21 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 16/06/2006
Cina
Shanxi, bitume cancerogeno minaccia l'acqua di 10 milioni di persone

A seguito di un incidente stradale si sono riversate nel fiume Dasha oltre 60 tonnellate di bitume, che rischiano di inquinare l'acqua di Baoding, nell'Hebei. Esplosioni in una fabbrica chimica del Zhejiang minacciano invece il fiume Oujiang.



Pechino (AsiaNews/Scmp) – Un gruppo di operai della provincia centrale dello Shanxi sta lavorando da ieri in maniera ininterrotta per cercare di ripulire un fiume dalle oltre 60 tonnellate di bitume cadute in maniera accidentale in acqua.

Gli operai stanno facendo "tutto il possibile" per fermare il corso inquinato prima che questo raggiunga la riserva acquifera di una città con oltre 10 milioni di abitanti.

Secondo la Xinhua, i lavoratori stanno usando imbottiture piene di cotone, paglia e carbone attivo per cercare di assorbire il bitume – riconosciuto da molto tempo come elemento cancerogeno – prima che questo tocchi il bacino Wangkuai, da cui attingono l'acqua gli abitanti di Baoding, città del vicino Hebei.

Il bitume è caduto nel fiume Dasha il 12 giugno scorso, quando il camion che lo trasportava ha subito un incidente stradale e si è ribaltato: il guidatore è stato arrestato. Baoding si trova a circa 70 chilometri dal luogo dell'incidente, ma l'acqua inquinata viaggia a circa un chilometro l'ora e per fermarla le autorità hanno messo in funzione le 24 dighe presenti sul corso del Dasha.

Il 13 giugno la lingua di bitume ha raggiunto l'acqua della contea di Fuping: le autorità hanno chiesto ai circa 50 mila residenti della zona di attingere da altre riserve e di stare lontano dal fiume finchè questo non verrà ripulito.

Un incidente legato all'ambiente ha colpito anche il Zhejiang, provincia orientale del Paese, dove una serie di esplosioni in una fabbrica chimica ha disperso in aria delle nubi tossiche. Al momento due persone risultano disperse ed altre 800 sono state evacuate da Longquan, dove è avvenuto l'incidente. Le esplosioni, fuori controllo, sono continuate per circa sei ore.

Secondo la Xinhua, i fumi tossici potrebbero contaminare le acque del fiume Oujiang, che passa attraverso le città di Wenzohu e di Lishui.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
31/08/2011 CINA
Il Fiume delle Perle avvelenato dal cromo. Per mesi le autorità cinesi hanno negato
15/03/2011 CINA
Cina: terre rare, il problema di come estrarle tutelando l'ambiente e le riserve
14/12/2006 CINA
Il Fiume Giallo, culla della civiltà cinese, è “morto” per oltre il 60%
24/11/2005 CINA
Una massa d'acqua velenosa lunga 80 km. arriva ad Harbin
24/11/2005 CINA
Le autorità pubbliche si scusano (in ritardo) per avere mentito sul disastro di Harbin

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate