08 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 31/08/2007, 00.00

    MYANMAR

    Sulla repressione in Myanmar intervenga il Consiglio di sicurezza



    Lo chiedono a Bush alcuni senatori e deputati Usa. Proseguono le manifestazioni di piazza contro il carovita; per soffocare la rivolta la giunta diffonde tra albergatori e autorità locali una lista di “attivisti ricercati”.

    Yangon (AsiaNews/Agenzie) – Una riunione d’emergenza del Consiglio di sicurezza Onu sulla repressione, con rastrellamenti e pestaggi, delle pacifiche proteste di piazza in corso da oltre 10 giorni in Myanmar contro il carovita. È la richiesta che alcuni senatori e deputati statunitensi hanno sottoposto al presidente Usa George W. Bush e al Segretario di Stato Condoleezza Rice.

     Bush ha già condannato il “brutale comportamento” della giunta militare così come anche Francia e Gran Bretagna, altri due membri permanenti del Consiglio di sicurezza. Al coro di critiche si sono uniti Canada, Svezia, Irlanda, Danimarca ed Unione europea. Al Consiglio di sicurezza il regime birmano ha però in Cina e Russia due potenziali alleati.

     Le manifestazioni popolari contro l’aumento del costo del carburante, introdotto dal governo birmano il 15 agosto, continuano quasi quotidianamente a Yangon e altre zone del Paese. Le autorità hanno arrestato più di 100 persone, tra cui numerosi leader del movimento pro-democrazia. Ieri un gruppo di attivisti, fermati il 28 agosto nella capitale, hanno iniziato uno sciopero della fame per ottenere dalle autorità cure mediche per un dimostrante malmenato e ferito.

     Nel tentativo di sedare le rivolte “senza sporcarsi le mani”, i generali che guidano il Paese hanno arruolato gang che picchiano i manifestanti; hanno inoltre diffuso, negli alberghi e negli uffici pubblici, una lista di “attivisti ricercati” con nomi, foto e informazioni biografiche. Le direttive sono quelle di segnalare la presenza di queste persone alle autorità.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/09/2007 MYANMAR
    Coprifuoco per i monasteri, mentre i generali elargiscono offerte ai monaci
    Dopo le manifestazioni contro il caro benzina, le autorità limitano ad un’ora le uscite dei monaci buddisti per ricevere le offerte e impongono il coprifuoco. Intanto i media statali esaltano i militari che donano soldi e olio da cucina ai monasteri, ma ancora non si scusano per la violenza usata a Pakokku.

    12/09/2007 MYANMAR
    Attivista chiede la “scomunica” per Than Shwe, 4 anni di carcere
    Soe Aung protestava contro il caro-benzina e su un cartello chiedeva ai monaci buddisti l’equivalente di una scomunica per il capo della giunta. Da metà agosto 150 gli arresti; preoccupazione per la sorte di 13 leader del movimento studentesco.

    11/09/2007 MYANMAR
    Polizia davanti a monasteri buddisti, che minacciano proteste
    Secondo testimoni oculari, agenti “controllano” diversi monasteri nel Paese, dopo le proteste dei monaci contro l’aumento della benzina. Volantini invitano i religiosi a rifiutare la tradizionale elemosina elargita dai militari, se entro sei giorni la giunta non chiederà scusa per la violenta repressione dei moti di piazza.

    22/08/2007 MYANMAR
    Arrestati 13 attivisti per le proteste contro il caro benzina
    La notizia, riportata oggi dai media di Stato, indica la preoccupazione della giunta per il malcontento popolare seguito all’aumento del carburante. I detenuti fanno parte del movimento “Studenti della Generazione 88”. Annunciate nuove manifestazioni.

    21/09/2007 MYANMAR
    Quarto giorno di proteste, i monaci chiedono l’intervento dell’Onu
    Anche stamattina numerosi monaci si sono riuniti a Yangon per protestare contro la giunta. Ieri oltre mille religiosi si sono raccolti alla famosa pagoda Shwedagon; con loro hanno marciato anche centinaia di studenti.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®