21 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/04/2017, 12.09

    CINA

    Stagni tossici vicino a Tianjin. La contraddittoria campagna contro l’inquinamento



    Per anni ditte chimiche e galvaniche hanno riversato acque inquinate in tre stagni grandi come 42 campi di calcio. Messi a silenzio coloro che hanno esposto il problema. Intanto, il Ministero dell’ambiente ha scoperto che il 69% delle ditte della zona Pechino-Tainjin-Hebei non osserva le regole anti-inquinamento. Un premio a chi denuncia.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Il Ministero per la protezione dell’ambiente ha ammesso per la prima volta che nella zona fra Tianjin e la provincia dell’Hebei, esistono quasi 20 enormi stagni dove le ditte hanno scaricato per anni acque reflue non trattate.

    L’ammissione di due giorni fa, è stata causata dalla denuncia, il giorno prima, da parte di un gruppo di attivisti ambientali, il Chongqing Liangjiang Voluntary Service Center.  Questi hanno scoperto almeno tre stagni, due nell’Hebei e uno a Tianjin, che contengono acque tossiche e acide. Secondo la rivista Caixin, che ha riportato notizia e foto, la superficie dei tre stagni è di circa 300mila mq, lo spazio di circa 42 campi di calcio.

    Le autorità affermano di conoscere il problema e l’area inquinata fin dal 2013 e che nel 2016 è stata operata la bonifica a 15 degli stagni incriminati. Essi però non hanno comunicato le ditte responsabili dell’inquinamento. Gli attivisti sospettano che siano ditte chimiche e galvaniche della zona ad aver reso tossici gli stagni. Queste ditte sono ora chiuse, ma l’inquinamento è rimasto.

    Curiosamente, il giorno dopo l’ammissione del ministero, l’acconto Wechat (il Twitter cinese) del gruppo ambientalista è stato chiuso d’autorità.

    La messa a silenzio del gruppo stride con la decisione presa dal Ministero all’inizio del mese di lanciare una campagna per “normalizzare” la situazione dell’inquinamento nella regione Pechino-Tianjin-Hebei, una delle più inquinate della Cina. In un’inchiesta su 4077 compagnie ed è emerso che almeno 2808 violano le regole anti-inquinamento, ossia il 69% del totale.

    Proprio oggi l’ufficio governativo ambientale di Pechino ha diramato alcune line guida in cui si promette un premio di 50mila yuan (circa 6700 euro) per chiunque riporti serie violazioni all’ambiente, compreso il gettare rifiuti pericolosi come materiali radioattivi. Per chi denuncia ditte che inquinano o manomettono le inchieste è previsto un premio di 3mila yuan (circa 400 euro).

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/07/2010 CINA
    Raddoppiati in un anno il numero degli incidenti ambientali in Cina
    Sempre maggiore il contrasto tra le esigenze dell’industria e quelle per la tutela dell’ambiente. La popolazione scende sempre più spesso in piazza contro le attività inquinanti. Esperti: l’inquinamento grave fattore di destabilizzazione sociale.

    01/07/2008 CINA
    A Qingdao le Olimpiadi di vela minacciate da un'invasione di alghe
    Oltre diecimila lavoratori lottano senza sosta per ripulire l’area antistante. Già tolte più di 100mila tonnellate di alghe, ma la situazione è ancora grave (vedi le foto nell’articolo). Da anni la Cina è invasa da alghe, specie in fiumi e laghi, e un quarto della popolazione manca di fonti d’acqua potabile.

    07/07/2007 CINA
    Chi inquina perde i finanziamenti bancari
    Le banche cinesi useranno questo criterio per scegliere chi dare prestiti, o chiederli indietro, in collaborazione con l’Amministrazione per la tutela dell’ambiente (Sepa). Vicedirettore Sepa: l’attuale modello di sviluppo industriale minaccia la vita delle persone

    22/12/2016 08:48:00 CINA
    Studio scientifico: un terzo delle morti in Cina legate all’inquinamento

    La ricerca è avvenuta in 74 città nelle aree di Pechino-Tianjin- Hebei, nel delta del fiume Yangze e nel delta del fiume delle Perle. Le città più inquinate della Cina sono nell’Hebei (Baoding, Shijiazhuang, Handan). Da tre giorni vi è un’emergenza smog nel Paese, che colpisce mezzo miliardo di persone.



    30/01/2013 CINA
    Terzo giorno di picco per lo smog, Pechino paralizzata
    I valori di particolato continuano a oscillare su una media tre volte superiore a quella “pericolosa” per l’uomo. La capitale annulla decine di voli per l’impossibilità di decollare, chiede alla popolazione di stare in casa e impone un taglio al traffico cittadino. Ma le misure non producono alcun effetto, e negli ospedali continuano ad arrivare bambini con la “tosse pechinese”.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®