27 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  •    - Kazakistan
  •    - Kyrgyzstan
  •    - Tagikistan
  •    - Turkmenistan
  •    - Uzbekistan
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 22/09/2012, 00.00

    UZBEKISTAN - CINA

    Tashkent dà il via all'esportazione di gas verso la Cina



    L'accordo con Pechino è il primo passo per uscire dalla crisi economica e sfuggire dall'egemonia di Mosca, principale acquirente del gas uzbeko. Prevista la vendita nel 2015 di 25 miliardi di metri cubi di gas all'anno. Nel 2011 su 63 milioni di metri cubi estratti, solo 12 milioni sono stati destinati all'esportazione. L'ex repubblica sovietica contribuirà allo sviluppo del gasdotto dell'Asia centrale sponsorizzato dalla Cina.

    Tashkent (AsiaNews/ Agenzie) - Per uscire dalla crisi economica e sfuggire al controllo di Mosca l'Uzbekistan dà il via all'esportazione di gas naturale verso la Cina. Firmato in agosto, l'accordo è stato rivelato solo lo scorso 12 settembre, durante la visita a Tashkent del vice-primo Ministro cinese Hui Liagyu. I rapporti fra i due Paesi erano iniziati nel giugno 2010 con la firma di un contratto intermedio che prevedeva l'esportazione di 10 miliardi di metri cubi di gas all'anno. Secondo il nuovo accordo l'Uzbekistan esporterà dai 2 ai 5 miliardi metri cubi  di combustibile nel 2012, quantità che aumenterà a 10 miliardi nel 2013 per stabilizzarsi sui 25 miliardi nel 2016.

    L'ex repubblica sovietica è il principale produttore e consumatore di gas naturale dell'Asia centrale, ma le sue esportazioni sono molto limitate. Dei 63 miliardi i metri cubi di materiale estratti nel 2011, le aziende del settore ne hanno esportato solo 12 miliardi. A tutt'oggi il principale acquirente è la Russia, seguita da Kazakistan, Tajikistan e Kirghizistan.   

    Le esportazioni con Pechino saranno effettuate attraverso il gasdotto che collega Asia Centrale e Cina che parte dal Turkmenistan e raggiunge il confine cinese attraverso Uzbekistan e Kazakistan. Esso ha una capacità annuale di 30 miliardi di metri cubi, ma le autorità cinesi prevedono di aumentare la quantità fino a 55 miliardi di metri cubi  entro il 2015. 

    L'inizio delle esportazioni di gas verso la Cina permetterà all'Uzbekistan di diversificare le esportazioni del settore energetico e di acquisire nuovi clienti e frenare la crisi economica che affligge il Paese. L'accordo con Pechino consente alla repubblica ex-sovietica di sganciarsi dall'orbita di Mosca, che controlla i suoi ex Paesi satellite imponendo prezzi di favore sull'acquisto di materie prime e l'esclusiva sulle esportazioni. Nel 2009 la Russia ha contribuito alla grave crisi economica del Turkmenistan riducendo l'acquisto di gas.

    I vantaggi per Pechino sono invece innumerevoli.  Allacciandosi al gasdotto cinese, Tashkent spingerà le altre repubbliche asiatiche a fare la stessa scelta, introducendo un alto livello di concorrenza nel settore, con un grande risparmio economico per la Cina. In questi anni il gigante asiatico è diventato uno dei principali partner del settore energetico dell'Asia centrale a causa della sua fame di energia e di materie prime per mantenere la crescita economica. Per contrastare l'egemonia di Mosca, Pechino ha contribuito alla costruzione di un enorme metanodotto che collegherà tutti i Paesi della regione, permettendo esportazioni in tutta l'Asia.

     

     

     

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/09/2011 UZBEKISTAN
    Tashkent rispolvera metodi sovietici contro l’urbanizzazione
    Preoccupate dall’eccesso di giovani e disoccupati provenienti dalle campagne, le autorità riapplicano il sistema della propiska: chi si sposta dal suo distretto perde diritti di base come istruzione e assistenza sanitaria.

    12/06/2009 RUSSIA
    In crisi il ruolo leader della Gazprom nell’energia
    Per anni la ditta statale russa ha goduto di una posizione di quasi monopolio. Ma non ha saputo investire in innovazione e sviluppo, limitandosi a concludere contratti a prezzi elevati per mantenere il controllo del mercato. Ora non può onorare gli accordi con l’Asia centrale e i suoi gasdotti sono vecchi e pericolosi.

    29/10/2008 RUSSIA - CINA
    Il greggio siberiano andrà in Cina
    Firmato l’accordo per la costruzione di un oleodotto dalla Siberia alla Cina. I premier Wen e Putin lodano la collaborazione e le intese Russia-Cina e progettano di lavorare insieme per riformare la finanza mondiale ottenendo “maggior voce”.

    31/01/2008 UZBEKISTAN
    Grande esportatore di gas, l’Uzbekistan tiene al freddo i suoi cittadini
    Nell’Uzbekistan ricco di energia, gli abitanti restano al freddo e al buio perché mancano gas ed elettricità. Con temperature di -20 gradi di giorno e che arrivano a -30 la notte, i cittadini protestano, ma le autorità non sono in grado di intervenire.

    24/09/2004 CINA - RUSSIA
    Sete di petrolio per Wen Jiabao in Russia




    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®