21 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/07/2007, 00.00

    VATICANO

    Solo la Chiesa cattolica è la vera “Chiesa di Cristo”



    Lo affermano le “risposte” contenute in un documento della Congregazione per la dottrina della fede, riguardanti “perplessità e dubbi” suscitati dalla vasta produzione teologica seguita ai documenti sull’ecclesiologia elaborati dal Concilio Vaticano II.
    Città del Vaticano (AsiaNews) – La Chiesa di Cristo “sussiste” solo nella Chiesa cattolica, in quanto solo in essa sono presenti tutti gli elementi da Lui istituiti. Lo afferma oggi un documento della Congregazione per la dottrina della fede contenente “Risposte a quesiti riguardanti alcuni aspetti circa la dottrina sulla Chiesa”. Le “risposte” nascono da “perplessità e dubbi” suscitati dalla vasta produzione teologica seguita ai documenti sull’ecclesiologia elaborati dal Concilio Vaticano II - Lumen gentium, Unitatis redintegratio e Orientalium Ecclesiarum – dagli approfondimenti e orientamenti voluti da Paolo VI - enciclica Ecclesiam suam (1964) e Giovanni Paolo II nell’enciclica Ut unum sint (1995) – e dalla stessa Congregazione, con interventi come la dichiarazione Mysterium Ecclesiae (1973), la lettera ai vescovi Communionis notio (1992) e la dichiarazione Dominus Iesus (2000).
     
    Il documento, che riporta l’approvazione di Benedetto XVI, precisa che il nome di “Chiese” è stato attribuito dal Concilio Vaticano II a quelle orientali (gli ortodossi), pur separate dalla piena comunione con la Chiesa cattolica, in quanto “hanno veri sacramenti e soprattutto, in forza della successione apostolica, il Sacerdozio e l’Eucaristia, per mezzo dei quali restano ancora uniti con noi da strettissimi vincoli”. Per questo, “meritano il titolo di "Chiese particolari o locali", e sono chiamate Chiese sorelle delle Chiese particolari cattoliche”.
     
    Per gli stessi motivi, la qualifica di “Chiese” non è stata attribuita alle comunità nate dalla Riforma protestante. “Secondo la dottrina cattolica, queste Comunità non hanno la successione apostolica nel sacramento dell’Ordine, e perciò sono prive di un elemento costitutivo essenziale dell’essere Chiesa. Le suddette Comunità ecclesiali, che, specialmente a causa della mancanza del sacerdozio ministeriale, non hanno conservato la genuina e integra sostanza del Mistero eucaristico, non possono, secondo la dottrina cattolica, essere chiamate ‘Chiese’ in senso proprio”.
     
    Così, alla domanda su come deve essere intesa l’affermazione secondo cui la Chiesa di Cristo sussiste nella Chiesa cattolica, la risposta è cheCristo ‘ha costituito sulla terra’ un’unica Chiesa e l’ha istituita come ‘comunità visibile e spirituale’, che fin dalla sua origine e nel corso della storia sempre esiste ed esisterà, e nella quale soltanto sono rimasti e rimarranno tutti gli elementi da Cristo stesso istituiti. ‘Questa è l’unica Chiesa di Cristo, che nel Simbolo professiamo una, santa, cattolica e apostolica […]. Questa Chiesa, in questo mondo costituita e organizzata come società, sussiste nella Chiesa cattolica, governata dal Successore di Pietro e dai Vescovi in comunione con lui”.
     
    E “secondo la dottrina cattolica, mentre si può rettamente affermare che la Chiesa di Cristo è presente e operante nelle Chiese e nelle Comunità ecclesiali non ancora in piena comunione con la Chiesa cattolica grazie agli elementi di santificazione e di verità che sono presenti in esse, la parola ‘sussiste’, invece, può essere attribuita esclusivamente alla sola Chiesa cattolica, poiché si riferisce appunto alla nota dell’unità professata nei simboli della fede (Credo…la Chiesa ‘una’); e questa Chiesa ‘una’ sussiste nella Chiesa cattolica”.
     
    Con la parola “sussiste”, poi, si intende “la piena identità della Chiesa di Cristo con la Chiesa cattolica”. Ciò, però non significa che le altre denominazioni cristiane non offrono strumenti di salvezza. Il documento afferma infatti che “le stesse Chiese e Comunità separate, quantunque crediamo che hanno delle carenze, nel mistero della salvezza non sono affatto spoglie di significato e di peso. Infatti lo Spirito di Cristo non ricusa di servirsi di esse come di strumenti di salvezza, il cui valore deriva dalla stessa pienezza della grazia e della verità, che è stata affidata alla Chiesa cattolica”.
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/10/2017 13:40:00 VATICANO
    Papa: i cristiani d’Oriente, vittime del "dilagare del terrorismo internazionale”

    Francesco ha celebrato il centenario della fondazione del Pontificio istituto orientale e della Congregazione per le Chiese orientali. Creati durante la guerra mondiale e mentre è in corso “un’altra guerra mondiale, anche se a pezzi”. Un orizzonte “eminentemente ecumenico”. Dio non dimentica i suoi figli, la sua memoria è per i giusti, per quelli che soffrono, che sono oppressi e che si chiedono ‘perché?’, eppure non cessano di confidare nel Signore”.



    17/01/2013 VATICANO – CHIESE ORIENTALI
    Card. Sandri: Le Chiese d'Oriente ci insegnano la solidarietà e ci fanno riscoprire la fede
    Il prefetto della Congregazione per le Chiese orientali: "Nelle disgrazie, ripartono sempre dai valori cristiani". Un pensiero per l’India - “una comunità forte che non si abbatte per le difficoltà” - e un "grazie" ad AsiaNews.

    31/07/2004 Vaticano
    Maschio e femmina: non guerra, ma amore e pace

    Lettera del card. Ratzinger ai vescovi sulla collaborazione dell'uomo e della donna nella Chiesa e nel mondo (Commento e testo integrale)



    11/10/2017 10:39:00 VATICANO-ASIA
    Due centenari per le Chiese orientali

    Domani papa Francesco si reca al Pontificio Istituto Orientale insieme a patriarchi e metropoliti delle Chiese Orientali cattoliche, per celebrarne il centenario. L’occasione è anche il centenario della nascita della Congregazione vaticana per le Chiese Orientali. La ricchezza delle tradizioni orientali, la loro esperienza di convivenza (e persecuzione) con le altre religioni, la loro vita fianco a fianco con le tradizioni latine.



    16/03/2012 VATICANO
    In rete su un loro sito i documenti della Congregazione per la dottrina della fede
    I testi principali sono in otto lingue: oltre alla versione latina. La raccolta contiene una lista completa di tutti i pronunciamenti postconciliari della Congregazione, informazioni aggiornate circa le pubblicazioni della collana "Documenti e Studi", notizie circa i volumi degli atti di simposi promossi dalla Congregazione e vari interventi dei cardinali prefetti.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®