29 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/04/2017, 15.20

    SRI LANKA

    Sri Lanka del nord: una Via crucis nei luoghi del massacro finale dei tamil (Foto)

    Melani Manel Perera

    Circa 100 cattolici di Colombo e Negombo si sono recati a Mullivaikal. Qui nel 2009 sono morti almeno 40mila civile, intrappolati nel fuoco incrociato tra Tigri e ed esercito e sotto le bombe della Marina.

    Colombo (AsiaNews) – Una Via crucis nei luoghi dove l’esercito srilankese compì il massacro finale dei tamil, per non dimenticare le loro sofferenze e l’attuale situazione delle vittime della guerra civile. È stata l’iniziativa di un gruppo di circa 100 cattolici provenienti da Colombo e Negombo che il 7 aprile si sono recati a Mullivaikal, nel nord dello Sri Lanka. Qui nel 2009 nelle fasi finali dello scontro tra forze governative e ribelli delle Tigri tamil sono stai feriti e uccisi più di 40mila civili. In quei luoghi pregni di significato e dolore donne, bambini e anziani hanno deciso di effettuare gli esercizi spirituali di Quaresima.

    La Via crucis è stata guidata da p. Jeewantha Pieris, che ha affermato: “La sofferenza delle vittime di guerra non è un volere di Dio. Non è stata colpa della sfortuna, della cattiva sorte o di altre ragioni. Questa sofferenza si è abbattuta su di loro a causa di un altro gruppo di persone che le volevano opprimere per denaro e potere. E ora la loro vita è nella sofferenza. Dobbiamo pregare per loro e lavorare insieme per la loro libertà”.

    Il percorso della processione, effettuata sia in lingua tamil che singalese e accompagnata da canti e inni per ricordare la passione di Cristo, ha preso avvio dal ponte di Wattuwakkal che porta alla laguna di Nandikadal. Sulle sponde di questo bacino circa 300mila persone tentarono di trovare rifugio, dato che la zona era stata dichiarata sicura dalle parti in lotta. Al contrario, migliaia di loro trovarono la morte, intrappolati nel fuoco incrociato e sotto le bombe sganciate dall’aviazione.

    P. Jeewantha ricorda che gli sfollati “scappavano persino senza vestiti. Quanto hanno sofferto pur di salvare la loro vita! Hanno trascorso l’intero mese di aprile [2009] senza cibo, medicine, tende. Le donne incinte erano costrette a mangiare le foglie degli alberi e la sabbia raccolta da terra, pur di far nascere i bambini. Circa 70mila abiti [persone] sono sepolte sotto il terreno che stiamo calpestando”.

    Durante la meditazione, il sacerdote ha riferito che “nei giorni dell’assedio, in mancanza di medicine e terapie, molte persone sono state costrette ad amputare gli arti dei feriti per scongiurare le infezioni dovute alle malattie. Anche nel caso di bambini. I genitori sono stati costretti a farlo, quando non c’era più alternativa”.

    Prima della Via crucis i cattolici hanno incontrato sopravvissuti della guerra civile e alcuni gruppi cui la Marina di recente ha restituito le proprietà, dopo anni trascorsi da sfollati nei campi profughi. I cattolici della capitale hanno anche deciso di tornare in questi luoghi il mese prossimo, durante la festività buddista di Wesak Pohoya, per portare sostegno ai tamil ed essere, ancora una volta, più vicini alla passione di Gesù.

    Via crucis in Sri Lanka-1
    Via crucis in Sri Lanka-1


    Via crucis in Sri Lanka-2
    Via crucis in Sri Lanka-2


    Via crucis in Sri Lanka-3
    Via crucis in Sri Lanka-3


    Via crucis in Sri Lanka-4
    Via crucis in Sri Lanka-4


    Via crucis in Sri Lanka-5
    Via crucis in Sri Lanka-5


    Via crucis in Sri Lanka-6
    Via crucis in Sri Lanka-6


    Via crucis in Sri Lanka-7
    Via crucis in Sri Lanka-7


    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/12/2013 SRI LANKA
    Sri Lanka, cattolici e tamil non credono al censimento sulle vittime della guerra civile
    È iniziato il censimento nazionale che controllerà e documenterà i danni (a persone e cose) causati dal conflitto etnico. Alcuni sacerdoti e attivisti definiscono l'indagine "non credibile" perché organizzata dal governo, accusato di crimini di guerra. Attivista tamil: "Il presidente crea commissioni per sfuggire alle situazioni scomode".

    04/08/2012 SRI LANKA
    Profughi di Mullikulam, l’aiuto delle suore della Sacra Famiglia
    Per la prima volta, 215 famiglie hanno ricevuto aiuti sanitari e alimentari: riso, farina, latte in polvere, saponi e medicinali. Cacciati 20 anni fa dal loro villaggio nel distretto di Mannar, i tamil cattolici vivono ora in una giungla, senza possibilità di lavorare.

    22/06/2012 SRI LANKA
    Profughi da 20 anni, famiglie tamil cattoliche costrette a vivere nella giungla
    Con la guerra civile, la comunità di Mullikulam (Mannar, Northern Province) ha perso tutto: case, proprietà, terreni. Non possono tornare nel villaggio d’origine perché la Marina vuole costruirci una base navale. Ora il governo li ha sistemati in una foresta: dormono per terra, circondati da elefanti e serpenti. Dovrebbero costruirsi nuove case, ma non hanno attrezzi. Sacerdote cattolico: “Assistiamo a una discriminazione intollerabile e senza senso”.

    13/07/2012 SRI LANKA
    Alto commissario britannico: Aiuteremo i profughi di Mullikulam
    John Rankin ha incontrato oltre 200 tamil cattolici, costretti a vivere in una giungla senza nulla. Per colpa della guerra civile, 20 anni fa sono stati cacciati dal loro villaggio. L’Alto commissario promette di discutere il caso con il governo dello Sri Lanka.

    14/01/2016 SRI LANKA
    Cattolici dello Sri Lanka: le promesse di Sirisena ai tamil “sono un inganno”
    Il presidente ha detto che darà a 100mila profughi “delle terre”. Sacerdote singalese: “Ma non ha detto che gli ridarà le loro terre. La distinzione è rilevante”. Suora tamil: “Mentre Sirisena dice che l’esercito restituirà i terreni ai legittimi proprietari, i militari della Marina si preparano a occupare un altro terreno di 617 acri”.



    In evidenza

    EGITTO – VATICANO
    Papa in Egitto: l’Egitto chiamato a condannare violenza e povertà in Medio Oriente



    Nel discorso alle autorità Francesco sottolinea ruolo e responsabilità del Cairo nel futuro della regione. “Di fronte a uno scenario mondiale delicato e complesso, che fa pensare a quella che ho chiamato una ‘guerra mondiale a pezzi’, occorre affermare che non si può costruire la civiltà senza ripudiare ogni ideologia del male, della violenza e ogni interpretazione estremista che pretende di annullare l’altro e di annientare le diversità manipolando e oltraggiando il Sacro Nome di Dio”.


    ISLAM-VATICANO-EGITTO
    Un musulmano scrive al papa : Caro papa Francesco,..

    Kamel Abderrahmani

    L’ammirazione per la carità mostrata dal pontefice verso i rifugiati musulmani siriani, per il suo spingere all’amore e nel denunciare l’odio. “I nostri ulema non sono così” e non denunciano l’odio di Daesh e non fanno nulla per i cristiani. La richiesta perché nel viaggio in Egitto, spinga il presidente al Sisi e Al Azhar alla riforma dell’islam. Senza di questo Al Azhar rischia di essere l’accademia del fondamentalismo mondiale. Dal nostro amico e collaboratore Kamel Abderrahmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®