25 Gennaio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 31/07/2012
SRI LANKA
Sri Lanka: no a vasectomia e legamento delle tube, ma solo per i buddisti
Un’organizzazione di monaci crede che la popolazione buddista sia “a rischio” per colpa di programmi di pianificazione familiare promossi dal governo. Nessun accenno alle minoranze del Paese. I buddisti rappresentano il 70% della popolazione dello Stato.

Colombo (AsiaNews) - La Bodubalasena, un'organizzazione di monaci buddisti, chiede al governo dello Sri Lanka di abolire vasectomia e legamento delle tube "per far aumentare la popolazione buddista". Secondo l'associazione infatti, nel Paese le leggi non proteggono, né salvaguardano, i diritti e l'identità di chi è buddista, promuovendo invece campagne di pianificazione familiare in cambio di soldi. Eppure, lo Sri Lanka conta una popolazione totale di oltre 20,2 milioni di persone, di cui il 70% sono buddisti.

La Bodubalasena chiede di vietare la sterilizzazione maschile e femminile nel corso della prima conferenza nazionale del gruppo, tenutasi il 28 luglio scorso al Bandaranayake Memorial International Conference Hall (Bmich). Oltre a questa tematica, l'associazione ha affrontato altre questioni, per lo più legate a proposte nel campo dell'educazione. Tuttavia, le questioni riguardano la sola comunità buddista, laica e religiosa.

Più volte la comunità buddista in Sri Lanka ha dimostrato di avere "due anime": da un lato, vi sono quanti cercano il dialogo e l'incontro con le minoranze cristiana e musulmana del Paese; dall'altro, c'è chi tende a voler "preservare" una posizione di maggior potere e forze all'interno della società, data dal fatto di costituire la maggioranza religiosa. Così, il Paese non è nuovo a episodi di discriminazione - talvolta sfociati in rappresaglie e gesti violenti - da parte di gruppi e partiti buddisti più radicali.

Tuttavia, questa tendenza si associa a un problema di natura etnica e culturale, che contrappone la popolazione tamil (12,6%), più povera e concentrata nel nordest dell'isola, a quella singalese (74%), ricca e diffusa nel resto dello Stato. (MMP) 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/02/2014 SRI LANKA
Sri Lanka: per la pace bisogna partire dalla riconciliazione tra tutte le religioni
di Melani Manel Perera
04/05/2011 SRI LANKA
Capodanno buddista, in duemila per l’armonia etnica e religiosa dello Sri Lanka
di Melani Manel Perera
06/08/2009 SRI LANKA
Il nuovo arcivescovo Ranjit: Costruiamo insieme pace e riconciliazione per lo Sri Lanka
di Melani Manel Perera
04/02/2005 SRI LANKA
Mons. Gomis: politici lavorate per diritti umani e libertà religiosa
06/09/2007 SRI LANKA
Cristiani e buddisti: basta tacere, impegno per la solidarietà interreligiosa
di Melani Manel Perera

In evidenza
IRAQ
I bambini di Mosul e il futuro: il campo profughi "a cinque stelle"
di Bernardo CervelleraNel giardino della parrocchia di Mar Elia accanto alle tende ci sono container che servono da aule per i ragazzi e da biblioteca. Un altro serve da stanza per il ricamo. Un coro di bambini. P. Douglas: "preoccuparsi dei profughi non significa solo pensare al mangiare, al bere, alle medicine, le iniezioni, le vaccinazioni... Le persone rifugiate hanno bisogno di fare qualcosa e di coltivare la speranza".
IRAQ
Via Crucis: i profughi di Mosul oltre l'emergenza
di Bernardo CervelleraSono almeno mezzo milione le persone che si sono rifugiate in Kurdistan per sfuggire all'ISIS. Nello Shlama Mall a Erbil: 350 persone vivono nello scheletro di un edificio in costruzione, con panni stesi e coperte a fare da pareti. L'ordinazione sacerdotale di un giovane, anch'egli profugo dimostra che con la fuga, c'è qualcosa che non è stato distrutto: la fede, le tradizioni, il sacerdozio.
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate