28 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 04/09/2009
INDIA
Storie di fede dai perseguitati dell’Orissa
di Ajay Kumar Singh*
Abhimanyu Nayak, 44 anni, è un cristiano del villaggio di Barapalli, distretto di Kandhamal. Il 27 agosto 2008 viene picchiato e bruciato vivo da una folla di estremisti indù. Ora la sua storia è raccolta insieme alle testimonianze di altri cristiani che hanno subito il pogrom che ha sconvolto l’Orissa.

Bhubaneshwar (AsiaNews) - Ad un anno dal pogrom che ha colpito la comunità cristiana dell’Orissa, l’ufficio Relief and Rehabilitation Response della diocesi di Bhubaneshwar sta raccogliendo documentazione sulle violenze perpetrate dagli estremisti indù , sulle testimonianze dei cristiani uccisi e sui sopravvissuti agli attacchi dell’agosto 2008. Pubblichiamo la storia di Abhimanyu Nayak, 44 anni, cristiano del villaggio di Barapalli, distretto di Kandhamal (Orissa), raccolta dal coordinatore generale dell’ufficio, p. Ajaya Kumar Singh, con l’aiuto di due religiose, suor Sashmi Digal e suor Anita Senapati.
 
Il 27 agosto Abhimanyu è appena tornato dai campi. Verso le 15, un membro del gruppo radicale indù del villaggio di Sugada Sahi si presenta a casa sua. Lo invita in modo amichevole ad andare a bere insieme poi gli dice che dormirà a lungo. Abhimanyu lì per lì non capisce cosa intende dire l’estremista indù e nemmeno perché quella persona lo conosce.
 
Verso le 12 di quello stesso giorno una folla tra le 80 e le 100 persone, militanti del movimento indù Rashtriya Swam Shevaksangha (RSS), era entrata nel villaggio armata di pugnali, coltelli, frecce, fucili, cherosene e benzina. Il gruppo si era presentato direttamente dal locale leader indù dal villaggio di Barapali chiedendogli il permesso di attaccare indiscriminatamente Abhimanyu e gli altri cristiani della zona. Avevano il volto coperto. La squadra degli assassini era pronta a colpire.
 
Abhimanyu dice all’uomo della Rss che in passato anche lui era stato membro dell’associazione e per due anni aveva lavorato in alcune case come collaboratore domestico. “Sono felice con la mia nuova religione, il cristianesimo, e non ho fatto nulla di male” dice Abhimanyu a quell’uomo. Poco dopo avrebbe attaccato lui e gli altri cristiani.
 
Le parole di Abhimanyu rendono il fanatico ancora più furioso. Senza aspettare troppo si dirige alla casa di Abhimanyu, lo strappa dall’abbraccio della giovane figlia e lo trascina nella foresta vicino alla casa. Più tardi - racconta Priyatama Nayak, una donna locale testimone oculare dei fatti – Abhimanyu verrà ritrovato con i segni di violente bastonate su tutto il corpo. Era stato picchiato senza pietà, denudato e fustigato con tubi di metallo e assi.
 
Completamente esausto e con la mano rotta, chiede di essere rilasciato, mentre viene coperto di ingiurie. Priyatama ricorda che lo hanno trascinato ad un vicino albero di mango con mani e piedi legati. Lì è stato impiccato ad un ramo.
 
Il corpo di Abhimanyu è stato poi cosparso di cherosene e dato alla fiamme. Gli assalitori lo abbandonano lì, convinti che egli sia morto e si disperdono dal luogo dell’agguato. Le fiamme bruciano la corda che tiene l’uomo appeso all’albero lasciandolo cadere a terra. Trovandosi slegato, Abhimanyu raccoglie le ultime forze che ha, striscia sino a casa con sofferenza indicibile, in preda all’angoscia, cosparso di lividi e ferite.
 
Le fiamme hanno bruciato l’80% del suo corpo. Quando sua moglie lo vede resta senza fiato. Cercando di mettere la testa del marito sul suo petto la donna vede brandelli di carne viva che pendono dalle braccia di Abhimanyu. Ha timore di toccarlo e si sente come se le avessero trafitto il cuore con una lama.
 
Abhimanyu, pieno di fede e speranza chiama a sé tutta la famiglia. Chiede loro di volersi bene, confidare in Gesù e li invita ad abbandonare l’area. Sopravvive alcune ore, quel che basta per permettergli di mettere in allarme gli altri abitanti del villaggio, esortandoli a fuggire da un nuovo attacco della folla indù in delirio. Ma non può sfuggire alle braccia della morte in cui lo hanno trascinato i fanatici. La sua famiglia è a pezzi. La moglie perde il senno, chiede come in preda ad un delirio: "Chi si prenderà cura dei miei bambini?”.
 
Anche se Abhimanyu fosse sfuggito alla trappola dei fondamentalisti, rimarrebbe aperto un interrogativo: “Cosa hanno guadagnato i fanatici da questo pogrom?”. Gli abitanti dei villaggi e le altre vittime cercano ancora una risposta a questa domanda.
 
Il First Information Report (Fir), la denuncia dell’attacco, è depositato al posto di polizia di Tikabali, ma le indagini sino ad ora non hanno portato a nessun risultato. Abhimanyu e la sua famiglia meritano giustizia, ma per ora sembra una chimera.
 
* Coordinatore generale del Relief and Rehabilitation Response di Bhubaneshwar

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
23/03/2011 INDIA
Orissa, un altro cristiano ucciso in Kandhamal
di Santosh Digal
01/07/2009 INDIA
Orissa: prima condanna per i pogrom anti-cristiani
di Nirmala Carvalho
03/11/2009 INDIA
Processi lenti e assoluzioni a catena per i pogrom dell’Orissa
di Ajay Kumar Singh
13/12/2008 INDIA
Natale, momento di pace e di speranza per le giovani vedove dell’Orissa
di Nirmala Carvalho
02/11/2009 INDIA
Orissa: uccidono e bruciano due persone; condannati solo per aver distrutto le prove
di Ajay Kumar Singh

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate