5 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 05/07/2012
CINA
Shifang, il governo pagherà le spese mediche dei feriti durante gli scontri
La popolazione è scesa in piazza per fermare un impianto molto inquinante e ha vinto su tutta la linea. Gli arrestati sono stati rilasciati, anche se 6 si trovano ancora in galera, e le autorità hanno bloccato il progetto. Una nuova coscienza civile prende piede in tutta la Cina.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Il governo della città di Shifang, nella provincia sudorientale del Sichuan, ha annunciato che pagherà le spese mediche per coloro che sono rimasti feriti durante i tre giorni di manifestazioni contro la costruzione di un impianto per la produzione di rame e molibdeno da 1,6 miliardi di dollari. Le autorità si sono impegnate a risarcire "tutti, non importa se manifestanti o semplici passanti".

Gli scontri fra la popolazione e la polizia hanno avuto effetto, dato che il governo ha annullato il progetto: i residenti locali sostengono infatti che esso avrebbe portato un aumento dei casi di cancro nella zona e del grado di inquinamento delle campagne.

La popolazione era scesa in piazza lo scorso 1mo luglio: testimoni locali confermano che nella prima serata di scontri diversi squadroni di polizia in tenuta antisommossa e dispiegamenti dell'esercito hanno occupato le zone del centro dopo aver usato gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti.

Gli agenti hanno arrestato 27 manifestanti con l'accusa di aver distrutto proprietà pubbliche: di questi, 21 sono stati rilasciati nella serata di due giorni fa dalle autorità senza alcuna accusa. I 6 ancora in galera devono rispondere di lancio di oggetti contro la polizia. Tuttavia la loro posizione sembra alleggerirsi, dato che alcuni residenti continuano a manifestare per chiedere il loro rilascio.

Un 15enne della zona accusa gli agenti di violenza eccessiva: "Stavo passando per la strada quando 20 o 30 poliziotti mi sono saltati addosso. Mi hanno preso a calci mentre ero a terra per circa un minuto e sono arrivati a picchiarmi con delle sbarre".

La vittoria dei residente di Shifang segna un punto importante per il problema dell'inquinamento in Cina. Fino ad ora, le autorità comuniste locali hanno espropriato i terreni della popolazione senza pagare indennizzi per poi rivenderli a industriali privati, il più delle volte intenzionati a costruire fabbriche molto inquinanti. Ma una nuova coscienza pubblica sta prendendo piede in tutto il Paese, e le manifestazioni ottengono il loro scopo.

Il Partito sa bene che non può fermare le proteste sociali, oramai decine di migliaia ogni anno, e ha deciso di scendere a patti nei casi in cui può farlo senza perdere la faccia. Il governo centrale ha più volte ammonito i dirigenti locali di "non esagerare" in questi casi, dato che spesso sono motivati dalla corruzione, e ha ricordato loro che "è a rischio la sopravvivenza stessa del sistema di governo nazionale".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/07/2012 CINA
Sichuan, la popolazione blocca la costruzione di un impianto cancerogeno
01/08/2007 CINA
Mano dura contro chi protesta per i salari o l’acqua potabile
02/09/2009 CINA
Guerriglia urbana nel Fujian: oltre 10mila abitanti contro la polizia
22/05/2007 CINA
Rivolte nel Guangxi contro la sterilizzazione forzata
15/07/2010 CINA
Scontri etnici nel Guangxi, per una fabbrica che avvelena l’acqua

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate