2 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 10/03/2005
LIBANO
Si riunisce il gruppo di opposizione appoggiato da Sfeir

Verranno esaminati gli sviluppi della situazione dopo gli interventi di Assad, la manifestazione di Hezbollah e l'inizio del ridispiegamento dell'esercito siriano e prima della visita del patriarca negli Usa, dove incontrerà anche il presidente Bush.



Beirut (AsiaNews) – Gli sviluppi della situazione libanese saranno esaminati oggi pomeriggio nella riunione di Kornet Chehwan, il gruppo di opposizione appoggiato dal patriarca Sfeir e formatosi dopo l'appello fatto nel 2000 dai vescovi maroniti. L'incontro sarà presieduto dall'arcivescovo di Antelias mons.Youssef Mohsen Bechara, nella sede del quale si terrà la riunione. All'ordine del giorno la situazione libanese alla luce del discorso del presidente siriano Bachar Asad di sabato scorso, delle decisioni del Consiglio superiore libano-siriano riunito lunedì scorso a Damasco sotto la presidenza dei presidenti  Emile Lahoud e Bachar Asad. Verranno anche analizzato il significato dell'ultimo discorso del segretario generale di Hezbollah, cheikh Hassan Nasrallah, pronunciato martedì di fronte  alle centinaia di migliaia di persone che hanno preso parte alla manifestazione di Riad El Solh e la questione del ridispegamento dell'esercito siriano, iniziato lunedì.

L'analisi da parte di Kornet Chehwan avviene subito prima della visita del Patriarca maronita Nassrallah Sfeir negli Stati uniti, dove avrà un incontro anche con il presidente americano Gorge Bush..Il patriarca sarà accompagnato dal suo vicario generale e da un gruppo di deputati dell'opposizione. Il presidente americano, dal canto suo, si prepara ad incontrare il Patriarca dopo essersi mostrato insoddisfatto dei piani di ritiro dal Libano annunciati dalla Siria, definiti "una mezza misura",  perché il ritiro deve essere completo e riguardare sia i militari che l'intelligence.

Stamattina, intanto, nel nord del Libano, i soldati siriani si stavano preparando ad abbandonare l'importante posto di frontiere di Arida. Carri armati e cannoni si stavano riunendo per la partenza anche nella base di Qoleïaat, un aeroporto militare situato a tre chilometri dalla frontiera siriana. Anche questa notte convogli che trasportavano militari hanno lasciato posizioni in tutto il Paese. L'esercito libanese ha preso posizione nella maggior parte delle basi lasciate dai siriani.  (JH)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
22/07/2010 LIBANO - SIRIA - IRAN
Nuove tensioni in Libano : Hezbollah fra i responsabili dell’uccisione di Hariri
di Fady Noun
19/06/2009 LIBANO
Sfeir: a Hezbollah, chi perde cerca scuse per la sconfitta
07/02/2008 LIBANO
Preoccupati i vescovi maroniti: “c’è disaccordo su tutto”
04/07/2006 LIBANO - USA
Card. Sfeir: "obbligo morale" degli Usa a favorire la pace in Medio Oriente
di Youssef Hourany
02/11/2006 libano
I vescovi condannano la "confusione" che regna in Libano
di Youssef Hourany
Articoli del dossier
libano - siria
Decine di libanesi "desaparecidos" nelle prigioni di Damasco
LIBANO
Decisive per il Libano le prossime 48 ore
LIBANO
Assassinio di Hariri: il governo libanese respinge le accuse Onu
LIBANO
Sfeir chiede un governo che lavori per le elezioni e la riconciliazione
Libano
Patriarca Sfeir: Vogliamo un Libano sovrano, indipendente e libero
LIBANO
Card. Sfeir: piena sovranità per Beirut, ma le manifestazioni preoccupano
LIBANO – SIRIA
L'opposizione cristiano-sunnita rifiuta il nuovo governo pro-siriano
libano - siria
A Beirut governo scelto sull'onda di opposte manifestazioni
LIBANO
Il patriarca Sfeir, il Libano ha diritto alla sua sovranità
SIRIA-LIBANO
La Siria sposta, ma non ritira, le truppe in Libano
Libano - Siria
Il Libano torna ad essere modello per il Medio Oriente
SIRIA - LIBANO
Russia e Usa premono sulla Siria: via le truppe dal Libano
LIBANO
Vescovi libanesi: subito governo transitorio, il paese rimanga unito
LIBANO - SIRIA
Libano: folla assedia il parlamento, Karame si dimette
libano - siria
Cristiani e musulmani libanesi : "Fuori la Siria!"
LIBANO - SIRIA
Manifestazione anti-Siria sfida il divieto del governo
Libano - Siria
Patriarca maronita : È urgente il dialogo fra opposizione e pro-siriani
libano - siria
Patriarca maronita: chiedere il ritiro siriano con "calma e dialogo"
vaticano - libano
Telegramma del papa al patriarca Sfeir per la morte di Rafic Hariri
LIBANO - USA - SIRIA
Dopo la morte di Hariri, ministro Usa invita il patriarca Sfeir negli Stati Uniti
libano - siria
Vescovi libanesi: "un regime liberticida" dietro l'assassinio di Hariri
LIBANO - VATICANO
Patriarca e nunzio vaticano porgono le condoglianze alla famiglia di Hariri
libano
Autobomba a Beirut, muore ex premier libanese

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate