29 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/04/2017, 12.47

    INDONESIA

    Suor Hugoline, 50 anni di missione in Indonesia a servizio dei malati

    Emiliana Saptaningsih

    “Rendo grazie a Dio per il dono della missione.  Sono un piccolo strumento di Dio per portare speranza e gioia ai sofferenti e ai bisognosi”.

    Jakarta (AsiaNews) – Suor Hugoline Elisabeth Deseilers, delle Serve missionarie del Santo Spirito (SSpS), è arrivata in Indonesia nel 1967. Da allora, ha vissuto con gioia i 50 anni della sua missione, portando amore e speranza ai bisognosi e alleviando le sofferenze di numerosi malati, in particolare terminali.

    “Dopo aver servito per 50 anni di lavoro missionario in Indonesia, rendo grazie a Dio per il dono della missione e della vocazione a lavorare tra la gente indonesiana. Sono un piccolo strumento di Dio per portare speranza e gioia ai sofferenti e ai bisognosi, nel servizio del Vangelo e nella luce della mia fede”, afferma suor Hugoline.

    Ispirata dal fratello, sacerdote missionario del Verbo Divino (Svd), suor Hugoline entra a far parte della congregazione delle SSpS all'età di 23 anni. “Ero solita visitare il mio fratello sacerdote a Steyl (Austria). È stato lui a introdurmi alle Serve missionarie. Alcune loro comunità erano nelle vicinanze”, racconta la suora a proposito del suo cammino vocazionale.

    Anche se l'Indonesia non è la destinazione preferita, accetta la missione in virtù della sua obbedienza. Atterrata a Jakarta il 16 marzo 1967, la missionaria tedesca comincia a soffrire di una grave malattia. La fedeltà della sua promessa a Dio, al quale affida la propria salute, aiuta suor Hugoline a guarire e donare la propria vita al servizio della missione nel Paese.

    La congregazione delle SSpS arrivò in Indonesia nel 1917. Negli ultimi 100 anni, molte vocazioni indonesiane sono partite missionarie in diverse parti del mondo. Oggi ci più di 700 sorelle dall'Indonesia dislocate in 5 province, tra cui Timor Est. “Sono felice di assistere alla crescita delle vocazioni alla vita religiosa tra le donne indonesiane. Questo è il frutto del nostro lavoro missionario per il quale ringraziamo Dio”, afferma suor Hugoline. “Vorrei che i nostri 100 anni di lavoro missionario (1917-2017) aumentino l'impegno di tutte le sorelle delle SSpS nella loro vita di missione e che lo Spirito Santo ci dia molte altre vocazioni”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/03/2010 FILIPPINE
    Volontaria cattolica in missione di speranza fra i detenuti
    Nelle carceri filippine i detenuti vivono in condizioni disumane e spesso soffrono malattie e disturbi mentali. Beatriz Buenavista Evangelista, da 11 anni catechista nel penitenziario di Quezon City, racconta la sua esperienza tra i carcerati e afferma:“Se queste persone languiscono dietro le sbarre la nostra missione è portare loro l’amore di Dio e i valori del Vangelo”.

    05/09/2016 10:39:00 INDONESIA
    Suor Lucy, una vita di lusso abbandonata per Madre Teresa

    La donna è nata in una delle famiglie più ricche d’Indonesia. La conversione mentre si trovava ad Hong Kong in un hotel di lusso: “Vedevo così tanti poveri che mi veniva da vomitare. Poi ho capito che dovevo fare qualcosa per loro”. Entrata nelle Missionarie della carità, ora si trova a Timor Est a lavorare per gli ultimi. La gioia dei cattolici indonesiani per la canonizzazione di Madre Teresa.

     



    09/12/2016 10:52:00 INDIA
    Suor Meena Barwa: Nel giorno dell’Immacolata, le Serve di Maria rinnovano i voti

    In Madhya Pradesh operano sette suore. Ieri in Orissa la professione di 19 nuove consorelle. In India e Germania le suore sono circa 500. Con particolare predilezione per poveri, donne e bambini, operano nel campo del sociale, dell’educazione e della sanità.



    08/06/2014 VATICANO
    Papa: Pentecoste, evento che si rinnova. Lo Spirito vivificante ci insegna, ci ricorda, ci fa parlare con Dio e con gli uomini
    Alla celebrazione in san Pietro, papa Francesco sottolinea che lo Spirito è "maestro di vita", non solo di dottrina. Egli "ci ricorda" tutto quanto Gesù ha fatto e ci spinge alla risposta. Cristiani senza memoria, "prigionieri del momento". Lo Spirito ci dona la preghiera e la profezia per parlare agli uomini "con franchezza, per mostrare apertamente le contraddizioni e le ingiustizie, ma sempre con mitezza e intento costruttivo". Senza lo Spirito non c'è missione. Maria e la Chiesa.

    14/08/2016 12:18:00 VATICANO
    Papa: La Chiesa non ha bisogno di burocrati, ma di missionari appassionati

    All’Angelus, papa Francesco mette in luce la necessità che nella Chiesa ci sia sempre il “fuoco” dello Spirito che “ci rende creativi e ci sprona a metterci in movimento per camminare anche su strade inesplorate o scomode, offrendo speranza a quanti incontriamo”. L’invito a prendere “cinque minuti e domandarci: Come va il mio cuore? È freddo, è tiepido o è capace di ricevere questo fuoco?”. Il grazie ai “numerosi sacerdoti e religiosi che, in tutto il mondo, si dedicano all’annuncio del Vangelo con grande amore e fedeltà, non di rado anche a costo della vita”. Il ricordo di san Massimiliano Kolbe.





    In evidenza

    EGITTO – VATICANO
    Papa in Egitto: l’Egitto chiamato a condannare violenza e povertà in Medio Oriente



    Nel discorso alle autorità Francesco sottolinea ruolo e responsabilità del Cairo nel futuro della regione. “Di fronte a uno scenario mondiale delicato e complesso, che fa pensare a quella che ho chiamato una ‘guerra mondiale a pezzi’, occorre affermare che non si può costruire la civiltà senza ripudiare ogni ideologia del male, della violenza e ogni interpretazione estremista che pretende di annullare l’altro e di annientare le diversità manipolando e oltraggiando il Sacro Nome di Dio”.


    ISLAM-VATICANO-EGITTO
    Un musulmano scrive al papa : Caro papa Francesco,..

    Kamel Abderrahmani

    L’ammirazione per la carità mostrata dal pontefice verso i rifugiati musulmani siriani, per il suo spingere all’amore e nel denunciare l’odio. “I nostri ulema non sono così” e non denunciano l’odio di Daesh e non fanno nulla per i cristiani. La richiesta perché nel viaggio in Egitto, spinga il presidente al Sisi e Al Azhar alla riforma dell’islam. Senza di questo Al Azhar rischia di essere l’accademia del fondamentalismo mondiale. Dal nostro amico e collaboratore Kamel Abderrahmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®