29 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 02/06/2009
TIBET - CINA
Solidarietà dei tibetani per le vittime di piazza Tiananmen
Per il 20° anniversario del massacro, varie iniziative e la richiesta ai tibetani di tutto il mondo di vestirsi di bianco in segno di memoria. Per ricordare che è unica e comune la lotta per la democrazia e i diritti umani. Intanto prosegue la difesa di una “montagna sacra” tibetana.

Dharamsala (AsiaNews) – Solidarietà dai tibetani vero il movimento democratico cinese del 1989 e sostegno per le sue richieste di libertà, democrazia e rispetto dei diritti umani. Domani 3 giugno il Tibetan People’s Uprising Movement (Tpum) commemorerà i 20 anni dal massacro di piazza Tiananmen, quando l’esercito uccise migliaia di dimostranti pacifici, con varie iniziative. Ci sarà una raccolta di firme durante il giorno e una veglia a lume di candela la notte.

Per il 4 giugno il gruppo chiede a tutti i tibetani nel mondo di indossare vestiti bianchi, in segno di lutto per le vittime di Tiananmen, come chiesto da Wan Dan, leader delle proteste del 1989.

Il Tpum esprime particolare solidarietà perché sente la repressione del 1989 simile a quella attuata in Tibet nel marzo 2008, quando l’esercito cinese ha sparato sui dimostranti. Da allora i gruppi pro-diritti denunciano che in Tibet ci sono stati oltre 200 morti, migliaia di arresti, processi iniqui con condanne anche alla pena di morte e all’ergastolo. I tibetani Lobsang Gyaltsen e Loyak sono stati condannati a morte e la pena può essere eseguita qualsiasi giorno.

Il gruppo ricorda che la protesta dei tibetani continua e che da settimane circa 500 tibetani hanno bloccato le strade che portano alla montagna sacra Ser Ngul Lo, contea di Markham prefettura di Chamdo, per impedire scavi minerari disposti dalle autorità cinesi. La zona è ora presidiata da oltre 300 soldati e le autorità hanno dichiarato che è illegale dare informazioni sulla vicenda.

Il Tpum chiede a Pechino di rilasciare tutti i detenuti politici di piazza Tiananmen e quelli tibetani del 2008 e riafferma la volontà di lavorare insieme al popolo cinese per sostenere la democrazia e i diritti umani. (NC)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/06/2008 INDIA - TIBET - CINA
Gli esuli tibetani ricordano il massacro di piazza Tiananmen
di Nirmala Carvalho
31/03/2009 CINA - TIBET
La polizia picchia a morte un monaco tibetano, poi finge il suicidio
21/04/2009 TIBET - CINA
Altri due tibetani condannati a morte per le proteste del marzo 2008
09/10/2010 TIBET - CINA
Leader tibetano: Pechino ha paura della voce di Liu e vuole farlo tacere
di Nirmala Carvalho
02/03/2009 TIBET - CINA
Premier tibetano in esilio: cresce la tensione in Tibet, il Dalai Lama è preoccupato
di Nirmala Carvalho
Articoli del dossier
CINA
Da Tiananmen, la nuova società civile. Con la violenza siamo tutti perdenti
CINA
Wei Jingsheng: Tiananmen, il potere della libertà
CINA - HONG KONG
Card. Zen: A 20 anni da Tiananmen, Deng è morto: è tempo che cambi la dittatura cinese
CINA
Pechino costretta a rispondere alle memorie di Zhao su Tiananmen
CINA - HONG KONG
Sindacalista di Hong Kong: La Cina rischia di ripetere un altro Tiananmen
CINA
Tiananmen: Non dimenticate il giovane che ha sfidato i carri armati
CINA
Tiananmen 20 anni dopo
CINA
Protestanti cinesi al governo: Pentiamoci per il massacro di Tiananmen

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate