Skin ADV
08 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 10/03/2005, 00.00

    LIBANO

    Si riunisce il gruppo di opposizione appoggiato da Sfeir



    Verranno esaminati gli sviluppi della situazione dopo gli interventi di Assad, la manifestazione di Hezbollah e l'inizio del ridispiegamento dell'esercito siriano e prima della visita del patriarca negli Usa, dove incontrerà anche il presidente Bush.

    Beirut (AsiaNews) – Gli sviluppi della situazione libanese saranno esaminati oggi pomeriggio nella riunione di Kornet Chehwan, il gruppo di opposizione appoggiato dal patriarca Sfeir e formatosi dopo l'appello fatto nel 2000 dai vescovi maroniti. L'incontro sarà presieduto dall'arcivescovo di Antelias mons.Youssef Mohsen Bechara, nella sede del quale si terrà la riunione. All'ordine del giorno la situazione libanese alla luce del discorso del presidente siriano Bachar Asad di sabato scorso, delle decisioni del Consiglio superiore libano-siriano riunito lunedì scorso a Damasco sotto la presidenza dei presidenti  Emile Lahoud e Bachar Asad. Verranno anche analizzato il significato dell'ultimo discorso del segretario generale di Hezbollah, cheikh Hassan Nasrallah, pronunciato martedì di fronte  alle centinaia di migliaia di persone che hanno preso parte alla manifestazione di Riad El Solh e la questione del ridispegamento dell'esercito siriano, iniziato lunedì.

    L'analisi da parte di Kornet Chehwan avviene subito prima della visita del Patriarca maronita Nassrallah Sfeir negli Stati uniti, dove avrà un incontro anche con il presidente americano Gorge Bush..Il patriarca sarà accompagnato dal suo vicario generale e da un gruppo di deputati dell'opposizione. Il presidente americano, dal canto suo, si prepara ad incontrare il Patriarca dopo essersi mostrato insoddisfatto dei piani di ritiro dal Libano annunciati dalla Siria, definiti "una mezza misura",  perché il ritiro deve essere completo e riguardare sia i militari che l'intelligence.

    Stamattina, intanto, nel nord del Libano, i soldati siriani si stavano preparando ad abbandonare l'importante posto di frontiere di Arida. Carri armati e cannoni si stavano riunendo per la partenza anche nella base di Qoleïaat, un aeroporto militare situato a tre chilometri dalla frontiera siriana. Anche questa notte convogli che trasportavano militari hanno lasciato posizioni in tutto il Paese. L'esercito libanese ha preso posizione nella maggior parte delle basi lasciate dai siriani.  (JH)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/07/2010 LIBANO - SIRIA - IRAN
    Nuove tensioni in Libano : Hezbollah fra i responsabili dell’uccisione di Hariri
    Il Tribunale speciale sul Libano sta per rivelare responsabilità di alcuni capi di Hezbollah nell’assassinio del defunto premier libanese. A rischio la rottura della politica del consenso inaugurata con l’accordo di Doha. Anche la Siria sembra cambiare alleanze nella regione, distaccandosi da Teheran e da Hezbollah.

    19/06/2009 LIBANO
    Sfeir: a Hezbollah, chi perde cerca scuse per la sconfitta
    Il patriarca maronita replica a Nasrallah, affermando che il Libano non deve essere né d’Oriente, né d’Ocidente, ma all’incrocio tra Oriente e Occidente. Alcuni volevano che fosse solo d’Oriente. Alle parole del cardinale fanno eco le proteste di parlamentari maroniti che ricordano al segretario del Partito di Dio che proprio lui aveva invitato a evitare attacchi contro i sentimenti religiosi degli altri.

    07/02/2008 LIBANO
    Preoccupati i vescovi maroniti: “c’è disaccordo su tutto”
    Oggi torna il segretario della Lega araba per una missione che appare estremamente difficile. L’iniziativa che tutti formalmente appoggiano rischia di non concretizzare neppure la prima tappa, ossia l’elezione di Sleiman a capo dello Stato.

    04/07/2006 LIBANO - USA
    Card. Sfeir: "obbligo morale" degli Usa a favorire la pace in Medio Oriente

    In visita negli Stati Uniti, il patriarca afferma che la soluzione del problema palestinese è la chiave della soluzione dei conflitti nella regione. In Libano occorre disarmare Hezbollah, ma "non è facile", visti i rapporti del Partito di Dio con Siria e Iran.



    02/11/2006 libano
    I vescovi condannano la "confusione" che regna in Libano

    Espresso riferimento alle dichiarazioni di Lahoud contro la formazione del tribunale internazionale e ai tentativi di far cadere il governo. Il card. Sfeir accenna a "leader politici", che cercano di "facilitare le interferenze internazionali e la tutela delle forze regionali sul Paese".Hezbollah respinge le richieste dell'Onu di un disarmo delle milizie.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®