28 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/10/2010, 00.00

    CINA

    Shanghai adotta nuove misure contro la speculazione immobiliare



    Proibito alle famiglie di acquistare una terza casa. Posti limiti ai finanziamenti bancari e aumentate le tasse. Esperti: simili misure hanno effetti solo nel breve termine, occorre invece realizzare case a prezzi popolari per i meno abbienti.

    Shanghai (AsiaNews/Agenzie) – L'amministrazione di Shanghai ha introdotto ieri le nuove norme per limitare l’acquisto di appartamenti, secondo le direttive di Pechino finalizzate a frenare le speculazioni nel settore immobiliare e contenere i prezzi.

    Ogni famiglia a Shanghai potrà ora comprare solo un altro appartamento, proibito l’acquisto della terza casa. Inoltre il municipio ha annunciato limiti ai finanziamenti bancari per gli acquisti immobiliari e l’introduzione di una nuova tassa immobiliare. Intanto è già stato ordinato alle banche di non concedere finanziamenti per l’acquisto di una terza casa.

    E’ anche prevista l’imposizione di una tassa ai costruttori tra il 2 e il 5% del valore dei palazzi da realizzare, se – come accade in genere - si ha intenzione di venderli ai prezzi massimi di mercato. Peraltro tale tassa già esiste, fissata al 2%.

    La Cina è preoccupata per il costante aumento dei prezzi immobiliari, favoriti dalla concentrazione della popolazione nelle grandi città e dal facile accesso al finanziamento bancario. Il timore è che si sia creata un bolla speculativa e che un eventuale crollo dei prezzi travolgerebbe i risparmi di milioni di famiglie.

    Per questo da tempo Pechino emana misure per contenere acquisti e prezzi e Shanghai . Ma esperti osservano che simili provvedimenti possono avere effetti solo di breve termine e che bisognerebbe piuttosto realizzare case popolari destinate ai meno abbienti e rivedere e contenere i finanziamenti bancari. Analisti osservano che misure simili sono già state adottate a Pechino e Shenzhen ma hanno ottenuto risultati limitati e la domanda di case è rimasta robusta.

    Shanghai prevede di urbanizzare altri 1.100 ettari di terreno in un anno, il 70% destinato ad appartamenti piccoli e medi e di costo contenuto. Lo stesso municipio, tuttavia, non prevede una diminuzione della domanda, se si considera che parla di costruire un milione di alloggi di costo contenuto nei prossimi 5 anni.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/01/2011 CINA
    Shanghai, nuove tasse sugli immobili, scarsi gli effetti antispeculativi
    Da oggi a Shanghai e Chongqing, e poi in tutto il Paese, maggiori imposte sulla seconda casa. Il governo vuole fermare la speculazione immobiliare, ma la casa rimane il principale bene-rifugio per gli investimenti anche delle famiglie.

    09/03/2011 CINA
    La Cina spenderà 1.300 miliardi di yuan per frenare il caro-mattone
    Crescono ancora i prezzi delle case, nonostante le iniziative contrarie del governo. Pechino annuncia la costruzione di 10 milioni di nuove abitazioni destinate alle famiglie a basso reddito.

    18/02/2011 CINA
    Aumentano gli investimenti esteri in Cina, si temono ricadute sull’inflazione
    A gennaio gli investimenti esteri sono aumentati del 23,4% rispetto al gennaio 2010. Il 2010 è stato un anno record per l’arrivo dei capitali esteri. Ma grandi somme perseguono finalità speculative, come il settore immobiliare. Esperti: per frenare l’inflazione, Pechino dovrà infine apprezzare lo yuan.

    27/12/2010 CINA
    Wen: la popolazione non perda fiducia, il governo saprà frenare l’inflazione
    Il premier interviene in un noto talk show radiofonico e risponde alle domande sull’inflazione. Pechino è preoccupata dell’inflazione ma anche della crescente sfiducia sociale verso il governo. Esperti: se permane l’attuale situazione, può esplodere il malcontento.

    08/07/2011 CINA
    Il crollo dell’economia della Cina
    Accelera l’inflazione, grandi banche cinesi perdono in borsa dopo che Moody’s ha detto che sono piene di “cattivi crediti”. Appare irreversibile la crisi del “boom economico” cinese. Esperti: occorre cambiare subito il modello di sviluppo, aumentando i diritti economici dei cittadini rispetto allo Stato.



    In evidenza

    VATICANO-EGITTO
    Papa Francesco in videomessaggio: Caro popolo d’Egitto…

    Papa Francesco

    In occasione della sua visita al Paese (28-29 aprile), oggi papa Francesco ha trasmesso un videomessaggio al popolo egiziano. “Il nostro mondo, dilaniato dalla violenza cieca – che ha colpito anche il cuore della vostra cara terra – ha bisogno di pace, di amore e di misericordia; ha bisogno di operatori di pace”.


    ISLAM
    Le radici dell’islamismo violento sono nell’islam, parola di musulmano

    Kamel Abderrahmani

    Dopo ogni attentato terrorista si tende a dire: “Questo non è l’islam”. Eppure quegli atti criminali sono giustificati e ispirati dai testi che sono il riferimento dei musulmani e delle istituzioni islamiche nel mondo. È urgente una riforma dell’islam dall’interno, da parte degli stessi musulmani. La convivenza con le altre religioni è la strada per togliere l’islam dalla sclerosi e dalla stagnazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®