30 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 12/11/2010
TAIWAN
Taiwan, 19 anni di prigione per l’ex presidente Chen Shuibian
La Corte Suprema abbassa di un anno la pena inflitta dall’Alta Corte di Taipei al politico e alla moglie, condannati per corruzione. Gli altri cinque processi in corso potrebbero peggiorare la situazione. Per Chen si tratta di una sentenza politica ispirata dalla Cina continentale.

Taipei (AsiaNews/Agenzie) – La Corte Suprema di Taiwan ha condannato l’ex presidente dell’isola Chen Shui-bian e la moglie a 19 anni di galera per corruzione. La sentenza toglie un anno di detenzione alla coppia, che lo scorso giugno si era vista condannare a 20 anni.

Tuttavia rimane il dubbio che si tratti di una sentenza dal sapore politico: secondo diversi analisti, infatti, sul giudizio dei giudici ha pesato la feroce campagna anti-cinese portata avanti da Chen nei due mandati da presidente. La sentenza potrebbe però peggiorare, dato che contro l’ex coppia presidenziale pendono ancora diverse altre accuse.

Condannato all’ergastolo l’11 settembre del 2008 per l’utilizzo privato di fondi pubblici e traffico di denaro illecito, Chen sta subendo in questi mesi cinque altri processi per corruzione. Detenuto dal 30 dicembre 2008, egli insiste a proclamarsi vittima di un complotto politico, orchestrato da Pechino e portato avanti dall’attuale presidente Ma Ying-jeou.

La sentenza della Corte potrebbe influire sulle elezioni locali del 27 novembre, viste come un apri-pista rispetto alle presidenziali del 2012. Chen, infatti, è l’unico presidente del Partito democratico ad aver mai governato sull’isola, e ha sempre portato avanti con determinazione una feroce opposizione a ogni forma di dialogo con Pechino.

Proprio la sua lotta per l’indipendenza a ogni costo, che il Partito nazionalista del Kuomintang ha invece abbandonato da anni, gli ha assicurato l’odio della Cina continentale, secondo cui Taiwan – divisa de facto dal resto del Paese sin dal 1946, quando vi si rifugiarono i nazionalisti di Chiang Kai-shek sconfitti da Mao – è una “provincia ribelle” da riconquistare.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/06/2013 TAIWAN
Taiwan, l'ex presidente Chen Shui-bian tenta il suicidio in carcere
03/01/2012 TAIWAN
L’ex presidente Chen esce dal carcere per un funerale, ma in manette
11/06/2010 TAIWAN
La condanna a Chen ridotta dall’ergastolo a 20 anni
21/06/2006 Taiwan
Taipei, Chen promette: "Se la mia famiglia è corrotta me ne vado"
19/06/2006 Taiwan
Taiwan, 10mila in piazza per chiedere a Chen di andar via

In evidenza
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).
ASIA
Il Pime in Cina: uomini nuovi in strutture nuove
di Piero GheddoLa missione in Cina è possibile: deve puntare più alla formazione che alle strutture. L’esempio dei martiri antichi e nuovi. Una sintesi commentata della lettera che il Superiore generale del Pime ha mandato ai suoi confratelli, dopo un viaggio in Cina.
EUROPA - ISLAM
Imam di Nîmes: Lo Stato islamico uccide i cristiani, e rischia di eliminare anche l’islam dall’Europa
di Hocine Drouiche*L’islam politico sta diventando un “islam delinquente” che valorizza la menzogna, l’odio, l’inimicizia. I nemici sono i “cristiani” e tutto l’occidente. Ma l’islam ha avuto epoche in cui dialogo, ragione, incontro, assimilazione erano tenuti in grande stima. L’islam guerriero che tanto affascina molti giovani, è frutto di miti e manipolazioni e spinge all’islamofobia. E’ tempo di far nascere e crescere un islam europeo, garante della libertà di coscienza e capace di convivere con cristiani ed ebrei. Risolvere col dialogo il problema palestinese.

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate