche. Alti rischi di incidenti e di scivolamento nella delinquenza. Nel 2015 vi erano 247 milioni di lavoratori migranti in Cina.



    11/03/2006 Cina
    Cina: 20 milioni di bambini migranti discriminati dalla scuola pubblica

    Per loro è difficile avere un posto nelle scuole delle grandi città perché non sono riconosciuti come residenti. Spesso possono andare solo nelle scuole private condotte da volontari.



    09/02/2010 CINA
    Scuole “per migranti” demolite, bambini costretti a lasciare Pechino
    Pechino e altre grandi città vogliono demolire interi quartieri, per ricostruirli moderni. Ma così demoliscono anche le economiche scuole per i figli dei migranti, esclusi dall’istruzione pubblica gratuita. Molti bambini rischiano di non poter tornare coi genitori nelle grandi città.

    30/05/2007 CINA
    Giocattoli che costano poco, ma portano malattie
    Il mito del successo economico e gli interessi dei bambini. Fabbriche dell’Hebei imbottiscono i giocattoli di materiali di scarto portatori di germi e di malattie. Vanno a ruba perché sono economici. Intanto Pechino denuncia la difficile situazione dei figli di migranti, abbandonati nel paese d’origine.



    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®