18 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 31/08/2007
MYANMAR
Sulla repressione in Myanmar intervenga il Consiglio di sicurezza
Lo chiedono a Bush alcuni senatori e deputati Usa. Proseguono le manifestazioni di piazza contro il carovita; per soffocare la rivolta la giunta diffonde tra albergatori e autorità locali una lista di “attivisti ricercati”.

Yangon (AsiaNews/Agenzie) – Una riunione d’emergenza del Consiglio di sicurezza Onu sulla repressione, con rastrellamenti e pestaggi, delle pacifiche proteste di piazza in corso da oltre 10 giorni in Myanmar contro il carovita. È la richiesta che alcuni senatori e deputati statunitensi hanno sottoposto al presidente Usa George W. Bush e al Segretario di Stato Condoleezza Rice.

 Bush ha già condannato il “brutale comportamento” della giunta militare così come anche Francia e Gran Bretagna, altri due membri permanenti del Consiglio di sicurezza. Al coro di critiche si sono uniti Canada, Svezia, Irlanda, Danimarca ed Unione europea. Al Consiglio di sicurezza il regime birmano ha però in Cina e Russia due potenziali alleati.

 Le manifestazioni popolari contro l’aumento del costo del carburante, introdotto dal governo birmano il 15 agosto, continuano quasi quotidianamente a Yangon e altre zone del Paese. Le autorità hanno arrestato più di 100 persone, tra cui numerosi leader del movimento pro-democrazia. Ieri un gruppo di attivisti, fermati il 28 agosto nella capitale, hanno iniziato uno sciopero della fame per ottenere dalle autorità cure mediche per un dimostrante malmenato e ferito.

 Nel tentativo di sedare le rivolte “senza sporcarsi le mani”, i generali che guidano il Paese hanno arruolato gang che picchiano i manifestanti; hanno inoltre diffuso, negli alberghi e negli uffici pubblici, una lista di “attivisti ricercati” con nomi, foto e informazioni biografiche. Le direttive sono quelle di segnalare la presenza di queste persone alle autorità.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
13/09/2007 MYANMAR
Coprifuoco per i monasteri, mentre i generali elargiscono offerte ai monaci
12/09/2007 MYANMAR
Attivista chiede la “scomunica” per Than Shwe, 4 anni di carcere
11/09/2007 MYANMAR
Polizia davanti a monasteri buddisti, che minacciano proteste
21/09/2007 MYANMAR
Quarto giorno di proteste, i monaci chiedono l’intervento dell’Onu
22/08/2007 MYANMAR
Arrestati 13 attivisti per le proteste contro il caro benzina

In evidenza
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”
ASIA
Pasqua: il silenzio degli innocenti e il bavaglio
di Bernardo CervelleraLe violazioni alla libertà religiosa e l'atteggiamento ipocrita dell'Occidente su questo argomento rischiano di trascinare il mondo in un caos mai visto prima. Ma anche nel silenzio – della morte accettata per amore o inflitta dal potere – Dio opera. Una speranza indistruttibile sorge al mattino di Pasqua e una piccola apertura del cuore basta per invadere in un attimo tutta la vita. Buona Pasqua.
IRAN
E’ ora di giungere all’accordo con Teheran, partner affidabile nella lotta contro lo Stato islamico
di Bernardo CervelleraUna bozza di accordo sul nucleare iraniano dovrebbe essere pronta per il 31 marzo. Ma i repubblicani Usa, Israele e l’Arabia saudita sono nettamente contrari. I motivi “secondari” della loro opposizione. Con Hassan Rouhani l’Iran vuole tornare nell’alveo della comunità internazionale. La funzione mediatrice di Teheran in Medio oriente. Il nunzio vaticano: “Non vi è una sola prova che l’Iran stia preparando una bomba nucleare”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate