30 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 24/08/2009
MALAYSIA
Sospese le frustate alla modella, gesto di “pietà” per il Ramadan
La donna era stata condannata a sei frustate per aver consumato birra in un locale notturno. La sentenza verrà eseguita al termine del mese sacro di digiuno e preghiera. Maggioranza e opposizione malaysiane tacciono sulla vicenda per non perdere il sostegno dell’ala fondamentalista.

Kuala Lumpur (AsiaNews/Agenzie) – Le autorità malaysiane hanno sospeso la fustigazione di Kartika Sari Dewi Shukarno, 32 anni e modella part-time, incriminata per violato la legge islamica che vieta di bere alcolici. Alla base della decisione vi sarebbe un gesto di “pietà” dei giudici, che non vogliono infliggere la sentenza durante il mese sacro del Ramadan, iniziato lo scorso fine settimana.
 
Nel dicembre 2007 la donna, madre di due bambini, aveva bevuto una birra in un locale pubblico nello stato orientale di Pahang. Arrestata dai funzionari di polizia, era stata quindi incriminata per aver infranto le norme della Shariah. La legge islamica prevede una pena a tre anni di carcere e la fustigazione per i musulmani sorpresi a consumare alcolici; nella maggior parte dei casi, però, agli imputati viene inflitta una sanzione amministrativa.
 
“La sentenza non è stata cancellata” afferma all’Associated Press Mohamad Sahfri Abdul Aziz, parlamentare dello Stato incaricato degli Affari religiosi. Egli spiega che all’ufficio del Procuratore generale hanno posticipato la pena al termine del mese sacro di digiuno e preghiera dei musulmani, per “pietà” verso la donna.
 
Nel luglio scorso i giudici islamici avevano condannato Kartika a una settimana di carcere e sei frustate. Le autorità hanno aggiunto che il bastone usato per picchiarla sarà più leggero di quello degli uomini, perché lo scopo è “educarla”, più che punirla. La donna non si era opposta alla sentenza, e aveva chiesto che fosse punita “in pubblico”.
 
La sentenza contro Kartka ha avuto vasta eco nei media internazionali e ha generato sentimenti unanimi di condanna. Maggioranza e opposizione in Malaysia hanno invece taciuto sulla vicenda. Il sostegno del movimento islamico Pas è indispensabile per poter governare: dichiarazioni ufficiali avrebbero scatenato la reazione dell’ala fondamentalista del Paese e compromesso alleanze future alle urne.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
29/09/2009 MALAYSIA
Sentenza confermata in appello, la modella malaysiana sarà frustata
19/08/2009 MALAYSIA
Malaysia, modella beve birra: condannata alla fustigazione secondo la shariah
18/02/2010 MALAYSIA
Kuala Lumpur applica la shariah, tre donne fustigate in carcere per adulterio
01/04/2010 MALAYSIA
Il sultano grazia Kartika, la modella malaysiana non verrà fustigata
17/07/2008 MALAYSIA
Scarcerato Anwar Ibrahim, ma resta l’accusa di sodomia

In evidenza
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.
LIBANO
Dalle Makassed islamiche una lotta dottrinale contro l’estremismo musulmano
di Fady NounL’organismo di riferimento ufficiale dei sunniti del Libano ha approvato un documento intitolato “Dichiarazione di Beirut sulla libertà religiosa”. Ci si chiede se Dar el-Fatwa riuscirà a riprendere progressivamente il controllo dell’insegnamento religioso musulmano nelle moschee del Paese.
HONG KONG - CINA
Card. Zen: Rimuovere le croci nel Zhejiang è insultare la fede dei cattoliciIl vescovo emerito di Hong Kong valuta che la campagna di distruzione delle croci e degli edifici religiosi sia ormai una direttiva a livello nazionale e una “regressione” della politica religiosa della Cina. Cattolici e protestanti di Hong Kong: Potrebbe succedere anche da noi. Entro il primo settembre saranno distrutti altri 15 edifici sacri “illegali” nel Zhejiang.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate