27/12/2006, 00.00
KAZAKISTAN
Invia ad un amico

Si è insediato il primo vescovo del Kazakistan occidentale

Il polacco mons. Kaleta si è insediato ad Atyrau, importante porto sul Mar Caspio. Nelle sue parole l’invito alla missione, in una zona dove ci sono solo 7 sacerdoti e dove i cattolici sono circa l’1 per mille della popolazione.

Atyrau (AsiaNews/Ucan) – Il 17 dicembre si è insediato mons. Janusz Kaleta, primo vescovo della più occidentale amministrazione apostolica del Kazakistan. Con la sua nomina per l’Amministrazione apostolica di Atyrau, circa 2mila km. a ovest della capitale Astana, hanno ora un vescovo tutte le quattro giurisdizioni cattoliche del Paese.

L’Amministrazione apostolica del Kazakistan è stata divisa in quattro parti il 7 luglio 1999 da Papa Giovanni Paolo II: la Diocesi di Karaganda e le amministrazioni apostoliche di Almaty, Astana e Atyrau. Il defunto Papa ha promosso Astana ad arcidiocesi e Almaty a diocesi il 17 maggio 2003.

 

 

A Roma il 23 novembre il cardinale Angelo Sodano, già Segretario di Stato del Vaticano, ha presieduto l’ordinazione episcopale di mons. Kaleta, che ha svolto il ruolo di amministratore apostolico di Atyrau sin dalla sua istituzione.

Nel corso della cerimonia di installazione, svolta ad Atyrau davanti a circa 200 persone nella chiesa della Trasfigurazione di Nostro Signore, il nuovo prelato ha ringraziato i cattolici e osservato che “se non ci fossero fedeli, non sarebbero qui necessari né parrocchie né vescovi”.

L’ucraino mons. Vasiliy Hovera, superiore ecclesiastico dei Cattolici di rito greco per il Kazakistan e il resto dell’Asia centrale, ha aperto la cerimonia leggendo l’annuncio papale della nomina di mons. Kaleta.

 

 

Mons. Tomasz Peta, arcivescovo di Astana, ha detto all’assemblea che “è degno di nota che un evento così importante accada durante la celebrazione del 15° anniversario” dell’indipendenza del Kazakistan. La Nazione si è resa indipendente dall’ex Unione Sovietica il 16 dicembre 1991. “Grazie all’indipendenza e alla libertà di religione – ha osservato mons. Peta – ora noi abbiamo cinque vescovi”. Infatti, la diocesi di Karaganda ha il vescovo titolare e un vescovo ausiliario.

Hanno concelebrato alla cerimonia anche mons. Henry Theophilus Howaniec, vescovo di Almaty, e mons. Jerzy Maculewicz, amministratore apostolico del vicino Uzbekistan.

Mons Kaleta ha detto che egli considera la sua nomina "come un riconoscimento di quanto è stato fatto negli ultimi sette anni. Spero di stimolare più sacerdoti e suore a venire qui.”

 

 

L’amministrazione apostolica ha ora 7 sacerdoti e 3 suore che si occupano dei 2.600 cattolici presenti nelle 7 parrocchie, su una popolazione di 2,2 milioni di persone. Come popolazione cattolica, Atyrau è la più piccola delle giurisdizioni della Chiesa, che in Kazakistan conta 250mila fedeli.

Mons Kaleta è nato a Lazy, in Polonia, l’11 ottobre 1964. E’ stato ordinato sacerdote il 4 giugno 1989 nella città di Tarnow (Polonia). Prima di diventare amministratore apostolico di Atyrau, ha lavorato in varie parrocchie in Polonia e ha studiato presso l’Accademia teologica papale di Cracovia e presso la facoltà di Teologia dell’università austriaca di Innsbruck.

 

 

Atyrau sorge sul delta del fiume Ural sul Mar Caspio ed è circa 20 mt. sotto il livello del mare. E’ il principale porto fluviale del Paese. La maggiore industria locale è il petrolio, nella cui produzione sono impegnate molte imprese estere. La Messa è celebrata in inglese, italiano e russo.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
L’Ue in Asia centrale per parlare di diritti e petrolio
05/04/2007
Il presidente Nazarbayev celebra 20 anni di potere
25/06/2009
A Bishkek si è installato il primo vescovo del Kyrgyzstan
06/07/2006
Il Kazakistan si barcamena tra Russia e Occidente
24/09/2008
Le nuove leggi sulla libertà religiosa mettono a rischio la Chiesa cattolica kazaka
18/10/2011