20 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/03/2017, 12.59

    IRAN - STATI UNITI

    Stati Uniti: fondi iraniani all’estero per risarcire le vittime di terrorismo. Ira di Teheran



    Secondo la Repubblica islamica l’iniziativa legale di un gruppo di avvocati Usa è “completamente ingiusta”. Il denaro verrebbe utilizzato anche per risarcire le vittime dell’11 settembre. Nel mirino 1,6 miliardi al momento congelati in una banca del Lussemburgo. Vice ministro iraniano: Azione “completamente ingiusta e priva di fondamento”.

     

    Teheran (AsiaNews/Agenzie) - Teheran giudica “completamente ingiusta” l’iniziativa legale di un gruppo di avvocati statunitensi che, col benestare delle autorità di governo a Washington, mirano a sequestrare i fondi iraniani “congelati” all’estero. Il denaro sarebbe poi utilizzato per risarcire le vittime del terrorismo, come prevede una controversa norma approvata nel recente passato dal Congresso - e che ha scatenato le ire di Riyadh -, fra cui i parenti delle persone morte negli attentati dell’11 settembre.

    Nel 2012, un giudice di New York aveva ordinato all’Iran di pagare sette miliardi di danni ai familiari degli attentati del 2001. Sebbene 15 dei 19 attentatori provenissero dall’Arabia Saudita e non vi sia alcun legame fra l’attacco e la Repubblica islamica, il magistrato aveva accusato l’Iran di aver aiutato al Qaeda consentendo il passaggio dei suoi membri sul proprio territorio.

    In questi anni Teheran ha sempre respinto le accuse e si è rifiutata di versare il denaro. Da qui la decisione degli avvocati di parte civile di accedere agli 1,6 miliardi appartenenti all’Iran, che si trovano al momento congelati in una banca del Lussemburgo.

    “Alcuni oppositori della Repubblica islamica dell’Iran - ha affermato Majid Takht Ravanchi, vice ministro iraniano degli Esteri - hanno cercato di estendere l’applicazione di una legge nazionale degli Stati Uniti, che è completamente ingiusta e priva di fondamento, per applicarla al di fuori dell’America”.

    Dopo anni di embargo, l’Iran ha ottenuto un parziale alleggerimento delle sanzioni economiche dell’Occidente, in cambio dell’accordo raggiunto nel luglio 2015 sul controverso programma atomico [per usi civili secondo Teheran, per produrre la bomba secondo Usa e Israele]. Tuttavia, gli Stati Uniti hanno mantenuto in vigore tutta una serie di sanzioni per il programma di missili balistici di Teheran, oltre che per il sostegno [armato] a movimenti sciiti in Medio oriente.

    Tra i vari provvedimenti tuttora in atto, vi è anche il congelamento di miliardi di dollari di beni dell’Iran, esportati ai tempi dell’ultimo Shah di Persia Mohammad Reza Pahlavi, e che Teheran rivuole indietro. Anche di recente Washington ha bloccato l’uso del dollaro nelle transazioni bancarie, fermando i nuovi contratti economici stabiliti dopo l’accordo sul nucleare.

    Da qui la decisione di Teheran nel giugno scorso di denunciare gli Stati Uniti alla Corte internazionale di giustizia, per “appropriazione indebita” di quasi due miliardi di dollari. Washington continua a considerare la Repubblica islamica una nazione che “sponsorizza” il terrorismo di Stato e l’ascesa alla presidenza di Donald Trump, dopo i tentativi del predecessore Barack Obama di ricucire i rapporti, ha segnato una nuova escalation della tensione.

    Il denaro congelato dagli Stati Uniti dovrebbe essere utilizzato per compensare non solo i parenti delle vittime dell’11 settembre, ma anche i familiari dei 241 americani morti nell’attacco bomba a una caserma dei Marines in Libano nel 1983. Lo scorso anno la Corte suprema ha stabilito che 2,1 miliardi congelati in un conto di una filiale Citybanc a New York devono essere usati a titolo di risarcimento.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/01/2017 13:05:00 STATI UNITI - A. SAUDITA - IRAN
    Trump e re Salman favorevoli a un applicazione “rigorosa” dell’accordo nucleare iraniano

    Il presidente Usa e il monarca saudita hanno discusso ieri della questione in una conversazione telefonica. L’obiettivo è “fronteggiare” le attività “destabilizzanti” di Teheran nella regione. In campagna elettorale Trump aveva minacciato di stralciare l’accordo. I due leader hanno parlato anche di terrorismo islamico e zone sicure in Yemen e Siria. 

     



    29/04/2016 09:05:00 IRAN-USA
    Teheran chiede aiuto all’Onu per i fondi iraniani congelati negli Usa, gestiti dalla Corte suprema

    Una lettera di Javad Zarif a Ban Ki-moon, ricorda le ingiustizie subite dal popolo iraniano a causa della politica Usa. Critiche alla Corte suprema che permette lo sblocco di fondi congelati per ricompensare le vittime del terrorismo a Beirut.



    23/07/2015 ISRAELE-IRAN
    Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
    E’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

    26/04/2017 08:55:00 IRAN - STATI UNITI
    Vienna, crescono le incertezze sulla tenuta dell’accordo sul nucleare iraniano

    L’Iran e le principali potenze internazionali si sono incontrare ieri nella capitale austriaca. Al centro dei lavori “a porte chiuse” il “rispetto” dei termini previsti dall’accordo. Aumentano le tensioni fra Washington e Teheran. Ministro iraniano: gli Stati Uniti non rispettano né lo spirito, né i termini. 

     



    20/04/2017 12:48:00 IRAN - STATI UNITI
    Washington accusa Teheran: Provocazioni “continue”, accordo nucleare a rischio

    Duro attacco del segretario di Stato Usa Rex Tillerson all’Iran, definito esportatore di “terrorismo e violenza”. La Repubblica islamica avrebbe “destabilizzato” più di una nazione in Medio oriente ed è responsabile della “intensificazione dei conflitti”. Trump ordina la “revisione” dell’accordo sul nucleare.

     





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I nuovi regolamenti religiosi: annientare le comunità sotterranee, soffocare le comunità ufficiali

    Bernardo Cervellera

    Pochi articoli aggiunti rispetto alle bozze. Le religioni viste non come “l’oppio”, ma “la peste” dei popoli. Controllo spasmodico di tutti i livelli del potere politico verso le religioni ufficiali. Multe elevatissime per i membri delle comunità non ufficiali. Sequestro e incameramento dei “siti illegali” da parte dello Stato. Espulsione dalle scuole per attività di “proselitismo”.


    CINA-VATICANO
    Mons. Pietro Shao Zhumin sotto controllo in un ospedale di Pechino

    Bernardo Cervellera

    È stato sottoposto a un’operazione a un orecchio. Gli è stato vietato di partecipare ai funerali di un anziano testimone della fede, p. Giovanni Wang, che ha subito 12 anni di lager. Anche il segretario dl vescovo è stato sequestrato per impedirgli di partecipare ai funerali di p. Wang.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®