31 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 08/08/2012
IRAN - USA
Si riprende la Standard Chartered Bank dopo le accuse sui suoi traffici iraniani
La banca britannica avrebbe fatto transazioni illecite con Teheran per oltre 250 miliardi di dollari. Prima di lei, sono incappate nello stesso problema HSBC, Barclays, Lloyd's, Credit Suisse. Forse la soluzione sta nel pagare una multa salatissima di 700 milioni di dollari. L'embargo verso l'Iran non è preso sul serio nemmeno negli Stati Uniti.

Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) - Le azioni della Standard Chartered Bank stanno risalendo dopo la batosta di questi giorni in cui le autorità finanziarie di New York l'avevano accusata di transazioni illecite con l'Iran

Ieri dopo la denuncia, le azioni della StanChart erano scese del 16,8%; oggi sono risalite del 2% a Hong Kong e del 6% nella mattinata a Londra.

Il New York State Department of Financial Services (DFS), ha accusato la StanChart di avere camuffato e nascosto in modo sistematico transazioni finanziarie con banche iraniane per un valore di almeno 250 miliardi di dollari. Il periodo considerato è quello dal 2001 al 2010 e coinvolge almeno 60mila transazioni segrete. Secondo l'accusa, la banca spostava denaro cancellando l'interlocutore iraniano o mettendo nomi falsi. Essa aveva perfino diffuso un "prontuario" in cui si spiegava i metodi da usare quando l'Iran era coinvolto. In tal modo, secondo il DFS, la banca britannica è divenuta una "istituzione delinquenziale" che ha permesso a "terroristi" e "criminali" di utilizzare il sistema bancario americano.

Da anni il governo Usa ha posto l'embargo sulle transazioni di alcune istituzioni bancarie iraniane a motivo del "terrorismo" e delle sanzioni contro l'Iran. La StanChart rischia ora una multa di circa 700 milioni di dollari Usa e la minaccia di vedere revocata la sua licenza bancaria a New York, unico luogo in cui essa è presente negli Stati Uniti.

La banca incriminata, che svolge commerci soprattutto in Asia, Africa e Medio oriente, si difende dicendo che solo una piccolissima percentuale delle sue transazioni sono ingiustificate e che "il 99,9%" di esse sono in regola. Secondo la StanChart, il volume ingiustificato di transazioni finanziarie che coinvolgono l'Iran non supera i 14 milioni di dollari

Alcuni analisti sospettano che il caso sia usato per una "guerra fra banche" per sopprimere qualche pericoloso concorrente.

Altre banche, prima della StandChart sono incappate in accuse simili. Fra queste vi è HSBC, Barclays, Lloyd's, Credit Suisse. Il tutto si è risolto -o è in via di soluzione - con il pagamento di salate multe.

Altri analisti fanno notare che l'embargo verso l'Iran ha delle falle - risibili - anche negli Usa. Secondo il New York Times almeno 10mila compagnie americane fanno commercio con l'Iran e godono di "esenzione (dall'embargo) per motivi umanitari".

Fra le molte compagnie vi sono General Electric, Kraft Foods, Pepsi, Wrigley, ecc..., che vendono "sigarette, gomma da masticare, salsa piccante, medicine per perdere peso, attrezzature sportive" e perfino pop-corn.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
01/08/2012 IRAN - USA
Migliaia di bambini iraniani "vittime collaterali" delle sanzioni di Obama
15/02/2012 INDIA
L’India sfrutta l’embargo Usa sull’Iran
di CT Nilesh
23/05/2007 CINA - STATI UNITI
Washington chiede a Pechino impegni concreti su valuta e commercio
17/10/2014 IRAN - STATI UNITI
Cauto ottimismo nei colloqui sul nucleare iraniano, in una “fase critica”
15/07/2014 IRAN - STATI UNITI
Nucleare iraniano: ancora lontano l’accordo fra Teheran e le potenze occidentali

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate