18 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/01/2017, 09.21

    IRAN - STATI UNITI

    Teheran, il Parlamento approva l’aumento delle spese militari: fino al 5% del bilancio statale



    Il piano quinquennale prevede il potenziamento di missili balistici, droni armati e cyber-guerra. I parlamentari hanno approvato con 173 voti favorevoli e 10 contrari. Intellettuali, artisti e attivisti di origine iraniana in Usa scrivono al neo presidente Trump: salvaguardare l’accordo sul nucleare per evitare nuovi conflitti nella regione.

     

    Teheran (AsiaNews) - Il Parlamento iraniano ha approvato ieri un aumento delle spese militari, che raggiungeranno quota 5% del bilancio complessivo dello Stato entro i prossimi anni. Il piano prevede anche lo sviluppo di missili di lungo raggio, contro i quali si è già scagliato a più riprese il neo presidente americano Donald Trump. Intanto negli Usa un gruppo di intellettuali, artisti e attivisti statunitensi di origine iraniana ha scritto una lettera aperta al prossimo inquilino della Casa Bianca, chiedendogli di non cancellare l’accordo sul programma nucleare di Teheran.

    Il voto di ieri del Parlamento iraniano è accolto con soddisfazione dall’esercito, dai Guardiani della rivoluzione e dal ministero della Difesa, che potevano contare sinora su un massimo del 2% del bilancio complessivo dello Stato. Tuttavia, la decisione potrebbe acuire le tensioni con l’Occidente, che ha già condannato i recenti test missilistici come violazione alla risoluzione Onu.

    Secondo l’agenzia iraniana Tasnim, una schiacciante maggioranza di parlamentari (173 contro 10) ha votato a favore di un piano di sviluppo quinquennale negli armamenti. Esso prevede “il rafforzamento delle capacità di difesa” dell’Iran come “potenza regionale” e migliori “garanzie” in tema di sicurezza.

    Il programma, già anticipato nel luglio 2015 dalla guida suprema iraniana, l’ayatollah Ali Khamenei, prevede anche il potenziamento di missili balistici, di droni armati e un miglioramento nelle capacità in tema di cyber-guerra. Di recente l’amministrazione uscente Usa, guidata da Barack Obama, ha criticato il piano missilistico ma ha sottolineato che esso non viola i termini dell’accordo sul nucleare. Trump invece ha già sottolineato che si impegnerà a fermare i progetti di Teheran.

    Dopo anni di embargo, nel 2015 l’Iran ha ottenuto un parziale alleggerimento delle sanzioni economiche dell’Occidente, in cambio dell’accordo sul controverso programma atomico. Un’intesa accolta in maniera positiva dalla maggioranza della comunità internazionale.

    Fra le posizioni critiche quella di Israele e del Congresso americano (a maggioranza repubblicano), dove si aspettano le prime mosse del neo presidente Trump. In campagna elettorale egli aveva minacciato di rottamare l’accordo, ma al momento non vi sono certezze sulle future mosse del prossimo presidente.

    Nei mesi scorsi Washington ha ribadito il blocco sull’uso del dollaro nelle transazioni bancarie, fermando i nuovi contratti economici stabiliti dopo l’accordo sul nucleare. Una decisione che ha influito anche sulla politica europea, in particolare nel settore bancario, e che non avrebbe impresso davvero quel cambio di rotta necessario per rilanciare la produzione interna in Iran. Ostacoli che, di fatto, favoriscono la fazione fondamentalista interna in Iran e mettono in crisi il programma di riforme del presidente moderato Hassan Rouhani.

    Nel tentativo di arginare una possibile escalation della tensione fra Teheran e la nuova amministrazione americana, un gruppo di intellettuali, artisti, docenti, attivisti statunitensi di origine iraniana ha scritto una lettera aperta al prossimo inquilino della Casa Bianca. Firmata fra gli altri dal professor Reza Aslan, dall’attrice Shohreh Aghdashloo e dal compositore Azam Ali, la missiva ricorda che l’accordo sul nucleare è un “buon” compromesso, che ha “ridotto di molto” le possibilità di una corsa agli armamenti in Medio oriente. Mentre l’allentamento delle sanzioni deve ancora mostrare i suoi effetti sulla popolazione, aggiungono i promotori della lettera, l’accordo ha rilanciato la “speranza” di un miglioramento della situazione per milioni di persone nel Paese. La guerra in Iraq e i conflitti nella regione sono costati in termini di denaro e di vite umane, rilanciato la violenza confessionale e la repressione del dissenso. “Per questo le chiediamo - concludono i firmatari - di non permettere a queste forze che soffiano sul conflitto di peggiorare la situazione acuendo la tensione con l’Iran”, perché sarebbe “un disastro per entrambe le nazioni”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/01/2017 13:05:00 STATI UNITI - A. SAUDITA - IRAN
    Trump e re Salman favorevoli a un applicazione “rigorosa” dell’accordo nucleare iraniano

    Il presidente Usa e il monarca saudita hanno discusso ieri della questione in una conversazione telefonica. L’obiettivo è “fronteggiare” le attività “destabilizzanti” di Teheran nella regione. In campagna elettorale Trump aveva minacciato di stralciare l’accordo. I due leader hanno parlato anche di terrorismo islamico e zone sicure in Yemen e Siria. 

     



    28/12/2016 12:57:00 IRAN
    Teheran, boom nell’export di prodotti non petroliferi: +10%, per un valore di 31,6 miliardi

    La bilancia commerciale registra un saldo positivo di 55 milioni. Le importazioni si sono assestate sui 31,5 miliardi, con un incremento del 4,3%. Fra i beni più esportati il gas naturale, il Gpl e l’olio lubrificante leggero. Fra i partner commerciali prevalgono Cina, Emirati e Turchia. Cresce la partnership economica e commerciale con la Germania. 

     



    05/03/2009 CINA - SUDAN
    La Cina chiede all’Onu di sospendere il mandato di arresto contro Omar al-Bashir
    Pechino esprime il timore che questo “possa peggiorare la situazione in Darfur”. Ma in anni non risulta essersi attivata per impedire il genocidio in atto, preferendo fare ottimi affari economici con Khartoum.

    01/06/2010 CINA
    La crescita cinese rallenta ancora a maggio. I timori di Wen Jiabao
    L’aumento della produzione industriale è frenato dalla crisi europea e dalle misure governative per rallentare la speculazione immobiliare. Il premier Wen, da Tokyo, ammonisce che c’è il rischio di una seconda crisi globale, ma è fiducioso sulla crescita cinese.

    26/04/2017 08:55:00 IRAN - STATI UNITI
    Vienna, crescono le incertezze sulla tenuta dell’accordo sul nucleare iraniano

    L’Iran e le principali potenze internazionali si sono incontrare ieri nella capitale austriaca. Al centro dei lavori “a porte chiuse” il “rispetto” dei termini previsti dall’accordo. Aumentano le tensioni fra Washington e Teheran. Ministro iraniano: gli Stati Uniti non rispettano né lo spirito, né i termini. 

     





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®