27 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/01/2017, 13.08

    INDIA

    Suora di Kandhamal: Cristo crocifisso mi ha spinto a servirlo

    Santosh Digal

    Suor Prabhati Sual Singh ha preso i voti insieme ad altre sei consorelle. Le religiose sono entrate nella congregazione delle suore di san Giuseppe di Annecy. La neo consacrata proviene dal distretto di Kandhamal, colpito nel 2008 dalle persecuzioni dei radicali indù.

    Cuttack (AsiaNews) – “Cristo crocifisso mi ha spinto a servirlo nella mia missione”. Lo afferma ad AsiaNews suor Prabhati Sual Singh, 22 anni, originaria dello Stato indiano dell’Orissa, martoriato dai pogrom del 2008, che ha preso i voti insieme ad altre sei consorelle. “La mia vita – aggiunge – appartiene a Gesù. Io faccio parte della sua missione. La sua missione è la mia visione”.

    Le religiose hanno espresso la loro professione di fede lo scorso 5 gennaio e ora fanno parte della congregazione delle suore di san Giuseppe di Annecy. Alla cerimonia di consacrazione erano presenti 25 sacerdoti, 40 suore e 50 laici, oltre a parenti e amici delle consorelle.

    Suor Prabhati proviene dalla parrocchia di san Giuseppe Lavoratore di Godapur, nel distretto di Kandhamal, dove tra il 2007 e il 2008 i cristiani hanno subito la più violenta persecuzione mai attuata in India dai radicali indù. Ora, continua, “sono pronta ad immergermi con convinzione nella missione di Gesù Cristo e, con la grazia di Dio, a lavorare per la Chiesa e persino a soffrire per Lui”.

    La suora riporta: “Oggi è un giorno speciale e splendido per tutte noi. I nostri cuori gioiscono di un nuovo canto con cui cantare e lodare Dio per il meraviglioso dono che ha dato alle nostre vite, per tutti gli alti e bassi che l’hanno resa degna di essere vissuta e per la vocazione alla vita religiosa che abbiamo ricevuto. L’amore di Dio, le sue grazie e le sue benedizioni ci hanno afferrato in modo potente, nonostante le nostre numerose imperfezioni”.

    La neo consacrata ringrazia anche i genitori presenti alla cerimonia, “perché hanno seminato in noi i semi della fede e sono rimasti saldi insieme a noi nel nostro viaggio verso Cristo, sostenendoci con preghiere e sacrifici”. Riferendosi a formatori e insegnanti, “sempre pazienti nel modellarci per renderci adatte a entrare nella famiglia di Dio”, conclude con un augurio: “Di rimanere sempre vicini in Dio, mentre saremo impegnate nelle nostre missioni nelle rispettive aree di apostolato”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/04/2016 12:12:00 INDIA
    Orissa, ordinati 2 sacerdoti al servizio dei cristiani di Kandhamal

    P. Pritam Singh e p. Bhanja Kishore Singh sono stati ordinati da mons. John Barwa, arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar. Alla cerimonia erano presenti oltre 1000 cattolici, 35 sacerdoti e 50 suore. Ora il distretto ha 12 sacerdoti, il numero più elevato di tutto lo Stato dell’Orissa. L’aumento delle consacrazioni conferma che la comunità cristiana non è intimorita dalle violenze scatenate dai radicali indù contro di essa.



    26/02/2016 11:01:00 INDIA
    Kandhamal, inaugurato il primo sito internet sulle vittime dell’Orissa

    Il sito è stato creato da un gruppo di attivisti, avvocati, intellettuali e artisti con lo scopo di essere “una fonte autentica di informazioni” sulle violenze del 2008 contro i cristiani. Il governo dell’Orissa ha nominato due commissioni di inchiesta, ma i risultati del loro lavoro non sono stati resi noti. Fino a gennaio 2016, presentate 3.232 denunce, ma solo 827 sono state registrate. Il tasso di assoluzione nei processi di omicidio è dell’88,6%.



    13/07/2016 11:28:00 INDIA
    Kerala, nelle sale il primo documentario sui martiri di Kandhamal

    Il documentario si intitola “Voce dalle rovine – Kandhamal in cerca di giustizia”, e sarà proiettato dal 17 al 19 luglio. Il regista ripercorre le origini della violenza contro i cristiani dell’Orissa, in maggioranza poveri tribali e dalit. I radicali indù si sono resi protagonisti di varie ondate di persecuzione a partire dagli anni ’60. La lotta dei sopravvissuti per avere giustizia; i numeri delle violenze.



    09/11/2010 INDIA
    Cristiani dell'Orissa, la persecuzione quotidiana
    Conversioni forzate, divieto di comprare merci nei negozi, fedeli costretti a vivere in case semidistrutte senza tetto e con pavimento di terra: nel Kandhamal sono “normali” le violenze contro i cristiani. Le autorità non intervengono. Il rapporto di uno speciale Gruppo di Indagine.

    18/10/2010 INDIA
    Leader indù: il terrorismo è estraneo alla nostra gente
    Ma un sacerdote ricorda ad AsiaNews le molte violenze di gruppi estremisti indù contro i cristiani, in Orissa e altrove. Negli Stati indiani governati da partiti nazionalisti indù, non c’è tutela per i cristiani vittime della violenza degli indù.



    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®