27 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/01/2017, 13.02

    EGITTO

    Sinai, attacco a un checkpoint della sicurezza egiziana: otto morti e dieci feriti

    Loula Lahham

    Nell’attentato coinvolti poliziotti e civili. Finora non vi sono rivendicazioni ufficiali dell’attentato. Un gruppo di terroristi ha aperto il fuoco a un punto di controllo, poi è sopraggiunta una vettura imbottita di esplosivo. Danni agli edifici circostanti. È il secondo attacco nella zona del Sinai da inizio anno.

     

    Il Cairo (AsiaNews) - È di otto poliziotti uccisi e di altre 10 persone ferite - fra cui quattro civili, tre donne e un uomo - il bilancio di un attentato contro un posto di controllo delle forze di sicurezza nel quartiere di Al-Massaïd, nella cittadina di Arich, capoluogo del governatorato del Nord Sinai. L’attacco è avvenuto questa mattina e non vi sono, al momento, rivendicazioni ufficiali. Secondo quanto riferiscono fonti dell’ospedale militare della regione, il bilancio è tuttora provvisorio e il numero delle vittime è destinato ad aumentare perché alcuni feriti versano in condizioni gravissime.

    Al momento non vi sono state rivendicazioni ufficiali dell’attentato, anche se l’attenzione degli investigatori è rivolta verso i gruppi estremisti islamici, fra i quali cellule jihadiste legate allo Stato islamico (SI), molto attive nella zona.

    L’attacco è iniziato quando un gruppo di terroristi ha aperto il fuoco contro un checkpoint, ferendo alcuni membri della “Protezione civile” [appellativo usato per identificare i Vigil del fuoco in Egitto, ndr]. A seguire, una vettura carica di esplosivo è sopraggiunta nell’area; nello scoppio sono morti otto ufficiali della sicurezza, altre dieci persone sono rimaste ferite. La deflagrazione ha causato anche gravi danni agli edifici della zona. L’esplosione ha causato anche il crollo di un piccolo edificio annesso al posto di blocco; gli abitanti della zona sono fuggiti in preda al panico per lo scontro a fuoco prima e, a seguire, per l’esplosione della vettura kamikaze.

    In risposta all’attacco, l’esercito egiziano ha bloccato tutte le vie di accesso al luogo dell’esplosione per favorire il lavoro dei soccorritori e delle vetture mediche; i feriti sono stati trasportati nell’ospedale militare della città.

    Dall’inizio dell’anno si sono già registrati due attentati simili in Egitto. Il primo aveva provocato la morte di quattro militari e il ferimento di altri quattro; dalle prime ricostruzioni sembra che dietro l’attacco al un punto di controllo nella Penisola del Sinai, avvenuto il 7 gennaio, vi siano elementi legati all’estremismo islamico. Oggi il nuovo attacco, che ha coinvolto anche in questo caso soldati dell’esercito governativo.

    Va inoltre sottolineata la frequenza con la quale si verificano attentati contro elementi della sicurezza e membri dell’esercito nel Nord del Sinai, che hanno provocato sinora decine di vittime e feriti in questa regione di frontiera. Da quattro anni si registrano costanti infiltrazioni di jihadisti, fra cui membri legati a Daesh [acronimo arabo per lo Stato islamico]. Dal 2013 l’Egitto è impegnato in una durissima battaglia per contrastare l’escalation del terrorismo islamico, particolarmente attiva proprio nella regione del Sinai.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/07/2015 EGITTO
    Chiesa cattolica: il popolo egiziano è unito nella lotta al terrorismo jihadista
    P. Rafic Greiche spiega che “più della paura” domina un sentimento diffuso “di ira” per la morte del procuratore e l’attacco nel Sinai. Almeno un centinaio le vittime nell’assalto sferrato dagli islamisti nella penisola. Per il portavoce cattolico nella morte del procuratore è evidente il “rilassamento” della polizia. Forze esterne cercano di portare “instabilità” nel Paese.

    24/11/2015 EGITTO
    Sinai, autobombe contro hotel che ospita commissione elettorale: tre morti e 12 feriti
    Due esplosioni hanno colpito lo Swiss Inn hotel di el-Arish; fra le vittime vi sarebbe un ufficiale di polizia. Feriti due giudici impegnati nelle certificazioni di voto. Dietro gli attacchi vi sarebbero miliziani dello Stato islamico. Il luogo si trova a 100 km dal punto in cui si è schiantato il volo Metrojet.

    24/02/2017 14:39:00 EGITTO
    Portavoce Chiesa cattolica: dolore per le vittime cristiane. Sinai, zona pericolosa

    P. Rafic Greiche esprime vicinanza alla comunità copta che piange sei vittime negli attacchi delle ultime settimane. Nell’area al confine con Israele e Gaza sono attivi gruppi terroristi, colpiti soprattutto i militari e musulmani. Il governo cerca di garantire la sicurezza ma è impossibile sventare ogni attentato.



    24/02/2017 08:52:00 EGITTO
    Sinai, cristiano copto ucciso con un proiettile alla nuca. È la terza vittima in due giorni

    La minoranza copta nel mirino delle cellule locali dello Stato islamico. L’omicidio è avvenuto ieri ad Al-Arich; la casa dell’uomo è stata incendiata. In precedenza uccisi un cristiano di 60 anni e il figlio; il giovane è stato bruciato vivo. Sui social Daesh annuncia nuovi attacchi.



    11/02/2015 EGITTO-RUSSIA
    Putin e al-Sisi, accordi su nucleare, armi e sicurezza
    E' in programma la costruzione di una centrale nucleare a Dabaa; vendita di armi per circa 3 miliardi di dollari; potenziamento del turismo; una zona industriale russa nella regione del nuovo canale di Suez. L'alleanza di Putin e al-Sisi nella lotta al terrorismo islamico. Il dono di un kalashnikov.



    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®