31 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/05/2006
cina
Shanghai: vittime della Rivoluzione Culturale chiedono il risarcimento per le violenze subite

La piccola manifestazione ha rotto il muro di silenzio imposto dal governo. Le vittime del "grande caos" chiedono anche il ritorno delle proprietà illegalmente requisite dallo stato.



Shanghai (AsiaNews) – Un gruppo di persone di Shanghai ha avuto il coraggio di sfidare il silenzio imposto dalle autorità sulle commemorazioni della Rivoluzione Culturale. Circa 150 persone hanno protestato ieri contro il governo per essere stati deportati con la forza negli anni '60 e per essere stati trattati male al loro ritorno a Shanghai.

La piccola e coraggiosa manifestazione si è tenuta nei pressi di un "ufficio per le petizioni", dove i cittadini possono indirizzare critiche e richieste al governo. Molti di loro avevano cartelli con su scritto: "Non c'è niente di male nel protestare".

La maggior parte dei dimostranti ha subito negli anni '60 la deportazione nelle campagne del Xinjiang, all'interno del progetto maoista di "inviare nelle campagne" i giovani delle città

Il gruppo ha presentato una regolare petizione, criticando gli aiuti medici e pensionistici loro dati dopo il ritorno a Shanghai. Tali aiuti sono da essi definiti "inadeguati".

"Ci hanno obbligato ad andare là – ha gridato un donna di mezza età – ed ora vogliamo essere risarciti per tutto quanto ci è stato tolto… Abbiamo perso moltissimo".

Durante la Rivoluzione Culturale (1966-1976), milioni di persone sono stati uccisi o perseguitati. Il Partito comunista ha proibito a tutti i cinesi di parlare dell'argomento, temendo che "antiche ferite" vengano riaperte. Il timore è che molte persone chiedano giustizia per le violenze subite, domandando risarcimenti allo stato e al Partito.

Secondo studiosi del periodo, durante i 10 anni del "grande caos", vi sono stati almeno 3 milioni di morti e 200 milioni di persone segnate dalle violenze. Nelle lotte intestine, molte proprietà furono distrutte o requisite. Accademici cinesi sostengono che il governo dovrebbe compensare le vittime delle violenze e ritornare tutte le proprietà requisite illegalmente.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/05/2006 Cina
La Cina non commemora la Rivoluzione Culturale ma ne applica i metodi
03/10/2005 CINA
Pechino chiude una mostra su Mao
25/09/2013 CINA
Wei Jingsheng: La legge anti-blogger, peggiore della Rivoluzione culturale
di Wei Jingsheng
10/05/2005 Cina
Cina: è morto Zhang Chunqiao, membro della Banda dei 4
05/11/2012 CINA
Scricchiola il legame fra l'esercito e il Partito comunista cinese
di Wang Zhicheng

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate