24 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/05/2010, 00.00

    IRAN

    Teheran, condannato giornalista per aver scritto sull’Onda verde



    Si tratta di Maziar Bahari, iraniano-canadese. È stato condannato “in absentia”. Era stato liberato su cauzione. Almeno 30 giornalisti rimangono in prigione per aver sostenuto l’opposizione ad Ahmadinejad.
    Teheran (AsiaNews/Agenzie) – Un giornalista di Newsweek è stato condannato “in assenza” a 13 anni di prigione e a 74 frustate per aver riportato notizie sulle proteste dell’Onda verde, il movimento di opposizione sorto dopo le contestate elezioni di Ahmadinejad.
     
    Maziar Bahari, iraniano-canadese, era stato imprigionato lo scorso anno per quattro mesi, poi rilasciato su cauzione (di circa 300 mila dollari Usa), per permettergli di uscire dal Paese e visitare la moglie che stava per avere un figlio.
     
    La Corte rivoluzionaria lo ha condannato per “collaborazione e collusione in atti contro la sicurezza nazionale”, detenzione di documenti confidenziali, offese al presidente e propaganda contro il sistema.
     
    Bahiri ha dichiarato all’Ap che il regime di Teheran vuole “spaventare quanta più gente possibile”.
    Almeno 30 giornalisti, scrittori e blogger sono reclusi nelle prigioni iraniane. Fra questi vi è pure il regista Jafar Panahi. Egli era stato scelto per partecipare come giudice al festival di Cannes, ma il suo posto è rimasto vuoto. Il governo francese ha chiesto ieri la sua liberazione.
     
    L’Onda verde, che continua a chiedere la revisione delle elezioni e organizza di continuo manifestazioni subito soppresse con la violenza, afferma che dal giugno dello scorso anno sono state uccise almeno 70 persone. Migliaia sono state arrestate. Di queste almeno 200 rimangono in prigione, sotto la minaccia di torture e della pena di morte.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/03/2011 IRAN
    Tehran, oltre 200 arresti nelle manifestazioni contro il regime
    La polizia in borghese ha caricato i manifestanti su furgoni, picchiandoli con manganelli e bastoni. Arresti e scontri anche in altre città del Paese. Migliaia di giovani dell’Onda si erano riuniti lo scorso 1°marzo per protestare contro l’arresto dei leader dell’opposizione Mousavi e Kharroubi.

    21/01/2010 IRAN
    Khamenei e Ahmadinejad minacciano giornali e l’Onda verde: nessuna tolleranza
    Si attendono nuovi scontri per l’11 febbraio, 31° anniversario della Rivoluzione khomeinista. Previste ingenti manifestazioni dell’opposizione e dei sostenitori del governo. Quindici giornali hanno ricevuto “avvertimenti” perché pubblicano critiche al presidente, definiscono “caotica” la situazione; dicono che non c’è libertà di espressione. Proibiti l’uso di e-mail e sms per organizzare dimostrazioni.

    30/01/2010 IRAN
    Folla a Qom grida “Morte a Khamenei”, in ricordo di Montazeri
    Nonostante rigidi controlli e posti di blocco, un gruppo di persone si è radunata a 40 giorni dalla morte dell’ayatollah defunto. Non si placa la pressione dell’Onda verde, anche se aumenta la repressione.

    17/03/2010 IRAN
    Polizia schierata per frenare la festa iraniana del fuoco
    Khamenei: Questa festa porta danni e corruzione, è meglio evitarla. L’opposizione invita a usare la festa per manifestare contro il regime. Vi sono stati 50 arresti, ma per “disturbo della quiete pubblica”.

    11/02/2010 IRAN
    Appello delle “Madri piangenti” dell’Iran: liberate i nostri figli, arrestate chi li uccide
    Nel 31° anniversario della Rivoluzione islamica, un gruppo di madri protesta contro le violenze del regime verso i giovani. Manifestazione a favore di Ahmadinejad con decine di migliaia di aderenti. Minacciate le dimostrazioni degli oppositori.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®