08/01/2014, 00.00
SIRIA - ONU
Invia ad un amico

Siria, parte da Latakia la prima nave carica di armi chimiche

Salpata ieri sera con a bordo 9 fusti di materiale altamente nocivo, l'imbarcazione battente bandiera danese si trova ora in acque internazionali. A scortarla vi sono diverse navi della marina russa, cinese, siriana e norvegese. Il primo carico di agenti chimici doveva partire il 31 dicembre scorso. Nel nord del Paese continua la battaglia intestina fra i ribelli islamisti siriani e gli estremisti islamici dello Stato islamico dell'Iraq e del levante.

Damasco (AsiaNews/Agenzie) - Mentre nella Siria settentrionale infuria la triplice battaglia fra esercito di Bashar al-Assad, ribelli e al-Qaeda, prosegue il programma di smantellamento degli arsenali chimici da parte dell'Opcw (Organisation for the Prohibition of Chemical Weapons) e Onu. La prima nave con un carico di materiale chimico ha lasciato ieri sera il porto di Latakia. L'imbarcazione, battente bandiera danese, resterà in acque internazionali fino all'arrivo di un nuovo carico di materiali chimici in porto. Il servizio di sicurezza è garantito da Danimarca, Norvegia, Repubblica araba siriana, Russia e Cina.

Gli agenti chimici più letali stoccati nei depositi del regime siriano dovevano lasciare il Paese già lo scorso 31 dicembre 2013, ma gli operatori non sono riusciti a rispettare la tabella di marcia a causa del rischio di attacchi da parte dei ribelli, per il maltempo e  le condizioni proibitive delle strade. Il governo siriano ha ripreso da poco il controllo dell'autostrada che collega Damasco alla costa e i convogli dell'Opcw sono continuamente esposti a imboscate dei miliziani dell'opposizione.

Finora l'Opcw non ha rivelato la percentuale esatta del materiale chimico rimosso il cui totale ammonta a circa 1300 tonnellate, comunicando solo che sulla nave danese sono presenti nove contenitori con gli agenti più pericolosi. L'accordo firmato in settembre dal regime siriano con l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche sotto la supervisione di Stati Uniti e Russia prevede entro giugno 2014 la rimozione di tutti gli arsenali e le scorte di materiali necessari per creare armi di distruzione di massa. Secondo il piano, i prodotti chimici saranno verranno trasportati da Latakia a un porto in Italia dove saranno trasferiti su una nave della marina statunitense specializzata nella distruzione in mare di agenti chimici.

Intanto ad Aleppo e Idlib (Siria settentrionale) continua la lotta intestina fra i ribelli islamisti siriani e gli estremisti islamici dello Stato islamico dell'Iraq e del levante. Secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani almeno 274 miliziani sono morti negli scontri armati.

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Siria, l’Opac conferma: a febbraio un attacco con armi chimiche
17/05/2018 08:48
L'Onu frena sull'uso di armi chimiche da parte dei ribelli
07/05/2013
Un rapporto Onu accusa i ribelli siriani di aver usato armi chimiche
06/05/2013
Mosca blocca il prolungamento delle inchieste Onu sulle armi chimiche di Damasco
17/11/2017 09:00
Onu: nell’attacco a Khan Sheikhoun il governo siriano ha usato armi chimiche
27/10/2017 09:10