23 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 01/07/2011
SRI LANKA
Sri Lanka: agricoltori, cattolici e buddisti, contro l’avvelenamento da pesticidi
di Melani Manel Perera
L’uso di pesticidi contamina gli alimenti, è pericoloso per gli uomini e provoca la morte di animali, insetti e piante. In un sit-in, attivisti per l’ambiente, movimenti cattolici e monaci buddisti hanno ricordato il caso di Padaviya: circa 20mila persone morte per avvelenamento da arsenico.

Colombo (AsiaNews) – “Lasciateci vivere, non avvelenateci”: è quanto chiedono i contadini del Movimento nazionale contro i veleni al governo dello Sri Lanka, in una protesta simbolica contro le multinazionali dell’agrochimica. L’associazione ha organizzato una manifestazione simbolica lo scorso 27 giugno, perché Colombo fermi l’uso di pesticidi e composti chimici dannosi per l’ambiente, e torni a un’agricoltura naturale e sostenibile. Di fronte all’entrata principale del Bandaranayake Memorial International Conference Hall (Bmich) di Colombo, si sono raccolti circa 150 agricoltori, oltre a rappresentanti di varie organizzazioni contadine, per l’ambiente, movimenti cattolici come il Kithu Dana Pubuduwa e alcuni monaci buddisti.

Durante il sit-in, molti attivisti hanno preso la parola, spiegando che l’uso di pesticidi in agricoltura contamina gli alimenti, rendendoli pericolosi per gli esseri umani, oltre a provocare la morte di animali, insetti e le stesse piante. La protesta è avvenuta in contemporanea a una premiazione per gli "agricoltori efficienti" (Soora Goviya), organizzata dalla CIC, una compagnia leader nell'agrochimica, proprio per evidenziare l'opposizione all'uso di pesticidi.

Raggiunto da AsiaNews, Sarath Fernando, moderatore del Movement for National Land and Agricolture Reform (Monlar), ha spiegato: “Siamo tutti a conoscenza del recente caso di Padaviya (distretto di Anuradhapura, provincia centrale): circa 20mila persone sono morte per una misteriosa malattia, causata da avvelenamento da arsenico. Anche alcuni scienziati lo hanno confermato”.

Il Movimento nazionale contro i veleni è un collettivo che accoglie numerosi movimenti agricoli, a Colombo e in altri distretti dello Stato. Infatti, per partecipare al sit-in sono arrivati altri rappresentanti dai distretti di Badulla Mahiyanganaya, Eppawela, Kurunegala, Pollonnaruwa e Anuradhapura.
 

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
13/08/2011 SRI LANKA
Arsenico, mercurio e cianuro nelle coltivazioni: l’allarme di contadini e ambientalisti
di Melani Manel Perera
07/10/2010 SRI LANKA
Appello dei vescovi cingalesi per il rilascio di Sarath Fonseka
di Melani Manel Perera
25/05/2010 THAILANDIA
I buddisti thai celebrano il Vesak e cercano soluzioni alla crisi politica e sociale
di Weena Kowitwanij
25/09/2007 SRI LANKA
Nasce il primo santuario asiatico dedicato a Padre Pio
di Melani Manel Perera
20/02/2012 SRI LANKA
Pescatore cattolico ucciso dalla polizia: un “gesto bestiale”
di Melani Manel Perera

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate