17/06/2005, 00.00
SIRIA
Invia ad un amico

Siria, Assad muove le acque: esonerato il generale Sleiman

di Jihad Issa

Damasco (AsiaNews) – Bachar el Assad, presidente siriano e segretario generale del partito El Baath, è in procinto di destituire i 2 vice presidenti della Repubblica, Abd el Halim Khaddam e Zouhair Macharka. La destituzione, secondo alcune fonti, dovrebbe avvenire nella giornata di domenica 19. Assad ha inoltre esonerato questa mattina il generale Bahjat Sleiman, direttore del Servizio di sicurezza dello Stato, da molti definito "l'uomo forte" dei servizi segreti siriani.

Queste decisioni derivano dalla conclusione del congresso generale del partito El Baath, che si è sciolto con la promessa di "rendere più moderna e democratica la Siria". Il portavoce dell'opposizione siriana Hassan Abdel Azim ha detto ad AsiaNews che questo congresso costituisce "l'ultima occasione del governo, che deve iniziare una vera riforma prima che sia troppo tardi". "Se non seguirà le direttive espresse dal Congresso – ha aggiunto Azim - il governo crollerà".

Un forte stimolo al cambiamento deriva anche dalle accresciute pressioni internazionali esercitate da Stati Uniti e Comunità europea. La pubblicazione della risoluzione 1559 dell'Onu è espressione diretta di quanto la comunità internazionale sia seria. Kofi Annan, segretario generale delle Nazioni Unite, ha inoltre mandato un inviato speciale, il diplomatico norvegese Tery Lord Larssen, che ha il compito di proseguire l'applicazione della risoluzione 1559 e rivedere con i responsabili siriani l'esigenza di incaricare una commissione dell'Onu per il controllo del totale ritiro dell'esercito siriano dal Libano.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Siria, Assad muove le acque:esonerato il generale Sleiman
16/06/2005
Damasco, speranze di riforme dal Congresso del Baath
10/06/2005
Nunzio a Damasco: conflitto siriano, l’ottimismo Onu e il dramma di un popolo stremato
11/11/2014
L’Onu approva la risoluzione per la pace in Siria: silenzio su Assad
19/12/2015
Putin all'Onu dopo 10 anni, per abbattere l'isolamento russo e trovare una svolta per la Siria
25/09/2015