20 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/09/2017, 08.56

    RUSSIA

    Sui Rohingya, Kadyrov apre la lotta contro Putin

    Vladimir Rozanskij

    Il presidente ceceno polemico verso le posizioni russe sulla minoranza islamica in Myanmar. Musulmani manifestano a Mosca, mentre vige una legge sulle manifestazioni non autorizzate. Un milione di islamici a Grozny.

    Mosca (AsiaNews) - Il presidente ceceno Ramzan Kadyrov ha scatenato una dura polemica contro Vladimir Putin sulla questione dei Rohingya. La polemica ha messo in crisi le recenti espressioni di stima del presidente russo verso la comunità islamica, diffuse in occasione della Festa di Kurban-Bayram. Le tensioni sono sfociate perfino in clamorose manifestazioni di piazza dei musulmani contro il governo a Mosca (foto 1) e a Grozny.

    Kadyrov (foto 2) era intervenuto nei giorni scorsi contro la politica di Putin verso il Myanmar, dove è in corso una violenta repressione della minoranza Rohingya. Il presidente ceceno, storico alleato di Putin, ha diffuso un video-intervento su Instagram, in cui dichiara di sostenere posizioni diverse da quelle ufficiali del governo russo. Vladimir Putin ha risposto in modo sprezzante, negando a Kadyrov ogni funzione ufficiale riguardo alla politica estera. Durante la conferenza stampa conclusiva del summit tra i Paesi Brics a Xiamen, il leader russo ha ricordato che “riguardo alle opinioni dei cittadini russi sulla politica estera dello Stato russo, ogni persona ha il diritto di avere una sua opinione. E questo indipendentemente dal ruolo che egli riveste. I dirigenti delle regioni non fanno eccezione a questa regola. Vi assicuro che non esiste alcuna fronda rappresentata dalla dirigenza della Cecenia”.

    Sollecitati dalle parole di Kadyrov, centinaia di musulmani si sono radunati in un corteo non annunciato né autorizzato a Mosca, manifestando di fronte all’ambasciata del Myanmar e inveendo contro le autorità e contro la popolazione buddista del Paese. Il 4 settembre, nel centro della capitale cecena Groznyj, circa un milione di musulmani si è radunato per esprimere la propria solidarietà alla minoranza islamica dei Rohingya (foto 3). Occorre ricordare che che lo scorso marzo, Mosca aveva bloccato insieme a Pechino una risoluzione del Consiglio di Sicurezza Onu a sostegno dei musulmani in Myanmar.

    La manifestazione di Mosca ha suscitato molta impressione nella popolazione. Subito dopo le pacifiche celebrazioni della festa di Eid-al-adha, vedere gruppi di musulmani girare minacciosamente per le strade gridando “Allah Akbar!” sembrava imprevedibile.

    Quest’anno in Russia è particolarmente elevato l’allarme pubblico di fronte a manifestazioni non autorizzate, dopo quelle dei giovani contro la corruzione ispirate dalle opposizioni, come il movimento di Aleksej Naval’nyj. Proprio in questi mesi il governo ha approvato una serie di regole restrittive sull’ordine pubblico e la libertà di opinione, stabilendo limiti inediti, fino alla legge attualmente in discussione sul reato di “comportamento indesiderabile contro lo Stato” da punire con arresti ed espulsioni.

    Kadyrov ha tutte le capacità per mettere in crisi l’autorità del governo centrale. Egli è stato imposto da Putin dopo i conflitti nella regione, che hanno caratterizzato l’inizio del suo primo mandato presidenziale. La sua figura sembrava un riflesso del “pugno di ferro” moscovita su ogni rigurgito bellico e terroristico nella caldissima zona del Caucaso. E proprio la Cecenia veniva indicata da Putin come centrale del terrorismo internazionale, senza che l’opinione pubblica mondiale desse grande credito alle sue parole, salvo poi ricredersi dopo i fatti dell’11 settembre 2001. Con le manifestazioni di questi giorni, la repubblica cecena torna ad apparire un pericoloso rifugio dell’islam radicale, da cui la Russia sperava di essersi immunizzata.

    In più, fin dalla fine dell’Unione Sovietica si favoleggia sul “tesoro del Pcus”, gli sterminati fondi di partito che sarebbero stati nascosti proprio in Cecenia, e mai ritrovati. Sulla base di questa probabile leggenda, i capi ceceni (o la “mafia cecena”, secondo alcuni), avrebbero conservato un forte potere d’influenza sullo stesso governo di Mosca. L’inattesa rivolta di Kadyrov potrebbe annunciare l’inizio del declino dello stesso Putin.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/08/2009 RUSSIA
    A Grozny apre l’Università islamica russa con la benedizione di Putin
    All’inaugurazione il presidente ceceno Kadyrov annuncia un futuro senza l’influenza dell'islam wahabita e dell’estremismo nel Paese. Nell’ateneo corsi di cultura e dottrina musulmana insieme a lingua russa, cecena e inglese oltre che a sociologia, scienza della politica e filosofia.

    25/05/2015 RUSSIA
    In Russia si accende il dibattito sulla legalizzazione della poligamia
    Dopo il matrimonio tra un funzionario di polizia ceceno e una minorenne, presa in seconde nozze, un funzionario vicino a Kadyrov propone di “regolarizzare” la pratica, già diffusa nel Caucaso russo a maggioranza musulmana. Il Cremlino si defila, mentre la Chiesa difende la Cecenia: “Attacco mediatico” sferrato dagli oppositori della famiglia tradizionale.

    06/04/2010 RUSSIA
    Cresce l’islamofobia dopo l’attentato al Metro di Mosca
    Ragazze musulmane aggredite perché portano il velo. Altre picchiate nella metropolitana e costrette a scendere. Scritte anti-russe e filo-islamiche. L’islamofobia fa comodo all’irredentismo caucasico, ma anche al governo centrale.

    08/10/2016 11:59:00 RUSSIA
    Colleghi e amici ricordano Anna Politkovskaya, “giornalista con la forza della compassione”

    Nel 10° anniversario della sua uccisione, sono sempre meno le persone che la ricordano. Ma per molti è ancora un esempio. Le critiche a Kadyrov  e a Putin. Il ricordo della figlia dell’attivista Natalia Estemirova, amica di Anna e uccisa in Caucaso nel 2009.



    04/04/2017 08:41:00 RUSSIA
    Esplosione a S. Pietroburgo: la pista islamica e dell’Asia centrale

    Agenzie semi-ufficiali parlano di un giovane 23enne che si sarebbe fatto saltare. Forse vi era anche una donna. Allo studio la pista cecena e islamica. Molti combattenti ceceni sono tornati dalla Siria, dove hanno lottato insieme a Daesh. La solidarietà di Donald Trump, dell’Unione europea, dell’Onu.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®