11 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/06/2006, 00.00

    Cina

    Shanxi, bitume cancerogeno minaccia l'acqua di 10 milioni di persone



    A seguito di un incidente stradale si sono riversate nel fiume Dasha oltre 60 tonnellate di bitume, che rischiano di inquinare l'acqua di Baoding, nell'Hebei. Esplosioni in una fabbrica chimica del Zhejiang minacciano invece il fiume Oujiang.

    Pechino (AsiaNews/Scmp) – Un gruppo di operai della provincia centrale dello Shanxi sta lavorando da ieri in maniera ininterrotta per cercare di ripulire un fiume dalle oltre 60 tonnellate di bitume cadute in maniera accidentale in acqua.

    Gli operai stanno facendo "tutto il possibile" per fermare il corso inquinato prima che questo raggiunga la riserva acquifera di una città con oltre 10 milioni di abitanti.

    Secondo la Xinhua, i lavoratori stanno usando imbottiture piene di cotone, paglia e carbone attivo per cercare di assorbire il bitume – riconosciuto da molto tempo come elemento cancerogeno – prima che questo tocchi il bacino Wangkuai, da cui attingono l'acqua gli abitanti di Baoding, città del vicino Hebei.

    Il bitume è caduto nel fiume Dasha il 12 giugno scorso, quando il camion che lo trasportava ha subito un incidente stradale e si è ribaltato: il guidatore è stato arrestato. Baoding si trova a circa 70 chilometri dal luogo dell'incidente, ma l'acqua inquinata viaggia a circa un chilometro l'ora e per fermarla le autorità hanno messo in funzione le 24 dighe presenti sul corso del Dasha.

    Il 13 giugno la lingua di bitume ha raggiunto l'acqua della contea di Fuping: le autorità hanno chiesto ai circa 50 mila residenti della zona di attingere da altre riserve e di stare lontano dal fiume finchè questo non verrà ripulito.

    Un incidente legato all'ambiente ha colpito anche il Zhejiang, provincia orientale del Paese, dove una serie di esplosioni in una fabbrica chimica ha disperso in aria delle nubi tossiche. Al momento due persone risultano disperse ed altre 800 sono state evacuate da Longquan, dove è avvenuto l'incidente. Le esplosioni, fuori controllo, sono continuate per circa sei ore.

    Secondo la Xinhua, i fumi tossici potrebbero contaminare le acque del fiume Oujiang, che passa attraverso le città di Wenzohu e di Lishui.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/08/2011 CINA
    Il Fiume delle Perle avvelenato dal cromo. Per mesi le autorità cinesi hanno negato
    Analisi private dimostrano concentrazioni nocive di cromo nel fiume Nanpan e nel terreno circostante. Eppure le autorità per mesi hanno negato ci fossero problemi. Le indagini conseguenti a denunce su blog internet. Ora sono stati arrestati 5 responsabili

    14/12/2006 CINA
    Il Fiume Giallo, culla della civiltà cinese, è “morto” per oltre il 60%
    Decine di migliaia di fabbriche chimiche scaricano rifiuti tossici e nocivi. Il Paese soffre per uno sviluppo economico che ha “sacrificato l’ambiente”.

    15/03/2011 CINA
    Cina: terre rare, il problema di come estrarle tutelando l'ambiente e le riserve
    Il mondo ha accusato la Cina di slealtà quando ha diminuito l’esportazione di terre rare. Ma Pechino ha davvero problemi di grave inquinamento e di eccessivo sfruttamento delle riserve. Ora deve rendere la produzione eco-compatibile ed estirpare il commercio gestito da gruppi criminali.

    24/11/2005 CINA
    Una massa d'acqua velenosa lunga 80 km. arriva ad Harbin

    Contiene benzene che supera di 30 volte il limite consentito: può avvelenare, causare il cancro e altre malattie. Una popolazione furibonda e rassegnata attende che l'acqua passi. Si teme che l'inquinamento faccia danni anche in Russia.



    24/11/2005 CINA
    Le autorità pubbliche si scusano (in ritardo) per avere mentito sul disastro di Harbin

    Per 10 giorni la televisione ha continuato a minimizzare e mentire. Infuriati i commenti dei giornali.





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®