27 Novembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 01/08/2012
INDONESIA
Sumatra: l’impegno dei cattolici, per l’istruzione degli orfani dello tsunami
di Mathias Hariyadi
Il movimento Kbkk ha lanciato un’iniziativa per la formazione universitaria di cinque studenti di Mentawai. Ultimati gli studi, torneranno come insegnanti nei luoghi di origine. Oggi i bambini sono costretti a lasciare l’isola, dove vi è una forte presenza cristiana, per trasferirsi in aree a maggioranza musulmana.

Jakarta (AsiaNews) - Grazie all'impegno di un gruppo di laici, dei sacerdoti locali e della diocesi di Padang, i bambini di una piccola isola indonesiana - colpita nell'ottobre 2010 da un potente terremoto cui è seguito uno tsunami - potranno studiare nel territorio di nascita e restare così legati alle loro comunità di appartenenza. Il progetto promosso da Kelompok Bakti Kasih Kemanusiaan (Kbkk), movimento laico di aiuto umanitario e assistenza più attivo nel Paese, permetterà a cinque persone di compiere un percorso di studi universitario, completato il quale faranno ritorno a Mentawai per occuparsi dell'educazione di bambini e giovani. 

Mentawai appartiene a un piccolo gruppo di isolotti, al largo dell'isola di Sumatra, e il porto principale di Sikakap può essere raggiunto dopo ore di difficile navigazione, sfidando i forti venti e il mare aperto. L'area appartiene alla diocesi di Padang, guidata dal vescovo mons. Martinus Situmorang, ed è abitata da centinaia fra cattolici e cristiani di altre denominazioni. Vi è una sola parrocchia e sorge proprio a Sikakap, considerata il capoluogo e centro più importante delle Mentawai.

Nel 2010 un potente terremoto, seguito da uno tsunami, ha colpito l'area causando almeno 286 morti, 252 dispersi e 200 feriti. Moltissimi bambini a causa del sisma sono rimasti orfani e hanno dovuto lasciare la zona, traslocando verso Padang e altre città della provincia di North Sumatra. Tali territori sono a larga maggioranza musulmana; col tempo i giovani finiscono per perdere i legami con i territori nativi e, in alcuni casi, abbandonano la fede cristiana e si convertono all'islam.

Per aiutare il percorso educativo dei bambini, fin dall'inizio il gruppo laico Kbkk si è riunito per valutare proposte e soluzioni: tra queste, contribuire agli studi di cinque persone chiamate poi a tornare nei villaggi di origine come insegnanti. Per questo hanno dato vita a una raccolta fondi, cui è seguita l'individuazione di cinque giovani personalità cattoliche di Mentawai che potranno studiare all'università di Sanata Dharma (Usd), istituto retto dai padri gesuiti, a Yogyakarta nello Java centrale. Domani i vertici di Kbkk e dell'università firmeranno un memorandum di intesam che aprirà le porte dell'istituto ai cinque neo-universitari e futuri professori. Due di loro provengono da Sikabaulan, mentre gli altri tre da Sikakap.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
30/03/2005 INDONESIA
I cristiani si mobilitano per aiutare i terremotati di Nias
di Mathias Hariyadi
12/12/2009 INDONESIA
L’opera dei volontari cattolici per i bambini del terremoto di Sumatra
di Rosalia Royani
18/07/2006 INDONESIA
Java: sopravvissuti allo tsunami invocano aiuto
21/09/2005 INDONESIA
Aceh: ai sopravvissuti dello tsunami servono case, non politica
20/01/2005 INDONESIA
Tsunami, Jakarta promette trasparenza nella gestione degli aiuti

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate