24 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/05/2016, 12.05

    IRAN

    Teheran, al nuovo parlamento sempre più riformisti e più donne

    Darius Karimian

    Dopo il secondo turno delle elezioni di tre giorni fa, i riformisti possono contare su 133 seggi; i conservatori su 125, che per la prima volta perdono la maggioranza. Vi sono anche 17 donne, in maggioranza riformiste. Una deputata è stata bloccata dal Consiglio dei Guardiani per aver stretto la mano ad un uomo. I dubbi su Khamenei.

    Teheran (AsiaNews) Il nuovo parlamento iraniano avrà più riformisti che conservatori e un discreto numero di donne, bel 17, che per la prima volta superano il numero di rappresentanti del clero sciita in parlamento.

    Dopo le elezioni dello scorso febbraio, si sono tenute il 29 aprile scorso le elezioni di ballottaggio, che hanno dato una buona vittoria al gruppo dei riformisti del presidente Hassan Rouhani e dei moderati. Su 290 seggi in totale, il gruppo riformista può contare su 133 seggi; essi non hanno la maggioranza, ma superano i conservatori, che contano su 125 seggi. I posti rimanenti sono andati a indipendenti e rappresentanti delle minoranze. È la prima volta che i conservatori non hanno la maggioranza.

    Le elezioni di tre giorni fa hanno dato la vittoria ad altre quattro donne. Nel primo turno, avevano vinto il seggio altre 14 donne, ma la vittoria di una di loro, Minoo Khaleghi, la terza più votata a Isfahan, è stata annullata dal Consiglio dei Guardiani perché – si dice – ha stretto la mano a un uomo non suo parente. Non si conosce ancora il suo destino perché il ministero degli interni e il presidente Rouhani si sono appellati contro la decisione del Consiglio.

    Finora le donne presenti in parlamento sono 17, una in più rispetto a rappresentanti del clero sciita, e sono in maggioranza delle riformiste (v. foto dal giornale “Shahrvand”). È la prima volta che il parlamento iraniano ha un numero di donne così elevato (il 9%). Il parlamento uscente ne aveva solo 9.

    Il parlamento iraniano ha poteri molto limitati perché le sue leggi devono essere approvate dal Consiglio dei Guardiani e dalla Guida suprema, Ali Khamenei. In ogni caso esso potrà legiferare elementi di riforme economiche, tanto urgenti e necessarie oggi, dopo anni di embargo. La Guida suprema, sebbene abbia appoggiato il lavoro di Rouhani per giungere all’accordo sul nucleare iraniano e alla caduta delle sanzioni, non sembra interessata ad appoggiare il presidente riformista per un altro termine, sebbene queste elezioni abbiamo dimostrato con chiarezza la volontà popolare di continuare le riforme economiche e aprirsi di più alla comunità internazionale.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/04/2016 15:09:00 IRAN
    La strana alleanza fra gli Stati Uniti e i fondamentalisti iraniani

    Washington blocca ancora l’uso del dollaro nelle transazioni bancarie, fermando i nuovi contratti economici stabiliti dopo l’accordo sul nucleare. Gli Usa sembrano dare man forte a Khamenei e alle guardie della rivoluzione, che vogliono affossare l’accordo per mantenere il potere. La popolazione sopravvive con i doppi e tripli lavori. L’Iran instabile e bellicoso accresce la vendita di armi. Il reportage.



    25/02/2016 14:38:00 IRAN
    Le elezioni in Iran, un test per Rouhani

    Domani si vota per il parlamento (Majlis) e per il Consiglio degli esperti, che sceglie la Guida suprema. Il confronto fra moderati e conservatori è soprattutto a Teheran. I moderati riformisti vogliono continuare le aperture verso il mondo e trovare soluzioni diplomatiche alle guerre del Medio oriente. Ma i conservatori hanno potere sui media, sulle preghiere del venerdì, sull’esercito e sui pasdaran.



    20/04/2016 08:57:00 IRAN-USA
    Kerry e Zarif per attuare l’accordo nucleare. Negli Usa c’è chi frena

    L’incontro è avvenuto nella sede Onu di New York. Gli Usa non hanno ancora tolto il divieto nell’uso del dollaro per l’Iran. In questo modo Teheran non può ricevere crediti per 100 miliardi accumulati in questi anni. Allo stesso tempo, banche e compagnie europee sono timorose nell’aprire contratti con Teheran perché temono multe da parte degli Stati Uniti.



    02/03/2016 15:17:00 IRAN
    La vittoria (non assoluta) per i moderati di Rouhani e i problemi a venire

    Il blocco moderati-riformatori prende almeno il triplo dei seggi rispetto alle precedenti elezioni. Buon numero anche nell’Assemblea degli esperti. Nel nuovo parlamento vi sono 14 donne, in maggioranza riformiste.  Estromessi gli esponenti più conservatori e radicali. La gente ha approvato la linea di Rouhani e l’accordo sul nucleare per normalizzare la politica estera e facilitare l’economia. Rimane qualche dubbio su Khamenei e sui pasdaran.



    10/01/2017 13:56:00 IRAN
    Teheran a lutto per i funerali di Rafsanjani

    Decine di migliaia di persone e tutti i leader del Paese hanno preso parte, oggi, alla cerimonia funebre. E’ stato definito “lo squalo” e “il pragmatico”: braccio destro  dell’ayatollah Khomeini, è stato presidente della Repubblica dal 1989 al 1997. Padre  dell'alleanza tra moderati e riformisti che ha portato alla vittoria Rouhany, è scomparso a pochi mesi dalle prossime difficili elezioni presidenziali.

     





    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®