21 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 12/11/2010
TAIWAN
Taiwan, 19 anni di prigione per l’ex presidente Chen Shuibian
La Corte Suprema abbassa di un anno la pena inflitta dall’Alta Corte di Taipei al politico e alla moglie, condannati per corruzione. Gli altri cinque processi in corso potrebbero peggiorare la situazione. Per Chen si tratta di una sentenza politica ispirata dalla Cina continentale.

Taipei (AsiaNews/Agenzie) – La Corte Suprema di Taiwan ha condannato l’ex presidente dell’isola Chen Shui-bian e la moglie a 19 anni di galera per corruzione. La sentenza toglie un anno di detenzione alla coppia, che lo scorso giugno si era vista condannare a 20 anni.

Tuttavia rimane il dubbio che si tratti di una sentenza dal sapore politico: secondo diversi analisti, infatti, sul giudizio dei giudici ha pesato la feroce campagna anti-cinese portata avanti da Chen nei due mandati da presidente. La sentenza potrebbe però peggiorare, dato che contro l’ex coppia presidenziale pendono ancora diverse altre accuse.

Condannato all’ergastolo l’11 settembre del 2008 per l’utilizzo privato di fondi pubblici e traffico di denaro illecito, Chen sta subendo in questi mesi cinque altri processi per corruzione. Detenuto dal 30 dicembre 2008, egli insiste a proclamarsi vittima di un complotto politico, orchestrato da Pechino e portato avanti dall’attuale presidente Ma Ying-jeou.

La sentenza della Corte potrebbe influire sulle elezioni locali del 27 novembre, viste come un apri-pista rispetto alle presidenziali del 2012. Chen, infatti, è l’unico presidente del Partito democratico ad aver mai governato sull’isola, e ha sempre portato avanti con determinazione una feroce opposizione a ogni forma di dialogo con Pechino.

Proprio la sua lotta per l’indipendenza a ogni costo, che il Partito nazionalista del Kuomintang ha invece abbandonato da anni, gli ha assicurato l’odio della Cina continentale, secondo cui Taiwan – divisa de facto dal resto del Paese sin dal 1946, quando vi si rifugiarono i nazionalisti di Chiang Kai-shek sconfitti da Mao – è una “provincia ribelle” da riconquistare.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/06/2013 TAIWAN
Taiwan, l'ex presidente Chen Shui-bian tenta il suicidio in carcere
03/01/2012 TAIWAN
L’ex presidente Chen esce dal carcere per un funerale, ma in manette
11/06/2010 TAIWAN
La condanna a Chen ridotta dall’ergastolo a 20 anni
21/06/2006 Taiwan
Taipei, Chen promette: "Se la mia famiglia è corrotta me ne vado"
19/06/2006 Taiwan
Taiwan, 10mila in piazza per chiedere a Chen di andar via

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate