27 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 15/05/2010, 00.00

    CINA

    Shanghai, nasce l’Istituto del Dialogo Xu-Ricci



    Creato per sostenere il dialogo fra Oriente e Occidente, la struttura – che unisce il nome del gesuita morto 400 anni fa a quello del suo miglior amico cinese – cerca di essere un ponte fra i due mondi. Shanghai lancia anche il più grande dizionario sino-francese, il “Grand Ricci”.
    Shanghai (AsiaNews/Ucan) – L’università Fudan di Shanghai ha lanciato lo scorso 11 maggio l’Istituto del Dialogo Xu-Ricci, per commemorare il missionario italiano della Compagnia di Gesù nel 400esimo anniversario della sua morte . L’istituto, che risponde alla Facoltà locale di Filosofia, ha inaugurato la struttura con un colloquio per celebrare il contributo di p. Ricci al dialogo fra Est e Ovest.
     
    Il nuovo centro prende il nome dal sacerdote di Macerata e dal suo più stretto amico cinese, Paolo Xu Guangqi, il primo cattolico di Shanghai. Secondo il gesuita francese Benoit Vermander, co-direttore dell’istituto, è il primo centro accademico cinese che unisce questi due nomi. Lo scopo della struttura è quello di promuovere la ricerca accademica, l’insegnamento degli studi religiosi e la comparazione fra le culture e le filosofie cinesi e occidentali.
     
    Al colloquio iniziale dell’11 maggio hanno partecipato circa 70 docenti, cinesi e stranieri, che operano nel campo dell’economia, della filosofia e degli studi religiosi. Nel dibattito, i partecipanti hanno affrontato il dialogo inter-religioso e le sfide che affrontano le comunità cinese e globale. Subito dopo è stato presentata anche l’edizione digitale del “Grand Ricci”, un dizionario francese-cinese, presso il museo di Shanghai.
     
    Il dizionario, considerato il più esteso testo a comparare il cinese e una lingua straniera, è pubblicato dall’Istituto Ricci di Taipei. Il p. Ricci è arrivato in Cina nel 1583 ed ha passato nel Paese 27 anni; è morto a Pechino l’11 maggio del 1610. Conosciuto come Li Madou nel mondo cinese, è riconosciuto come il fondatore del cristianesimo moderno in Cina e come il fondatore dello scambio culturale fra Est e Ovest. Da parte sua, Shanghai è stata il maggior centro delle attività missionarie nella Cina moderna, in maniera particolare dopo che la città è stata costretta ad aprire le proprie porte alle potenze straniere nella prima metà del diciannovesimo secolo.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/06/2010 VATICANO – CINA
    Sacerdote cinese porta al papa doni da Sheshan e Shanghai
    P. Matteo Chu, ha portato a Benedetto XVI un dipinto e un bassorilievo provenienti dalla Chiesa di Shanghai. Il sacerdote, che vive a Taipei e ha molti legami con la Chiesa cinese, ha detto al pontefice il desiderio dei cristiani di iniziare il processo di beatificazione per Matteo Ricci e per Paolo Xu Guangqi.

    15/06/2010 CINA - VATICANO
    Da Shanghai a Roma, la gioia di essere prete nell’Anno sacerdotale
    La testimonianza di p. Matteo Chu, 27 anni di lavori forzati in Cina, ora sacerdote a Taiwan, felice di essere a Roma per celebrare la conclusione dell’Anno sacerdotale. Un appello e una preghiera per i sacerdoti della Cina popolare.

    28/12/2009 CINA
    Mons. Jin Luxian: Cattolici di Shanghai sulle orme di Matteo Ricci
    Per celebrare i 400 anni dalla morte del missionario gesuita, i cattolici devono imparare dal suo stile: fede in Dio, amore alla cultura cinese, rispetto per insegnanti e amici. L’educazione non può essere ridotta a un affare di mercato; i cattolici devono studiare e lavorare di più, senza perdere tempo alla televisione e al computer. “Arroganza e pregiudizio” di autorità ecclesiastiche e cinesi hanno frenato l’evangelizzazione in Cina.

    20/05/2010 HONG KONG – CINA – VATICANO
    Il Papa al card. Zen: “Dovreste essere al santuario mariano di Sheshan”
    Il vescovo emerito di Hong Kong ha guidato una veglia di preghiera per la libertà religiosa e la Chiesa in Cina, e ha rivelato uno scambio di battute avvenuto con Benedetto XVI nel corso del pellegrinaggio a Fatima.

    21/06/2016 14:44:00 CINA
    L’inculturazione della teologia, chiave per la libertà religiosa in Cina

    La Chiesa cattolica cinese ha subito decenni di immobilità forzata per ordine del regime comunista. La ripresa delle attività, negli anni Ottanta del secolo scorso, ha evidenziato la mancanza di pastori e amministratori. Ora servono studiosi e teologi, in grado di sviluppare un sistema locale inculturato che possa davvero dialogare con la società. Anche se qua e là vi è paura per la diffusione del cristianesimo. Uno studio del trimestrale Tripod, della diocesi di Hong Kong. Traduzione in italiano a cura di AsiaNews.





    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®