27 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 16/06/2012, 00.00

    RUSSIA

    Sul settore energetico i primi attriti tra governo e Cremlino

    Nina Achmatova

    L’ex vice premier e uomo di Putin, Igor Sechin, fonda il “club del petrolio” e torna ad assumere un ruolo istituzionale come capo della nuova commissione per l’oil&gas presso la presidenza. Analisti: mossa per indebolire il governo Medvedev, a cui spetterebbe decidere la politica energetica.

    Mosca (AsiaNews) - Gli analisti lo avevano predetto: con lo scambio di ruoli tra Dmitri Medvedev e Vladimir Putin alla guida della Russia si sono instaurati di fatto due governi, uno al Cremlino e uno alla Casa Bianca (la sede dell'esecutivo russo), la cui convivenza non sarà semplice. Il primo scontro pare già in atto e interessa l'energia, settore di rilevanza strategica per la Federazione e da cui dipende gran parte del bilancio pubblico.

    L'ex vice primo ministro con delega alle risorse energetiche Igor Sechin, uomo del presidente Putin, è stato escluso dal nuovo gabinetto di Medvedev - col quale i rapporti sono da tesi da tempo - ma ha tutte le intenzioni di continuare a rimanere un punto di riferimento nel settore, aggirando il suo sucessore Arkady Dvorkovich. Anche chiamato lo "zar dell'energia" per il suo potere, Sechin è stato nominato il mese scorso a capo della major petrolifera di Stato Rosneft e da qui ha lanciato la sua campagna per mantenere una forte influenza in campo energetico. Lo scorso 8 giugno, ha fondato il "club del petrolio", un circolo che riunisce i top manager delle maggiori compagnie petrolifere russe e che ha intenzione di riunirsi regolarmente per discutere i problemi comuni. Già alla sua nascita il club ha creato imbarazzi al governo: la riunione convocata da Sechin coincideva con un incontro dei vertici del settore con Dvorkovich, di cui la Casa Bianca ha dovuto spostare l'orario di inizio per non rischiare diserzioni illustri.

    Secondo fonti dell'autorevole quotidiano Vedomosti, il club mira a portare a uno stesso tavolo i principiali attori del settore "per discutere lo stato dei loro affari e ascoltare le opinioni di Sechin, capo della più grande compagnia petrolifera russa". Tra le compagnie che hanno accettato l'invito al "pranzo a porte chiuse" nella sede di Rosneft, a Mosca: Surgutneftgas, Bashneft, GazpromNeft e Tnk-Bp, la joint-venture tra il consorzio di oligarchi russi AAR e la Britsh Petroleum. Assenti solo Lukoil e Tatneft, per impegni improrogabili, hanno fatto sapere.

    Lo zar dell'energia, però, pare volere di più. Stando a indiscrezioni del quotidiano Rbc, l'ex vice premier puntava a trasformare il "club del petrolio" in un consiglio per l'energia presso la presidenza russa, proposta avanzata a Putin attraverso una lettera. E già accettata, a quanto pare. Il 15 giugno, Putin in persona ha nominato il suo uomo di fiducia segretario di una commissione da lui stesso presieduta e incaricata dello sviluppo dell'industria energetica. L'iniziativa - fanno notare alcune fonti - è "una mossa politica e di immagine con cui si vuole dimostrare che Sechin è ancora la figura più influente nel settore, ma è anche un modo per indebolire i poteri del nuovo curatore dell'oil&gas per il governo", Dvorkovich. Quest'ultimo aveva escluso che il "club del petrolio" possa sovrapporsi al lavoro delle agenzie governative che si occupano di energia, ma ora che Sechin è tornato a occupare un ruolo istituzionale le cose cambieranno. "E' verosimile che tutte le questioni dell'oil verranno trattate direttamente tra le compagnie e il presidente bypassando il governo - ha spiegato il direttore del Centro per l'informazione politica Alexei Mukhin - è anche chiaro che le major ancora non si fidano del nuovo governo e per questo hanno bisogno di orientarsi verso l'unico punto di riferimento sicuro, rappresentato da Putin e dai suoi uomini".  

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/04/2015 RUSSIA
    I colossi dell'energia scrivono a Putin: Con il 'made in Russia' non possiamo lavorare
    A rivelarlo è il quotidiano Kommersant, che cita la lettera firmata, tra gli altri, da Gazpromneft e Rosneft. Le compagnie sono contrarie a un disegno di legge che punta a scoraggiare l’acquisto di macchinari e ingegneria straniera e ad aumentare il controllo dello Stato nel settore sullo sfondo della più ampia campagna di “sostituzione delle importazioni”.

    29/09/2012 RUSSIA
    Bilancio e petrolio: nuovo scontro tra il governo e Putin
    Il bilancio non realizza tutte le promesse elettorali fatte dal capo del Cremlino. L'esecutivo è riuscito a trovare i fondi necessari prelevandoli dalle casse della statale Rosneftegaz, regno indiscusso del fedelissimo di Putin, Igor Sechin. Guerra aperta sulle privatizzazioni del petrolio.

    04/12/2008 RUSSIA
    I leader russi utilizzano la crisi per accrescere il loro potere interno
    Robusti sussidi anzitutto alle aziende statali, già controllate dai leader, e una maggiore presenza dello Stato che tramite gli aiuti “acquista” partecipazioni o posti chiave nelle imprese. Ma se la crisi perdura, Mosca potrà avere problemi.

    23/03/2013 RUSSIA-CINA
    Con le "anime aperte", Mosca e Pechino si scambiano petrolio e gas
    Contratti per 620mila barili al giorno di greggio ed esplorazioni nel Mar di Barents e della Pechora, in cambio di un credito di 2miliardi di dollari. Entro la fine dell'anno un contratto per la fornitura di 68 miliardi di metri cubi di gas in 30 anni. Per la prima volta, Xi Jinping è accompagnato dalla moglie Peng Liyuan.

    10/12/2014 RUSSIA - INDIA
    Il balletto di Putin fra Narendra Modi e Xi Jinping
    Il leader russo sbarca in India, ma il potenziale delle relazioni bilaterali rimane ancora non sfruttato. Secondo gli analisti la Russia, come ai tempi di Gorbachev, cerca un ruolo di mediatore tra Cina e India in Asia, ma l'idea continua a rimanere poco realizzabile.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®