27 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 31/07/2006, 00.00

    cina

    Sichuan, due anni di lager per quattro leader protestanti



    La polizia di Langzhong ha condannato al laogai ("rieducazione tramite il lavoro") i quattro, "colpevoli" di aver chiesto alle autorità la liberazione di 14 loro fedeli arrestati in un raid contro una chiesa domestica.

    Langzhong (AsiaNews) – Il governo del Sichuan ha condannato a due anni di "rieducazione tramite il lavoro" quatto leader protestanti non ufficiali che avevano chiesto alle autorità il rilascio di 14 loro fedeli arrestati senza motivo. Lo denuncia la China Aid Association (Caa), un'organizzazione non governativa con base negli Stati Uniti che opera per la libertà religiosa in Cina.

    La sentenza è stata emessa il 27 luglio, un mese dopo il loro arresto, avvenuto a Langzhong, nella parte sud-occidentale della provincia. I quattro - Li Ming, Wang Yuan, Li Mingbo e Jin Jirong – sono pastori dell'Alleanza delle chiese domestiche cinesi, un gruppo che riunisce le chiese non ufficiali di tutta la Cina.

    L'arresto non è stato motivato: i leader sono stati fermati mentre chiedevano alle autorità il rilascio di 14 cristiani arrestati nel corso di un raid in una chiesa domestica. Un ufficiale di polizia di Langzhong ha rifiutato di commentare l'accaduto, ha detto di non essere autorizzato a confermare la pena e non ha fornito il suo nome.

    Il sistema giuridico cinese  permette alla polizia di punire senza processo i "criminali minori" con una pena che varia da uno a tre anni di lavori forzati nei laogai. Il sistema è usato spesso per cercare di minare il morale e la resistenza di leader religiosi, politici o dissidenti.

    Pechino permette la pratica del  protestantesimo solo all'interno del Movimento delle tre autonomie (MTA), nato nel 1950 dopo la presa di potere di Mao e l'espulsione dei missionari stranieri e dei leader delle Chiese. Le statistiche ufficiali dicono che in Cina vi sono 10 milioni di protestanti ufficiali, tutti uniti nel MTA.

    I protestanti non ufficiali, che si radunano nelle "chiese domestiche" non registrate, sono stimati ad oltre 50 milioni. Durante lo scorso anno, il governo ha arrestato 1958 pastori e fedeli non ufficiali.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/06/2006 Cina
    Cina, in un anno le autorità hanno arrestato 1958 cristiani evangelici

    La persecuzione più dura è avvenuta nell'Henan, dove sono stati fermati 823 fra pastori e fedeli cristiani. I più colpiti sono i leader della comunità e gli insegnanti: il governo teme che possano corrompere le nuove generazioni.



    08/04/2009 CINA
    Pechino, nuovo arresto per un pastore protestante
    Arrestato il pastore “Bike” Zhang Mingxuan, leader di una comunità “sotterranea” di 250mila fedeli. Pure in carcere Shi Weihan per avere regalato bibbie. Le Chiese domestiche raccolgono oltre 50 milioni di fedeli e il governo vuole “assorbirli” nelle istituzioni ufficiali controllate dal Partito.

    23/03/2006 Cina
    Cina, nuove violenze contro i cristiani protestanti

    Non si ferma la persecuzione nei confronti dei cristiani non ufficiali di tutta la Cina. Dopo il Xinjiang e lo Shanxi, nuovi arresti e violenze nell'Hunan e nell'Hebei.



    16/03/2006 Cina
    Cina, nuove violenze contro i cristiani protestanti

    Non si ferma la persecuzione nei confronti dei cristiani non ufficiali di tutta la Cina. Dopo il Xinjiang e lo Shanxi, nuovi arresti e violenze nell'Hunan e nell'Hebei.



    25/02/2004 cina
    Due protestanti accusati di "rivelare i segreti di stato" sulle demolizioni di chiese




    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®