30 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 15/06/2012, 00.00

    VIETNAM

    Sull’esempio dei Redentoristi, laici vietnamiti promuovono l’evangelizzazione

    Trung Tin

    Nella parrocchia del Mutuo Soccorso a Ho Chi Minh City migliaia di fedeli hanno partecipato alla messa di animazione missionaria. L’annuncio della Parola di Dio un compito che riguarda anche i laici. Vicario parrocchiale: i Redentoristi “esempio e modello” di missione. Cattolico vietnamita: “ogni fedele è chiamato all’annuncio”.

    Ho Chi Minh City (AsiaNews) - Migliaia di cattolici vietnamiti a Ho Chi Minh City hanno partecipato a una messa di animazione missionaria, organizzata dalla parrocchia di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso. P. Joseph Hồ Đắc Tâm, vicario parrocchiale, spiega ad AsiaNews che "la Chiesa cattolica pone molta attenzione al compito universale di annuncio" e nel Paese "sono in particolare i Redentoristi" a costituire un esempio e un modello da seguire nell'evangelizzazione e nel "raggiungimento dell'obiettivo più importante" perseguito dall'Ordine: "Portare a tutti il messaggio della Buona Novella".

    Per la seconda volta, il 12 giugno scorso, la parrocchia fondata nel 1963 nell'allora Saigon ha promosso una celebrazione eucaristica incentrata sul compito missionario affidato a tuti i fedeli, laici e consacrati. Ad oggi la chiesa di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso di Ho Chi Minh City è composta da 5.697 fedeli e opera all'interno di una comunità formata da 18.430 abitanti.

    Fra i principali obiettivi dell'opera di p. Joseph vi è proprio il desiderio di invitare tutti i parrocchiani a promuovere l'opera di evangelizzazione e annuncio "fra i laici" all'interno delle varie comunità in cui vivono, lavorano, trascorrono il tempo libero. Il sacerdote condivide il moto secondo cui "per essere missionari, bisogna essere testimoni di Gesù" e per questo è necessario "andare direttamente a Dio, pregando e seguendo la Sua opera".

    In Vietnam, uno dei modelli più attivi ed efficaci nell'opera di animazione missionaria è rappresentato proprio dai padri Redentoristi, spesso vittime di persecuzioni e abusi da parte del governo di Hanoi. Come più volte testimoniato in passato, le loro attività, a Ho Chi Minh City e nella capitale, sono prese di mira dalle autorità che vogliono soffocare il loro impegno pastorale. Tuttavia, le violenze non hanno impedito loro di svolgere un ruolo fondamentale per la diffusione del cattolicesimo e della dottrina della Chiesa, in particolare fra i poveri e gli abbandonati (cfr. AsiaNews 05/08/2011 Ho Chi Minh City: i redentoristi insegnano la dottrina sociale della Chiesa).

    Una signora disabile di 68 anni, NTH., sottolinea che "in passato pensavo che il compito missionario spettasse solo ai religiosi o ai preti". Tuttavia, dopo aver partecipato ai corsi di formazione "penso che ogni fedele è chiamato al compito dell'annuncio". Gli fa eco la 30enne NPT, un tempo convinta che la missione fosse "solo in altri Paesi o nelle aree più remote", invece inizia proprio "in città, nel mio ufficio". Infine il signor TVQ (anche'egli chiede di essere citato solo con le iniziali, ndr) secondo cui è fondamentale imparare e vivere in prima persona la Parola di Dio, per poi promuovere "il lavoro missionario fra gli altri" nella società.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/09/2013 VIETNAM
    Hanoi, nuovi attacchi alle proprietà dei cattolici di Thai Ha
    Le autorità comuniste vogliono espropriare altri terreni appartenenti ai Redentoristi. Dietro il sequestro piani di sviluppo e interessi economici. Per sacerdoti e fedeli il provvedimento è “illegale”, immorale e viola i diritti della comunità cristiana.

    05/02/2009 VIETNAM
    Son La, dove il Partito Comunista promuove le religioni pagane contro i cristiani
    Il governo comunista locale continua a vessare i cristiani, spingendoli a seguire le vecchie religioni ancestrali. Quanti si rifiutano di rinnegare il cristianesimo vengono privati degli aiuti economici. Le famiglie preferiscono sopportare gli stenti e si dicono “orgogliose” di essere cattoliche.

    18/09/2013 VIETNAM
    Appello del vescovo di Vinh: Preoccupati dagli attacchi del regime, chiediamo sostegno internazionale
    In un'intervista ad AsiaNews, mons. Paul Nguyen Thai Hop parla di “situazione pericolosa e preoccupante” per i cristiani della diocesi, finita nel mirino delle autorità vietnamite. Egli auspica il rispetto dei diritti umani e la liberazione dei parrocchiani. E invoca “sostegno e solidarietà” perché finiscano “menzogne e calunnie”.

    17/09/2013 VIETNAM
    Vinh: messa e preghiere dei cattolici contro le calunnie delle autorità vietnamite
    Vescovi, sacerdoti e migliaia di fedeli hanno partecipato alla funzione nel santuario di Sant’Antonio. Una celebrazione che “sfida” divieti e imposizioni governativi in materia di culto. Vescovo di Vinh: "Le autorità continuano a diffondere false informazioni”. La comunità cattolica si stringe in difesa del prelato.

    16/09/2013 VIETNAM
    Nuovi attacchi da governo e tv di Stato vietnamita contro il vescovo di Vinh
    Un servizio di 10 minuti andato in onda ieri sera ha lanciato accuse diffamatorie contro mons. Paul Nguyen Thai Hop e la comunità cattolica locale. Il prelato inciterebbe alla rivolta, sfruttando una vicenda legale per creare casi di persecuzione religiosa. A rischio chiusura anche il sito web della diocesi. Cattolici vietnamiti in patria e all’estero uniti in difesa del prelato.



    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®