22 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/07/2017, 08.56

    IRAN

    Teheran, il fratello del presidente Rouhani arrestato per “reati finanziari”



    La magistratura ha disposto un mandato di arresto nei confronti di Hossein Ferydoun. Revocati i termini per la libertà su cauzione. Egli sarebbe coinvolto in uno scandalo relativo a salari gonfiati di manager pubblici. Portavoce magistratura: Altre persone coinvolte nell’inchiesta e finite in prigione.

     

    Teheran (AsiaNews) - La magistratura iraniana ha disposto un mandato di arresto nei confronti di Hossein Ferydoun, fratello del presidente Hassan Rouhani, per non meglio precisati “reati finanziari”. Egli non sarebbe riuscito a rispettare i termini della libertà su cauzione e, per questo, è stato condotto in prigione.

    In passato egli era stato associato a funzionari pubblici, al centro di uno scandalo relativo a salari gonfiati di alcuni manager di una compagnia di assicurazioni statali. Egli ha sempre respinto con forza le accuse di cattiva condotta.

    La vicenda si trascina da oltre un anno ed è emersa anche in occasione della recente campagna elettorale che ha portato, al termine del voto, alla conferma del fratello e presidente Hassan Rouhani a un secondo mandato. Del resto il tema della corruzione, assieme all’economia, è stato uno degli elementi chiave di dibattito fra i vari candidati.

    I suoi rivali, in particolare Ebrahim Raisi, hanno accusato Rouhani di aver bloccato l’inchiesta di corruzione a carico dei familiari. Inoltre, alcuni ministri del suo governo sarebbero coinvolti in un giro di importazioni illegali e lo stesso presidente avrebbe ricevuto proprietà pubbliche dietro forti sovvenzioni. Gholamhossein Mohseni-Ejeie, portavoce del sistema giudiziario, riferisce che “una serie di inchieste hanno puntato tutte dritte verso la stessa persona [il sig. Ferydoun]; anche altre persone sono state oggetto di indagine, alcune di queste sono finite in prigione”. Ieri il provvedimento di rilascio dietro cauzione; il mancato rispetto ha portato alla detenzione in cella.

    Il cosiddetto “scandalo payslip” è iniziato nel maggio dello scorso anno, quando è diventato di pubblico dominio il compenso di alcuni fra i più importanti manager statali. Alcuni di loro percepivano stipendi fino a 50 volte superiori al minimo del settore. La vicenda ha tenuto banco per diversi mesi sulle pagine dei quotidiani nazionali. (DS)

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/07/2017 11:29:00 IRAN
    Teheran, libero dietro cauzione (milionaria) il fratello del presidente Rouhani

    Hossein Ferydoun era stato arrestato ieri per “reati finanziari”. In un primo momento la cauzione fissata a oltre 13 milioni di dollari, poi scesa a 9,3 milioni. L’indagine resta aperta ed egli potrebbe finire di nuovo in prigione. Si inasprisce la lotta fra magistratura (sostenuta dai Guardiani della rivoluzione) e Rouhani.

     



    28/07/2017 11:32:00 IRAN
    Peggiorano le condizioni di salute di Mehdi Kharroubi e Hossein Mousavi

    Sono ai domiciliari dal 2011 per aver sostenuto il movimento “Onda verde” e contestato i risultati elettorali del 2009. Gli attivisti per i diritti umani chiedono il loro rilascio, promesso da Rouhani in campagna elettorale, ma osteggiato dai conservatori. 



    05/09/2014 IRAN
    Teheran, libero attivista per i diritti umani, già condannato a morte
    Abdullah al Mansour combatte per una maggiore autonomia delle minoranze arabe e sunnite nel Kuzestan. Liberati anche il giornalista riformista Mehdi Mahmoudian e il blogger Hossein Ronaghi Maleki, entrambi sostenitori dell'Onda verde, il movimento di critica all'elezione di Ahmadinejad nel 2009.

    28/07/2016 08:44:00 IRAN
    Il 19 maggio 2017 elezioni presidenziali. I rischi per Rouhani

    Il presidente è amato dagli iraniani per aver sbloccato i rapporti con la comunità internazionale. Ma le frange conservatrici mostrano i pochi benefici ricevuti. L’economia iraniana è ancora bloccata grazie agli Usa, che mantengono l’embargo sull’uso del dollaro nelle transazioni finanziarie.



    05/01/2016 A.SAUDITA-IRAN
    Anche il Kuwait richiama l’ambasciatore da Teheran
    Critiche all’Iran da Mauritania e Egitto. La condanna del Consiglio di sicurezza Onu. La lettera di scuse di Hassan Rouhani. L’inviato Onu per la Siria, Staffan de Mistura, in visita a Riyadh e Teheran per salvare i dialoghi di pace. Squadre di calcio saudite giocheranno contro le iraniane, ma in terreno neutro.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®