04/09/2013, 00.00
INDIA – VATICANO – SIRIA
Invia ad un amico

Studioso musulmano indiano: Un dovere accogliere l’appello del papa per la Siria

Syed Razi Ahmad Kamal dirige il Dipartimento di studi islamici all’importante università Jamia Millia Islamia. Per il professore la crisi siriana “è molto preoccupante” ed “entrambe le parti sono responsabili per l’uccisione di civili innocenti”. La conferenza di pace “deve essere organizzata” e tutti gli attori della situazione “devono prendervi parte”.

New Delhi (AsiaNews) - "L'appello del papa per la pace in Siria è qualcosa di puro, che tutti devono raccogliere. Ovunque la pace è un dovere. Dio ha creato questo mondo per dare una casa agli esseri umani, non perché potessero distruggerla". È quanto afferma ad AsiaNews Syed Razi Ahmad Kamal, a capo del Dipartimento di studi islamici alla Jamia Millia Islamia, storica università islamica dell'India.

Diverse personalità e comunità - cristiane e non - stanno esprimendo il loro sostegno alla giornata di preghiera e digiuno indetta da papa Francesco per il prossimo 7 settembre, perché "scoppi la pace in Siria, nel Medio Oriente e nel mondo".

Per il professore "la situazione in Siria è molto seria e preoccupante. Entrambe le parti sono responsabili per l'uccisione di civili innocenti, un massacro che sta insanguinando quella terra. Nessuno ha il diritto di uccidere un altro essere umano. Ogni persona ha il diritto e il desiderio di essere rispettato dal prossimo". Oltretutto, ricorda, "secondo la Bibbia e il Corano è dovere di tutti cercare di creare un ambiente di pace, affinché ognuno su questa terra possa godere della vita".

Per queste ragioni il prof. Kamal si augura che ci sia "assolutamente e al più presto la conferenza di pace. Deve essere organizzata e tutte le parti coinvolte devono partecipare. È importante individuare chi sono i responsabili e fermarli, ma bisogna fare ogni sforzo possibile per portare la pace nella regione". (GM)

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Da Hong Kong una preghiera per la pace in Siria
05/09/2013
Due giorni di digiuno e preghiera per la pace e la concordia in Iraq
02/04/2006
Arcivescovo di Seoul: La Corea prega con il Papa per la pace in Siria
04/09/2013
Card. Gracias: Per portare la pace in Siria, nutriamoci della Parola di Dio
06/09/2013
Papa: Col cuore rivolto a Lourdes, contempliamo Gesù medico dei corpi e delle anime
11/02/2018 12:13