20 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/05/2006, 00.00

    Cina

    Shanxi: dopo il disastro in miniera, sospesi funzionari del governo



    Le autorità di Datong hanno rimosso dal loro incarico il sindaco di un villaggio ed il segretario del Partito comunista locale, sembra con l'accusa di corruzione. Sempre di meno le speranze di salvezza per i 57 minatori intrappolati dall'inondazione.

    Datong (AsiaNews/Agenzie) – Il governo ha rimosso due suoi rappresentanti coinvolti nelle indagini sull'inondazione della miniera Xinjing Coal, nella contea di Zuoyun (Shanxi), che ha intrappolato sotto terra 57 minatori ed è stata definita "il disastro minerario più grave degli ultimi anni".

    Un portavoce della municipalità di Datong ha confermato che Liu Yongxin, sindaco di Zhangjiachang, e Chang Rui, segretario del Partito comunista locale, sono stati rimossi da ogni incarico, ma non ha specificato per quali accuse. Secondo alcune indiscrezioni, tuttavia, sembra che i due abbiano accettato delle tangenti per coprire i risultati delle indagini sulle cause del disastro.

    Tutte le attività estrattive della zona sono state interrotte per permettere alle squadre di soccorso di lavorare nel miglior modo possibile. Esse stanno pompando via l'acqua dal sottosuolo, ma il fatto che l'inondazione sia avvenuta oramai una settimana fa lascia poche speranze di salvezza per gli intrappolati.

    Le autorità centrali hanno rinnovato la loro intenzione di investigare sulle pratiche minerarie della Xinjing e sui possibili casi di corruzione nei confronti di altri funzionari governativi, che avrebbero permesso ai dirigenti di estrarre molto più carbone rispetto alle capacità massime di sicurezza della miniera.

    Il problema delle miniere diventa sempre più pressante per i vertici cinesi. Secondo fonti ufficiali, nel corso della campagna nazionale per la sicurezza del lavoro lanciata da Pechino, i governi provinciali hanno chiuso 4.876 gallerie di estrazione illegali ed hanno identificato 952 membri del governo che – contrariamente a quanto imposto dal Partito comunista – hanno investito in azioni minerarie per un totale di 156 milioni di yuan (oltre 15 milioni di euro).

    In tutto il Paese, nel 2005, gli incidenti sono addirittura aumentati (+ 8,5% nei primi 9 mesi dell'anno rispetto al 2004, secondo dati ufficiali) e si sono avute le sciagure più gravi degli ultimi 50 anni. Nei primi sei mesi del 2006, la media è stata di 16 vittime al giorno.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/05/2006 Cina
    Cina, poche speranze di salvezza per i minatori intrappolati nello Shanxi

    A cinque giorni dall'inondazione che ha bloccato sotto terra 57 minatori della contea di Zuoyun, nessuno dei soccorritori parla di sopravvivenza. Attivate solo ieri, per "problemi tecnici" le pompe drenanti.



    22/05/2006 Cina
    Cina, allagata una miniera: 57 minatori intrappolati, dirigenti arrestati

    La polizia ha fermato i nove dirigenti della Xinjing Coal Mine, accusati di aver coperto l'entità dell'incidente ed aver depistato le indagini. "E' il peggior incidente minerario di tutto l'anno".



    10/12/2007 CINA
    Shanxi: tra i morti in miniera, almeno 50 soccorritori non preparati
    Secondo i media statali cinesi, metà delle 105 vittime del disastro nella miniera Rui Zhiyuan erano membri delle squadre di soccorso non addestrati per il loro lavoro. Conferma un sopravvissuto: avevamo le maschere anti-gas, ma non sapevamo usarle.

    07/12/2007 CINA
    Shanxi, sale a 105 il bilancio dei morti nella miniera Rui Zhiyuan
    La polizia cinese ha arrestato questa mattina due dirigenti della miniera, accusati di aver cercato di insabbiare l’incidente, sprecando tempo utile per le ricerche ed i soccorsi ai minatori intrappolati. Incidenti anche nell’Hebei e nel Xinjiang.

    12/03/2007 CINA
    Allagata una miniera di proprietà del governo, 22 morti
    Altri sette minatori risultano dispersi, ma i lavori di soccorso sono quasi fermi a causa di una fuga di gas che ha reso la miniera inagibile. La “piattaforma della tigre”, dove è avvenuto l’incidente, è una delle 45 miniere più pericolose del Paese.



    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®