15 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 05/07/2012
CINA
Shifang, il governo pagherà le spese mediche dei feriti durante gli scontri
La popolazione è scesa in piazza per fermare un impianto molto inquinante e ha vinto su tutta la linea. Gli arrestati sono stati rilasciati, anche se 6 si trovano ancora in galera, e le autorità hanno bloccato il progetto. Una nuova coscienza civile prende piede in tutta la Cina.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Il governo della città di Shifang, nella provincia sudorientale del Sichuan, ha annunciato che pagherà le spese mediche per coloro che sono rimasti feriti durante i tre giorni di manifestazioni contro la costruzione di un impianto per la produzione di rame e molibdeno da 1,6 miliardi di dollari. Le autorità si sono impegnate a risarcire "tutti, non importa se manifestanti o semplici passanti".

Gli scontri fra la popolazione e la polizia hanno avuto effetto, dato che il governo ha annullato il progetto: i residenti locali sostengono infatti che esso avrebbe portato un aumento dei casi di cancro nella zona e del grado di inquinamento delle campagne.

La popolazione era scesa in piazza lo scorso 1mo luglio: testimoni locali confermano che nella prima serata di scontri diversi squadroni di polizia in tenuta antisommossa e dispiegamenti dell'esercito hanno occupato le zone del centro dopo aver usato gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti.

Gli agenti hanno arrestato 27 manifestanti con l'accusa di aver distrutto proprietà pubbliche: di questi, 21 sono stati rilasciati nella serata di due giorni fa dalle autorità senza alcuna accusa. I 6 ancora in galera devono rispondere di lancio di oggetti contro la polizia. Tuttavia la loro posizione sembra alleggerirsi, dato che alcuni residenti continuano a manifestare per chiedere il loro rilascio.

Un 15enne della zona accusa gli agenti di violenza eccessiva: "Stavo passando per la strada quando 20 o 30 poliziotti mi sono saltati addosso. Mi hanno preso a calci mentre ero a terra per circa un minuto e sono arrivati a picchiarmi con delle sbarre".

La vittoria dei residente di Shifang segna un punto importante per il problema dell'inquinamento in Cina. Fino ad ora, le autorità comuniste locali hanno espropriato i terreni della popolazione senza pagare indennizzi per poi rivenderli a industriali privati, il più delle volte intenzionati a costruire fabbriche molto inquinanti. Ma una nuova coscienza pubblica sta prendendo piede in tutto il Paese, e le manifestazioni ottengono il loro scopo.

Il Partito sa bene che non può fermare le proteste sociali, oramai decine di migliaia ogni anno, e ha deciso di scendere a patti nei casi in cui può farlo senza perdere la faccia. Il governo centrale ha più volte ammonito i dirigenti locali di "non esagerare" in questi casi, dato che spesso sono motivati dalla corruzione, e ha ricordato loro che "è a rischio la sopravvivenza stessa del sistema di governo nazionale".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/07/2012 CINA
Sichuan, la popolazione blocca la costruzione di un impianto cancerogeno
01/08/2007 CINA
Mano dura contro chi protesta per i salari o l’acqua potabile
02/09/2009 CINA
Guerriglia urbana nel Fujian: oltre 10mila abitanti contro la polizia
22/05/2007 CINA
Rivolte nel Guangxi contro la sterilizzazione forzata
15/07/2010 CINA
Scontri etnici nel Guangxi, per una fabbrica che avvelena l’acqua

In evidenza
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate