22 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/09/2017, 08.51

    INDIA

    Stragi di Mumbai del 1993: pena di morte a due colpevoli



    Firoz Khan e Tahir Merchant saranno giustiziati. Un terzo detenuto, Abu Salem, condannato al carcere a vita. Le esplosioni causarono 257 morti e 713 feriti gravi. Le bombe, piazzate in decine di obiettivi, sconvolsero una città ritenuta tranquilla.

    New Delhi (AsiaNews/Agenzie) – Un tribunale speciale indiano ha emesso due sentenze di morte per i responsabili delle stragi di Mumbai del 1993, durante le quali morirono 257 persone e altre 713 rimasero ferite in gravi condizioni. Si tratta di Firoz Khan e Tahir Merchant, entrambi dietro le sbarre con l’accusa di cospirazione criminale e omicidio. Un altro colpevole, Abu Salem, che aveva tentato la fuga in Portogallo ma era stato estradato dalle autorità di Lisbona nel 2005 (con la promessa che sarebbe scampato all’esecuzione in caso di responsabilità accertata), è stato condannato all'ergastolo.

    La sentenza era attesa da anni e rientra nel secondo filone di indagini per gli attentati che sconvolsero la capitale del Maharashtra. In tutto, sette presunti colpevoli sono stati arrestati tra il 2003 e il 2010 e sottoposti a processo in maniera separata. Nel giugno scorso il tribunale speciale Terrorist and Disruptive Activity (Tada) di Mumbai ha accertato la colpevolezza di sei di loro e ne ha disposto il processo. Un detenuto, Mustafa Dossa, è morto per arresto cardiaco poco dopo l’ingresso in carcere. Yakub Memon, considerato il pianificatore e finanziatore degli attentati esplosivi, è stato impiccato nel 2015.

    Le esplosioni del ’93 presero di mira decine di obiettivi diversi, tra cui la borsa di Mumbai (Bombay Stock Exchange), gli uffici della compagnia di bandiera Air India e un hotel di lusso. Gli attentati sconvolsero una città ritenuta tranquilla, pacifica e multietnica, dando vita a divisioni settarie.

    Sebbene non sia mai stata fatta completa chiarezza sulla vicenda, le bombe sono state viste come una risposta musulmana alla demolizione della moschea di Babri ad Ayodhya da parte di estremisti indù, avvenuta nel dicembre 1992.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/12/2015 CINA
    Cina: graziata la moglie di Bo Xilai, in carcere un avvocato per i diritti umani
    Ieri i giudici di Pechino hanno commutato in ergastolo la pena di morte emessa nei confronti di Gu Kailai, moglie dell’ex leader di Chongqing Bo Xilai, e dell’ex ministro delle Ferrovie Liu Zhijun. Pugno duro invece nel caso di Pu Zhiqiang, dissidente che critica la repressione degli uighuri e la retorica militarista di Pechino.

    02/08/2007 INDIA
    Mumbai: ripartono le indagini sulle stragi del ‘93
    L’inchiesta intende accertare i responsabili dei massacri che hanno causato la morte di 900 persone fra il dicembre ’92 e il gennaio ’93, durante gli scontri di piazza fra musulmani e indù. Attivista per i diritti umani chiede che sia fatta “giustizia” verso quanti restano tuttora “impuniti”.

    21/05/2005 INDIA
    Pene più miti per l'assassino di un missionario in Orissa
    La Chiesa cattolica e protestante costernate per una sentenza dell'Alta Corte che riduce le responsabilità di un gruppo indù, colpevole di aver ucciso un missionario australiano e due suoi figli.

    30/11/2004 COREA DEL SUD
    Leader religiosi chiedono l'abolizione della pena di morte


    23/10/2014 VATICANO
    Papa: lottare per l'abolizione della pena di morte e anche dell'ergastolo, "pena di morte nascosta"
    Ricevendo una delegazione dell'Associazione internazionale di diritto penale, Francesco ha espresso il suo no anche alla carcerazione preventiva, "quando in forma abusiva procura un anticipo della pena". La schiavitù non solo "è un reato di lesa umanità", ma un delitto che non può essere compiuto "senza la complicità, con azione od omissione, degli Stati". "La corruzione è un male più grande del peccato".



    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®