25 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 06/07/2012, 00.00

    SRI LANKA

    Sri Lanka, cristiani difendono un professore buddista minacciato di morte

    Melani Manel Perera

    Nirmal Ranjith Devasiri, presidente della Federazione delle associazioni dei docenti universitari (Futa), ha protestato contro alcune politiche del governo riguardo il settore dell’istruzione. Ignoti gli autori delle minacce. Christian Solidarity Movement (Csm): il presidente Mahinda Rajapaksa deve garantire la libertà d’espressione e pensiero di tutti i cittadini.

    Colombo (AsiaNews) - Attivisti cristiani, laici e religiosi, chiedono l'intervento del presidente dello Sri Lanka Mahinda Rajapaksa per proteggere la vita di Nirmal Ranjith Devasiri (nella foto), professore buddista di storia all'Università di Colombo e presidente della Federazione delle associazioni dei docenti universitari (Futa). Da giorni infatti, egli riceve telefonate minatorie e minacce di morte da sconosciuti, per aver espresso alcune critiche circa i contributi statali assegnati al settore dell'istruzione. Secondo i membri del Christian Solidarity Movement (Csm), l'apertura di un'inchiesta ufficiale sarebbe un buon segno per "la libertà d'espressione e di pensiero, un diritto fondamentale garantito dalla nostra Costituzione e dalla Carta per i diritti umani delle Nazioni Unite".

    Il prof. Ranjith è impegnato anche a livello politico, e ha spesso reso pubbliche le sue critiche alle politiche del governo. Nello specifico, lo scorso giugno ha chiesto di assegnare il 6% del Pil al settore dell'istruzione; di aumentare lo stipendio dei docenti universitari; di coinvolgere i professori in comitati decisionali che riguardano il settore educativo. Per registrare la sua protesta, l'uomo ha iniziato uno sciopero, in cui ha coinvolto anche altri suoi colleghi. Da quel momento, lui e la sua famiglia hanno iniziato a ricevere intimidazioni da sconosciuti.

    "Di fronte a recenti casi di sequestri e sparizioni - spiegano membri del Csm - le minacce subite dal prof. Ranjith ci preoccupano. Il governo non può permettere simili situazioni: deve promuovere la libertà di pensiero e di espressione, principi fondamentali di ogni democrazia. Venire meno in questo, vuol dire che il governo è contro la democrazia".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/09/2010 SRI LANKA
    Un libro in ogni casa, per diffondere la letteratura cristiana nell’arcidiocesi di Colombo
    L’iniziativa segue in parallelo la Fiera nazionale del libro di Colombo e coinvolgerà tutte le parrocchie dell’arcidiocesi dal 19 al 26 settembre. Oltre 34mila i testi teologici, spirituali e storici ispirati alla tradizione cristiana donati dai privati, che saranno venduti da volontari nelle varie realtà dell’arcidiocesi.

    27/04/2013 PAKISTAN
    Ashfaq Fateh, cristiani e musulmani piangono la scomparsa di un “modello di attivismo”
    Come Anthony Mathew e Shahbaz Bhatti, egli ha “lasciato la sua impronta sulla mappa del Pakistan”. Al suo funerale ha partecipato una “folla immensa” senza distinzione di fede o classe sociale. Legato a p. Bonnie Mendes, l’attivista ha saputo per l’educazione e lo sviluppo della minoranza cristiana.

    02/03/2010 SRI LANKA
    Arcivescovo di Colombo: cattolici, "seme di unità” per lo Sri Lanka
    Il prelato chiede ai fedeli di ricoprire un ruolo attivo nella creazione di un Paese capace di rispettare etnie, religioni e organizzazioni politiche. Egli invoca la fedeltà alla Madonna per sperimentare “un’autentica rinascita religiosa e naturale”. Ai genitori: siete custodi, non proprietari dei vostri figli.

    30/04/2016 09:49:00 SRI LANKA - EUROPA
    L’Europa toglie il bando sulle importazioni di pesce dallo Sri Lanka

    Il bando era stato imposto a gennaio 2015, per l’incapacità del governo di Rajapaska di frenare la pesca illegale. Dal 2012 l’attività dei pescatori srilankesi era tenuta sotto controllo, per mancanza di misure deterrenti e violazione delle leggi internazionali. Colombo esportava verso l’Ue il 68% del pescato in alto mare. Le perdite ammontano a 100 milioni di dollari l’anno. Attivista: “La colpa è del comportamento illegale di alcuni pescatori, che poi ha avuto effetti negativi su tutto il settore”.



    17/07/2009 SRI LANKA
    Lo Sri Lanka aumenta le spese militari: nel 2009 stanziati 1,74 miliardi di dollari
    I fondi destinati alla sicurezza sono in continuo aumento e ormai rappresentano il 17% della spesa totale del Paese. Cresce anche il numero dei soldati: nel 2006 erano 110mila, oggi 350 mila ed è in corso una nuova campagna di reclutamento. Ma un quarto della popolazione vive sotto la soglia di povertà e il guadagno procapite annuo supera di poco i 1000 dollari.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®