5 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 08/08/2012
IRAN - USA
Si riprende la Standard Chartered Bank dopo le accuse sui suoi traffici iraniani
La banca britannica avrebbe fatto transazioni illecite con Teheran per oltre 250 miliardi di dollari. Prima di lei, sono incappate nello stesso problema HSBC, Barclays, Lloyd's, Credit Suisse. Forse la soluzione sta nel pagare una multa salatissima di 700 milioni di dollari. L'embargo verso l'Iran non è preso sul serio nemmeno negli Stati Uniti.

Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) - Le azioni della Standard Chartered Bank stanno risalendo dopo la batosta di questi giorni in cui le autorità finanziarie di New York l'avevano accusata di transazioni illecite con l'Iran

Ieri dopo la denuncia, le azioni della StanChart erano scese del 16,8%; oggi sono risalite del 2% a Hong Kong e del 6% nella mattinata a Londra.

Il New York State Department of Financial Services (DFS), ha accusato la StanChart di avere camuffato e nascosto in modo sistematico transazioni finanziarie con banche iraniane per un valore di almeno 250 miliardi di dollari. Il periodo considerato è quello dal 2001 al 2010 e coinvolge almeno 60mila transazioni segrete. Secondo l'accusa, la banca spostava denaro cancellando l'interlocutore iraniano o mettendo nomi falsi. Essa aveva perfino diffuso un "prontuario" in cui si spiegava i metodi da usare quando l'Iran era coinvolto. In tal modo, secondo il DFS, la banca britannica è divenuta una "istituzione delinquenziale" che ha permesso a "terroristi" e "criminali" di utilizzare il sistema bancario americano.

Da anni il governo Usa ha posto l'embargo sulle transazioni di alcune istituzioni bancarie iraniane a motivo del "terrorismo" e delle sanzioni contro l'Iran. La StanChart rischia ora una multa di circa 700 milioni di dollari Usa e la minaccia di vedere revocata la sua licenza bancaria a New York, unico luogo in cui essa è presente negli Stati Uniti.

La banca incriminata, che svolge commerci soprattutto in Asia, Africa e Medio oriente, si difende dicendo che solo una piccolissima percentuale delle sue transazioni sono ingiustificate e che "il 99,9%" di esse sono in regola. Secondo la StanChart, il volume ingiustificato di transazioni finanziarie che coinvolgono l'Iran non supera i 14 milioni di dollari

Alcuni analisti sospettano che il caso sia usato per una "guerra fra banche" per sopprimere qualche pericoloso concorrente.

Altre banche, prima della StandChart sono incappate in accuse simili. Fra queste vi è HSBC, Barclays, Lloyd's, Credit Suisse. Il tutto si è risolto -o è in via di soluzione - con il pagamento di salate multe.

Altri analisti fanno notare che l'embargo verso l'Iran ha delle falle - risibili - anche negli Usa. Secondo il New York Times almeno 10mila compagnie americane fanno commercio con l'Iran e godono di "esenzione (dall'embargo) per motivi umanitari".

Fra le molte compagnie vi sono General Electric, Kraft Foods, Pepsi, Wrigley, ecc..., che vendono "sigarette, gomma da masticare, salsa piccante, medicine per perdere peso, attrezzature sportive" e perfino pop-corn.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
01/08/2012 IRAN - USA
Migliaia di bambini iraniani "vittime collaterali" delle sanzioni di Obama
24/11/2014 IRAN-USA
Chiudono oggi i dialoghi sul nucleare iraniano. Si pensa (e si spera) ad un prolungamento
15/02/2012 INDIA
L’India sfrutta l’embargo Usa sull’Iran
di CT Nilesh
23/05/2007 CINA - STATI UNITI
Washington chiede a Pechino impegni concreti su valuta e commercio
17/10/2014 IRAN - STATI UNITI
Cauto ottimismo nei colloqui sul nucleare iraniano, in una “fase critica”

In evidenza
ISLAM – M.ORIENTE
Al Azhar e il Vaticano sul terrorismo. Le ambiguità della comunità internazionale
di Bernardo CervelleraL’autorevole università sunnita denuncia le violenze “odiose” dello Stato islamico e domanda al mondo di sconfiggere questo gruppo “attraverso ogni modo possibile”. Vaticano: il terrorismo è una minaccia per l’umanità intera. La Francia dice di combattere il terrorismo, ma poi vende armi, aerei, elicotteri da guerra all’Arabia saudita, che sostiene il fondamentalismo islamico. Il Kuwait lascia vivere i salafiti che appoggiano al Nusra e lo Stato islamico. La Turchia contro i kurdi; gli Stati Uniti contro Iran, Russia e Cina.
TUNISIA - ISLAM
Tunisi, fermare il terrorismo chiudendo le moschee fondamentalistePer il presidente Essebsi, la sfida del terrore può essere affrontata solo con una strategia unitaria e globale. L’attentato a Sousse quasi in contemporanea con quelli in Francia, in Kuwait, in Somalia. Le rivendicazioni dello Stato islamico.
VATICANO – ITALIA
Torino, Papa ai giovani: Siate casti nell’amore e andate controcorrente. Non andate in pensione a 20 anni!L’ultimo incontro della prima giornata di Francesco a Torino è con i giovani, riuniti a piazza Vittorio. Francesco risponde a braccio a tre domande sull’amore, l’amicizia e la sfiducia nei confronti della vita: “Vi capisco, quanti sono ipocriti e parlano di pace vendendo armi. Come si può avere fiducia? Seguendo Cristo, il cui gesto di amore estremo, cioè la Croce, ha salvato l’umanità”. Una disamina degli orrori del Novecento come prova di sfiducia nei confronti delle potenze mondiali. E il ripetuto invito ai ragazzi: “Non andate in pensione a 20 anni, vivete e non vivacchiate!”. Il testo completo della risposta del papa (a cura di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate