30 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 05/07/2012, 00.00

    CINA

    Shifang, il governo pagherà le spese mediche dei feriti durante gli scontri



    La popolazione è scesa in piazza per fermare un impianto molto inquinante e ha vinto su tutta la linea. Gli arrestati sono stati rilasciati, anche se 6 si trovano ancora in galera, e le autorità hanno bloccato il progetto. Una nuova coscienza civile prende piede in tutta la Cina.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Il governo della città di Shifang, nella provincia sudorientale del Sichuan, ha annunciato che pagherà le spese mediche per coloro che sono rimasti feriti durante i tre giorni di manifestazioni contro la costruzione di un impianto per la produzione di rame e molibdeno da 1,6 miliardi di dollari. Le autorità si sono impegnate a risarcire "tutti, non importa se manifestanti o semplici passanti".

    Gli scontri fra la popolazione e la polizia hanno avuto effetto, dato che il governo ha annullato il progetto: i residenti locali sostengono infatti che esso avrebbe portato un aumento dei casi di cancro nella zona e del grado di inquinamento delle campagne.

    La popolazione era scesa in piazza lo scorso 1mo luglio: testimoni locali confermano che nella prima serata di scontri diversi squadroni di polizia in tenuta antisommossa e dispiegamenti dell'esercito hanno occupato le zone del centro dopo aver usato gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti.

    Gli agenti hanno arrestato 27 manifestanti con l'accusa di aver distrutto proprietà pubbliche: di questi, 21 sono stati rilasciati nella serata di due giorni fa dalle autorità senza alcuna accusa. I 6 ancora in galera devono rispondere di lancio di oggetti contro la polizia. Tuttavia la loro posizione sembra alleggerirsi, dato che alcuni residenti continuano a manifestare per chiedere il loro rilascio.

    Un 15enne della zona accusa gli agenti di violenza eccessiva: "Stavo passando per la strada quando 20 o 30 poliziotti mi sono saltati addosso. Mi hanno preso a calci mentre ero a terra per circa un minuto e sono arrivati a picchiarmi con delle sbarre".

    La vittoria dei residente di Shifang segna un punto importante per il problema dell'inquinamento in Cina. Fino ad ora, le autorità comuniste locali hanno espropriato i terreni della popolazione senza pagare indennizzi per poi rivenderli a industriali privati, il più delle volte intenzionati a costruire fabbriche molto inquinanti. Ma una nuova coscienza pubblica sta prendendo piede in tutto il Paese, e le manifestazioni ottengono il loro scopo.

    Il Partito sa bene che non può fermare le proteste sociali, oramai decine di migliaia ogni anno, e ha deciso di scendere a patti nei casi in cui può farlo senza perdere la faccia. Il governo centrale ha più volte ammonito i dirigenti locali di "non esagerare" in questi casi, dato che spesso sono motivati dalla corruzione, e ha ricordato loro che "è a rischio la sopravvivenza stessa del sistema di governo nazionale".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/07/2012 CINA
    Sichuan, la popolazione blocca la costruzione di un impianto cancerogeno
    Gli abitanti di Shifang scendono in piazza e, dopo due giorni di manifestazioni e scontri con la polizia, bloccano un impianto per la produzione di rame molibdeno da 1,6 miliardi di dollari. Il Partito libera i dimostranti arrestati. Su internet monta la protesta: “Ora basta. Dobbiamo ottenere la nostra indipendenza da questo governo”.

    01/08/2007 CINA
    Mano dura contro chi protesta per i salari o l’acqua potabile
    Nel Guangxi il quotidiano del Pc locale accusa le guide turistiche di frodare i turisti. Le guide protestano davanti al municipio e la polizia le arresta, poi il giornale chiede scusa per mettere tutto a tacere. Guerriglia urbana nel Sichuan perché in migliaia protestano che una fabbrica inquina l’acqua potabile.

    02/09/2009 CINA
    Guerriglia urbana nel Fujian: oltre 10mila abitanti contro la polizia
    Le forze dell'ordine lanciano gas lacrimogeni per sciogliere una protesta pacifica contro l'inquinamento di una raffineria. Esplodono gli scontri, con decine di feriti. Le autorità dicono che l’impianto è in regola, ma i residenti lamentano un’alta percentuale di malati di cancro.

    22/05/2007 CINA
    Rivolte nel Guangxi contro la sterilizzazione forzata
    A marzo il governo di Bobai ordina multe e sterilizzazione per le donne che hanno violato la politica del figlio-unico. Negli scorsi giorni centinaia di contadini assalgono gli uffici pubblici e si scontrano con la polizia. Ieri “calma tesa”, dopo giorni di guerriglia urbana

    15/07/2010 CINA
    Scontri etnici nel Guangxi, per una fabbrica che avvelena l’acqua
    in migliaia protestano contro una fabbrica di alluminio che inquina, ma le guardie private li bastonano. Sit in e scontri con la polizia. I residenti sono etnici Zhuang.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®