12 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/03/2017, 14.31

    VATICANO

    Si è dimessa dalla Commissione per la protezione dei minori Marie Collins, vittima di abusi



    In un articolo la donna parla di mancanza di risorse, inadeguatezza delle strutture del personale, lentezza dei progressi, resistenza culturale e soprattutto della resistenza di persone e uffici della Curia romana ad accogliere le raccomandazioni della Commissione, “nonostante la loro approvazione da parte del Papa”. Continuerà però a collaborare con la Commissione in un “ruolo educativo”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) - Mancanza di risorse, inadeguatezza delle strutture del personale, lentezza dei progressi, resistenza culturale: sono le motivazioni addotte da Marie Collins (a sin. nella foto) per motivare le sue dimissioni dalla Pontificia commissione per la protezione dei minori. La Collins, irlandese, che è una vittima di abusi, ha però accettato l'invito del presidente della Commissione, cardinale Sean Patrick O'Malley, (a destra nella foto) di continuare a lavorare con la Commissione in un ruolo educativo “in riconoscimento delle sue  eccezionali capacità di insegnamento” e per l'impatto della sua testimonianza personale.

    In un articolo pubblicato oggi – giorno delle dimissioni – sul National Catholic Reporter , la Collins scrive: “Sono venuto al punto in cui non posso più essere sostenuta dalla speranza” e sottolinea la resistenza di persone e uffici della Curia romana ad accogliere le raccomandazioni della Commissione, “nonostante la loro approvazione da parte del Papa”. “E’ inaccettabile la riluttanza di alcuni nella Curia vaticana ad attuare le raccomandazioni o cooperare con il lavoro di una commissione quando lo scopo è quello di migliorare la sicurezza dei bambini e degli adulti vulnerabili in tutto il mondo”.

    “Durante il nostro primo anno – scrive ancora - abbiamo dovuto andare avanti senza un ufficio o personale” ed è stato “difficile per un lungo periodo” trovare un metodo col quale dialogare con i dicasteri vaticani. La Collins ricorda poi che la mancata attuazione – malgrado l’approvazione papale del giugno 2015 - della raccomandazione della Commissione di creare un tribunale per esaminare le negligenze delle quali i vescovi avrebbero potuto essere chiamati a rispondere.  

    Da parte sua, il presidente della Commissione,  cardinale O'Malley, in una dichiarazione diffusa oggi esprime "a nome dei membri della Commissione” i “più sinceri ringraziamenti” alla signora Collins “per i contributi straordinari che ha offerto come membro fondatore della Commissione”. La nota afferma poi la volontà di “ascoltare con attenzione” le preoccupazioni che la Collins vorrà condividere e che tali temi saranno affrontati nella plenaria in programma il mese prossimo. “Con i membri della Commissione sono profondamente grato per la volontà di Maria di continuare a lavorare con noi nella formazione dei responsabili ecclesiastici, compresi i programmi futuri per i nuovi vescovi e per i dicasteri della Santa Sede".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/09/2016 15:42:00 VATICANO
    Si moltiplicano le iniziative di formazione per la tutela dei minori

    L’elaborazione di un modello per le linee guida nella protezione di minori e lo stato di avanzamento dei programmi di formazione sono stati al centro dell’assemblea plenaria della Pontificia commissione per la protezione dei minori (PCPM) tenutasi in Vaticano dal 5 all’11 settembre.

     



    15/01/2017 12:15:00 VATICANO
    Papa: La Chiesa non annuncia sé stessa, annuncia Cristo; non porta sé stessa, porta Cristo

    All’Angelus, papa Francesco afferma che “la Chiesa, in ogni tempo, è chiamata a fare quello che fece Giovanni il Battista, indicare Gesù alla gente”. “Guai, guai quando la Chiesa annuncia sé stessa: perde la bussola, non sa dove va”. Nella Giornata mondiale del migrante e rifugiato, dedicata ai migranti minorenni, “è necessario adottare ogni possibile misura per garantire ai minori migranti la protezione e la difesa, come anche la loro integrazione”. L’augurio alle comunità etniche di “vivere serenamente nelle località che vi accolgono, rispettandone le leggi e le tradizioni e, al tempo stesso, custodendo i valori delle vostre culture di origine”. Il grazie all’Ufficio Migrantes e l’esempio di santa Francesca Saverio Cabrini, patrona dei migranti.



    16/09/2015 VATICANO
    Consiglio dei cardinali: ci sarà un dicastero per “laici, famiglia e vita”
    Per gli abusi sui minori si sta studiando anche “la possibilità di un trattazione più rapida dei numerosi casi ancora pendenti”. E’ “a regime” la Segreteria per l’informazione. Una riflessione sulle procedure per la nomina dei nuovi vescovi, più specificamente sulle qualità e i requisiti dei candidati alla luce delle esigenze del mondo di oggi, e sulla relativa raccolta delle informazioni

    05/02/2015 VATICANO
    Papa: "non c'è assolutamente posto" nella Chiesa per chi abusa dei minori
    In una lettera ai presidenti delle conferenze episcopali e ai superiori religiosi, Francesco scrive che di fronte a un caso di abuso "non potrà venire accordata priorità ad altro tipo di considerazioni, di qualunque natura esse siano, come ad esempio il desiderio di evitare lo scandalo". Il al "dovere" di solidarietà della Chiesa verso le vittime. Nelle parrocchie e nelle istituzioni ecclesiastica "garantire " la sicurezza dei minori.

    21/09/2017 15:14:00 VATICANO
    Papa: non darò mai la grazia ai colpevoli di abusi sessuali

    Francesco ha ricevuto la Pontificio commissione per la protezione dei minori. “La Chiesa ha affrontato questi crimini in ritardo”, ma “tolleranza zero”. "Ascoltare con interesse le voci delle vittime e dei sopravvissuti. Perché abbiamo molto da imparare da loro e dalle loro storie personali di coraggio e perseveranza”.





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®