23 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/01/2012, 00.00

    SIRIA

    Siria: accordo regime-ribelli per cessare il fuoco a Zabadani. Obama: Assad se ne vada



    Una tregua sarebbe stata concordata con i responsabili della città, vicina al confine con il Libano, centro della resistenza al regime. Il 22 gli osservatori della Lega araba consegnano il loro rapporto. Damasco è disponibile a una proroga di un mese della missione. Obama incontra Abdullah di Giordania e chiede al presidente siriano di farsi da parte.
    Damasco (AsiaNews/Agenzie) – Le truppe siriane che combattono contro i ribelli nella città di Zabadani, vicino al confine con il Libano, avrebbero negoziato un cessate il fuoco. In base ai termini dell’accordo, l’esercito si ritirerebbe e i disertori abbandonerebbero le strade. La notizia viene da una fonte dell’opposizione, Kamal al-Labwani. “Il bombardamento dei carri armati è cessato. Dai minareti di Zabadani i muezzin stanno informando la gente dell’accordo. Credo che la resistenza determinata e le defezioni abbiano obbligato il regime a negoziare. Vedremo se l’accordo reggerà. Il ritiro dovrebbe cominciare domani” ha dichiarato. Le autorità siriane non hanno commentato, e i media ufficiali non hanno riportato la notizia dei combattimenti. Zabadani è una città di 40mila abitanti a crica 30 km a nord ovest di Damasco, ed è uno dei centri più duri contro il regime. L’attacco dell’esercito sarebbe cominciato venerdì; 30 soldati sarebbero morti. Il cessate il fuoco sarebbe stato negoziato fra i leader della città e il viceministro della Difesa Assef Shawkat, cognato di Bashar al-Assad.

    Damasco è pronta a permettere agli osservatori della Lega araba di continuare nella loro missione al di là di questa settimana. Nel frattempo il presidente Usa Barack Obama ha dichiarato di voler aumentare la pressione internazionale su Bashar al-Assad affinchè si ritiri. “Sortunatamente continuiamo a vedere livelli di violenza inaccettabili in quel Paese. Continueremo a consultarci da vicino con la Giordania per creare una sorta di pressione internazionale che incoraggi l’attuale regime siriano a farsi da parte”, ha dichiarato Obama dopo un incontro con il re giordano Abdullah a Washington.

    Domenica la Lega araba deve decidere se ritirare i suoi 165 osservatori presenti in Siria, o proseguire la missione. Damasco accetta che restino un mese oltre la scadenza, e che il loro numero sia accresciuto, ma si rifiuta di ampliare il raggio della loro attività. Gli osservatori presenteranno la loro relazione il 22 gennaio; ci si attende che dicano che Damasco non ha compiutamente applicato il piano di pace proposto dalla Lega. Lo sceicco del Qatar ha proposto nei giorni scorsi che una forza militare intervenga in Siria per fermare le violenze. Il ministero degli esteri siriano ha dichiarato ieri di essere “sbalordito” dal suggerimento, che è “assolutamente rifiutato”.

    La Lega araba potrebbe chiedere al Consiglio di sicurezza dell’Onu di intervenire, ma fino ad oggi Russia e Cina hanno impedito ogni azione contro Damasco. Si sta discutendo su una bozza di risoluzione presentata dalla Russia nei giorni scorsi, senza grandi progressi. I Paesi occidentali non accettano la proposta russa di biasimare in maniera eguale il regime e l’opposizione per la violenza presente nel Paese. Usa, Francia e Germania hanno dichiarato che il testo è inaccettabile. Quattro ore di discussione ieri non sono riuscite a colmare il divario. Intanto la Turchia sostiene che una nave russa, la “Chariot” che conteneva tonnellate di “carico pericoloso”, e cioè armi per la Siria, è stata fatta partire dal porto cipriota di Limassol per la Turchia. Ma nel frattempo è svanita dai radar, e si sospetta che abbia attraccato nel porto siriano di Tartus per scaricare il contenuto delle sue stive.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/02/2012 SIRIA
    Serghey Lavrov a Damasco per “ammorbidire” Assad. A Homs continua la battaglia
    Dopo il veto di Russia e Cina del 4 febbraio si intensificano le iniziative diplomatiche per risolvere la crisi. Obama dichiara che non ci sarà un intervento stile Libia. Belgio, Gran Bretagna e Usa chiudono le ambasciate a Damasco.

    14/11/2011 SIRIA
    Damasco: summit di emergenza e concessioni per evitare la sospensione dalla Lega araba
    Il governo di Assad in difficoltà dopo il voto di sospensione, che scatta il 16 novembre. Ieri grandi manifestazioni pro-regime, e attacchi alle ambasciate dell’Arabia saudita, del Qatar e della Turchia. Ancora morti nel weekend in scontri fra oppositori e forze di sicurezza.

    09/01/2012 SIRIA
    Una religiosa denuncia: In Siria, la guerra delle bugie
    Una religiosa carmelitana, attiva nel Paese in opere umanitarie, madre Agnès-Mariam de la Croix, respinge ogni violenza, sia che provenga dal regime siriano o dagli insorti. “Se continua così, temo il peggio”. Intanto la Lega araba ha deciso ieri al Cairo di continuare e rafforzare la missione degli osservatori, mentre ogni giorno si segnalano morti e scontri fra gruppi armati.

    02/01/2012 SIRIA
    Il Parlamento arabo chiede il ritiro immediato degli osservatori dalla Siria
    L’organismo consultivo della Lega araba afferma: “La missione della Lega araba ha fallito il suo obiettivo”, e grazie ad essa il regime continua a compiere atti disumani. In Siria ci sono 60 osservatori, un secondo gruppo dovrebbe arrivare il 5 gennaio. Altri morti all’inizio dell’anno; il primo è un bambino di sette anni.

    08/02/2012 SIRIA
    Battaglia a Homs. Rivoluzione più “islamica”, cresce la violenza contro i cristiani
    Il ministro degli Esteri russo Serghey Lavrov: la sorte di Assad “dovrà essere decisa dai siriani”. Fonti locali di AsiaNews informano sulla crescente violenza da parte degli oppositori del regime verso gli alauiti, i cristiani e chi è sospettato di essere dalla parte del governo.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®