19 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/12/2017, 08.55

    IRAN

    Teheran, niente più arresti per chi viola il ‘codice d’abbigliamento islamico’



    Lo annuncia la polizia della capitale. Corsi educativi al posto della prigione. Il rigido codice d’abbigliamento è in vigore dalla Rivoluzione, e resta valido fuori la capitale. 

    Teheran (AsiaNews/Agenzie) – Niente più carcere per chi viola il codice d’abbigliamento islamico nella capitale. Lo ha riferito due giorni fa il generale brigadiere della polizia della capitale, Hossein Raimi. Al posto della prigione, le persone scoperte a indossare un abbigliamento “inadeguato” saranno spinte a frequentare corsi educativi.

    “In base alla decisione del comandante della forza di polizia, quelli che non osservano propriamente il codice di abbigliamento islamico non verranno più portati nei centri di detenzione, né verranno aperti casi penali nei loro confronti”, ha sostenuto Rahimi, per poi aggiungere che più di 7.900 persone hanno preso parte ai corsi offerti in 100 centri di consulenza della provincia di Teheran.

    Tuttavia, le regole restrittive restano in vigore al di fuori della capitale e, a quanto riporta l’agenzia iraniana semi-officiale Tasmin, i recidivi potrebbero ancora affrontare conseguenze legali.

    Il regolamento è in vigore nella Repubblica islamica sin dalla rivoluzione del 1979. In base ad esso, le donne devono coprire i capelli e a indossare abiti larghi e lunghi. Un diktat che molte giovani donne iraniane sfidano indossando veli che lasciano in modo parziale scoperta la testa, soprattutto nella capitale. In passato, molti uomini sono stati fermati per aver esposto il torso nudo o aver indossato pantaloni corti.

    Sotto la presidenza del moderato Hassan Rouhani,  in modo graduale l'Iran sta liberalizzando i suoi costumi nonostante il predominio dei fautori della linea più dura e conservatrice fra le forze di sicurezza e nel sistema giudiziario del Paese. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/06/2014 IRAN
    Due terzi dei deputati iraniani chiedono rispetto totale per l'obbligo del velo
    In una lettera al presidente Rouhani denunciano "l'invasione culturale" che tenta di cambiare quanto stabilito dalla legge islamica. Ma a ottobre il presidente aveva chiesto alla polizia di essere moderata nell'applicazione delle prescrizioni del hijab e ha detto di recente: "Non possiamo portare le persone in paradiso a frustate"

    19/11/2016 09:14:00 ARABIA SAUDITA
    Donne saudite, dall’abbigliamento alla società: la ricerca del cambiamento

    Negli ultimi anni i collegamenti fra le diverse culture, i social network e la globalizzazione stanno cambiando le società del mondo, anche quella saudita. Segnali come piccole modifiche all’abbigliamento, la possibilità di lavorare e di trascorrere periodi all’estero rendono più consapevoli le donne.



    20/04/2007 IRAN
    Velo islamico: un milione fermate, 10mila processate
    A Teheran, con l’inizio della primavera la polizia ricomincia a controllare l’abbigliamento delle donne. Se hanno capelli visibili, troppo trucco o non abbastanza vestiti, sono accusate di creare “insicurezza negli spazi pubblici. Le “irregolari” vengono sottoposte ad una procedura che mira ad umiliarle.

    19/08/2017 09:21:00 TAJIKISTAN
    Dushanbe, la polizia ferma 8mila donne perché non portano bene il velo

    Lanciata una campagna per portare in modo "corretto" gli abiti islamici. Secondo fonti governative, il velo è uno strumento per identificare le donne appartenenti a gruppi terroristi.  



    16/07/2007 IRAN
    Chador all’ultima moda in conformità alla legge islamica
    Il governo di Teheran lancia una nuova serie di indumenti femminili per incentivare le donne ad osservare l’obbligo del velo. Ma al mercato clandestino si smerciano vestiti “immorali”.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®