23 Gennaio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 24/11/2015, 00.00

    EGITTO

    Sinai, autobombe contro hotel che ospita commissione elettorale: tre morti e 12 feriti



    Due esplosioni hanno colpito lo Swiss Inn hotel di el-Arish; fra le vittime vi sarebbe un ufficiale di polizia. Feriti due giudici impegnati nelle certificazioni di voto. Dietro gli attacchi vi sarebbero miliziani dello Stato islamico. Il luogo si trova a 100 km dal punto in cui si è schiantato il volo Metrojet.

    Il Cairo (AsiaNews/Agenzie) - È di almeno tre morti, fra i quali un ufficiale di polizia, e 12 feriti il bilancio provvisorio dell’esplosione di due autobombe nella regione del Sinai, in Egitto, già teatro nel recente passato di attacchi da parte di gruppi estremisti islamici. Obiettivo dell’attentato, un hotel nel quale si è votato in questi giorni per la seconda - e conclusiva - tornata delle elezioni parlamentari in corso nel Paese, le prime dalla presidenza di Abdel Fattah al-Sisi. 

    Fonti mediche e della sicurezza riferiscono che, nell’esplosione avvenuta questa mattina, è rimasto ucciso un poliziotto; almeno due giudici, impegnati nella certificazione delle procedure di voto, hanno riportato ferite. 

    Le autobombe hanno colpito un hotel della città di el-Arish, capoluogo del Governatorato del Sinai del Nord, che ospitava i funzionari della sicurezza e i responsabili del locale seggio elettorale. Al momento non risultano rivendicazioni ufficiali del gesto; alcune fonti parlano di attacco dello Stato islamico ma si attendono conferme.

    Del resto, nella zona sono attivi da tempo gruppi estremisti islamici, fra cui milizie legate ad al Qaeda e sezioni locali dello Stato islamico (SI), autori di attentati e violenze volte a destabilizzare il Paese e rovesciare il governo del Cairo. 

    Secondo le prime ricostruzioni, un attentatore suicida ha cercato di far schiantare la propria auto contro lo Swiss Inn hotel di el-Arish; le forze di sicurezza presenti sul posto hanno aperto il fuoco contro la vettura, facendola esplodere. Nello scoppio sono morte tre persone, fra cui un poliziotto. Dieci minuti più tardi un’altra esplosione - secondo le prime informazioni si tratterebbe di una secondo autobomba - ha investito la zona. Immediato l’intervento di esercito e agenti della sicurezza, che hanno circondato e isolato l’area per prevenire altre intrusioni.

    Di recente anche la Chiesa cattolica egiziana ha parlato di problema sicurezza e di leggi “necessarie” approvate dal presidente Sisi per garantire la tutela dei cittadini. Tuttavia i terroristi sono riusciti a colpire e, in alcuni casi, in modo grave come avvenuto il 30 ottobre scorso con l’abbattimento di un aereo di linea russo che trasportava turisti di rientro dalla località marittima di Sharm el-Sheikh. Arish dista solo 100 km dal luogo in cui è caduto il volo Metrojet, causando la morte di 224 persone.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/08/2015 EGITTO
    Dal 17 ottobre Egitto alle urne per eleggere il nuovo Parlamento
    Dopo tre anni i cittadini sono chiamati a scegliere i 568 parlamentari. Favoriti i rappresentanti vicini al presidente al Sisi. Un voto che dovrebbe legittimare la leadership del presidente, capace di rilanciare l’economia del Paese e arginare la deriva estremista islamica.

    09/01/2017 13:02:00 EGITTO
    Sinai, attacco a un checkpoint della sicurezza egiziana: otto morti e dieci feriti

    Nell’attentato coinvolti poliziotti e civili. Finora non vi sono rivendicazioni ufficiali dell’attentato. Un gruppo di terroristi ha aperto il fuoco a un punto di controllo, poi è sopraggiunta una vettura imbottita di esplosivo. Danni agli edifici circostanti. È il secondo attacco nella zona del Sinai da inizio anno.

     



    01/07/2016 12:26:00 EGITTO
    Sinai, portavoce Chiesa cattolica: I cristiani sono considerati "obiettivi legittimi"

    P. Rafic Greiche: milizie estremiste considerano i non wahabbiti “dei nemici da colpire”. L’area è “da tempo” teatro di violenze; per i miliziani chiese e sacerdoti sono “un target legittimo”. L’uccisione del sacerdote copto ortodosso in concomitanza con l’anniversario della deposizione di Morsi: "Un evento non casuale”. 



    22/02/2016 08:59:00 SIRIA
    Lo Stato islamico rivendica gli attacchi bomba a Damasco e Homs: 140 morti

    Nella capitale colpito il sobborgo meridionale di Sayyida Zeinab, dove sorge il più importante tempio sciita del Paese. Ad Homs nel mirino i distretti alawiti fedeli al presidente. Assad si rivolge ai rifugiati, invitandoli a tornare in Siria. Usa e Russia annunciano un “accordo provvisorio” per una tregua parziale. 



    01/02/2016 08:59:00 SIRIA

    L'Isis colpisce un mausoleo sciita, 71 morti. Al via i colloqui di pace sulla Siria

    Nel mirino il luogo di culto dedicato a Sayyida Zeinab; fra i morti 42 combattenti fedeli ad Assad, 29 civili di cui cinque bambini. A Ginevra iniziano oggi i colloqui indiretti fra rappresentanti del governo e opposizione. Polemiche sulla presenza dell’Esercito dell’islam, che Mosca considera un gruppo “terrorista”. 





    In evidenza

    VATICANO-USA
    Papa a Trump: La grandezza dell’America misurata dall’attenzione ai poveri



    Papa Francesco esalta la “ricca spiritualità dei valori etici che hanno plasmato la storia del popolo americano” e chiede l’impegno “per il progresso della dignità umana e la libertà in tutto il mondo”.  Preoccuparsi “per i poveri, gli esclusi, e i bisognosi che, come Lazzaro, stanno davanti alla nostra porta”.  Il giuramento di Trump preceduto da diverse preghiere di rappresentanti cattolici, protestanti, ebrei.  Lo slogan “America first” guiderà le scelte politiche. Le pesanti critiche all’establishment. La cautela della Cina e l’entusiasmo della presidente di Taiwan.


    CINA-USA
    Comincia l'era di Trump: il rapporto Cina-Usa e il rischio di una guerra

    Wei Jingsheng

    Nell’attesa della cerimonia di inaugurazione della presidenza Trump, l’Ufficio di propaganda del Partito comunista cinese ha vietato a tutti i giornalisti “critiche non autorizzate” alle parole o ai gesti di Trump. Secondo il grande dissidente Wei Jingsheng vi sono possibilità che Trump costringa la Cina a accordi commerciali equi, influenzando anche una riforma interna della politica e della giustizia. L’opzione di una guerra commerciale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®