24/01/2011, 00.00
RUSSIA
Invia ad un amico

Si indaga sulla pista caucasica nel massacro all’aeroporto di Mosca

Per ora i morti sono 35; i feriti 168. I voli da Domodedovo sono stati cancellati, quelli in arrivo sono deviati a Sheremetevo. Si cercano due persone cecene che avrebbero aiutato il kamikaze a introdursi nella sala degli arrivi, dove la bomba ha ucciso passeggeri e visitatori. Secondo gli investigatori questo è il secondo tentativo di far saltare l’aeroporto.
Mosca (AsiaNews/Agenzie) – A diverse ore dall’attacco terroristico all’aeroporto Domodedovo di Mosca, gli investigatori sono sempre più convinti che i responsabili sono tre persone originarie del Caucaso del Nord. Uno di loro è l’attentatore suicida, del cui corpo sono stati ritrovati frammenti; gli altri due sarebbero i complici.
 
L’attacco ha provocato – almeno finora - 35 morti e oltre 168 feriti, dei quali più di 70 ricoverati in ospedale. Dalle prime ricostruzioni, la bomba, di circa 7 kg di tritolo, è scoppiata nel settore arrivi internazionali, dove i passeggeri in arrivo si mescolano con persone in attesa. Membri della sicurezza sono certi che la bomba, forse dentro una valigia, è arrivata dall’esterno, non con qualche aereo. Secondo alcuni testimoni, lo scoppio è stato così potente da far sciogliere la neve sul tetto della hall.
 
L’aeroporto di Domodedovo, 40 km a sudest della capitale, è fra i più affollati della Russia, con circa 600 voli al giorno. Tutti i voli da Domodedovo sono stati sospesi, mentre quelli che arrivano sono deviati a Sheremetevo.
 
Quello di oggi è l’attacco più violento a Mosca, da quando nel marzo scorso, sono state uccise 40 persone a uno svincolo della metropolitana durante l’ora di punta del mattino. Quell’attacco è stato rivendicato da un militante ceceno.
 
Secondo fonti dell’investigazione, quello di oggi è il secondo tentativo di terroristi ceceni nel voler colpire l’aeroporto. Essi mettono in relazione l’attentato odierno con la distruzione di una casa a sud est di Mosca lo scorso 31 dicembre. La polizia ha scoperto che lo scoppio era dovuto a un ordigno esploso durante la sua fabbricazione. Nella deflagrazione è stata uccisa una donna, probabilmente una volontaria kamikaze. Il marito è stato arrestato.
 
Il presidente Dimitri Medvedev ha ordinato l’aumento della sicurezza in aeroporti e stazioni ferroviarie e ha rimandato la sua partenza per Davos, dove si tiene il World Economic Forum.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mosca, due esplosioni nella Metro uccidono 37 persone
29/03/2010
Chiesa ortodossa: nuova eparchia nel Caucaso russo, a maggioranza musulmano
03/01/2013
Le Madri di Beslan "credono" alle promesse di Putin
03/09/2005
Consiglio supremo dei musulmani in Russia, per frenare l’estremismo
19/02/2010
Putin, il prigioniero del Caucaso
08/09/2004